lavoro-ridotto-e-abusi-la-seco-controlla-e-sanziona
ti-press
Misure di aiuto straordinarie, ma anche rischi straordinari
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
4 gior

Falcon Bank ed ex Ceo a processo per riciclaggio

Per il caso del fondo sovrano malese 1Mdb che portò, tra le altre cose, allo scioglimento della Bsi
Economia
4 gior

La Banca nazionale svizzera non cambia rotta

Invariata la politica monetaria espansiva. Tassi fermi al -0,75%. Il presidente Jordan sul caso Evergrande: né allarmismo, né sottovalutazione
Economia
4 gior

Gam chiude alcuni fondi proposti dalla succursale di Lugano

A causa della chiusura dei fondi, giudicati troppo piccoli per una gestione efficiente o con poche prospettive di crescita, 17 dipendenti lasceranno la società
Economia
5 gior

Kathrin Wehrli lascia la direzione generale di Raiffeisen

La responsabile del dipartimento Prodotti e servizi di investimento lascia la banca con effetto immediato, motivando la decisione con ragioni private
Economia
6 gior

Continua il buon momento dell’edilizia

Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
6 gior

Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
1 sett

Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio

Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
1 sett

In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania

Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
1 sett

Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea

Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
2 sett

Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro

Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
07.09.2021 - 10:540
Aggiornamento : 15:19

Lavoro ridotto e abusi, la Seco controlla e sanziona

Ad agosto sono stati segnalati circa mille casi sospetti. Sono una ventina le denunce penali, mentre 130 sono stati i conteggi da correggere

Berna - A fine agosto 2021 la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) aveva ricevuto circa mille segnalazioni di abusi relativi alla riscossione dell’indennità per lavoro ridotto (Ilr) e ha finora emesso oltre 200 mandati di verifica in tal senso. In questo periodo vengono controllate da 40 a 60 aziende al mese sulla base dei casi sospetti trasmessi. La Seco persegue d’ufficio tutte le segnalazioni di abuso e denuncia in modo sistematico le violazioni penalmente rilevanti.

Nel mese di giugno la Seco ha annunciato che il personale attivo nella lotta contro gli abusi era pienamente operativo. Sulla base delle segnalazioni ricevute, finora sono state disposte oltre 200 ispezioni di aziende che hanno riscosso l’Ilr durante la pandemia o che la stanno ancora percependo. Dall’agosto 2021 il personale interno ed esterno della Seco passa in rassegna tra le 40 e le 60 aziende al mese, contro una media di dieci controlli al mese negli anni precedenti la pandemia. Le risorse a disposizione a questo scopo corrispondono a 21 posti a tempo pieno. La Seco pubblica nelle sue statistiche i casi conclusi ogni mese (www.lavoro.swiss).

Rallentamento delle segnalazioni

A fine agosto la Seco aveva ricevuto circa mille segnalazioni di abusi, ora trattate in via prioritaria. Le segnalazioni provengono dalla piattaforma per il whistleblowing del Controllo federale delle finanze (www.cdf.admin.ch) e dal portale web dell’Ad (www.lavoro.swiss), oppure vengono trasmesse direttamente al Servizio di revisione dell’assicurazione contro la disoccupazione (Ad). Le casse di disoccupazione hanno finora segnalato alla Seco altri 500 conteggi sospetti. A fine maggio le segnalazioni pervenute erano già 900. Tra maggio e agosto il numero di segnalazioni è di conseguenza rallentato.

Venti denunce penali

A fine agosto la Seco aveva controllato 187 datori di lavoro. In 20 casi (10,7%) è stato riscontrato un abuso ed è stata sporta denuncia penale. In 130 casi (69,5%) i datori di lavoro hanno dovuto correggere i conteggi Ilr errati. In 37 controlli di datori di lavoro (19,8%) la Seco ha constatato il corretto svolgimento dei conteggi. In molti casi l’eventuale abuso non è intenzionale. In questo ambito (controllo dei datori di lavoro) la Seco ha finora presentato richieste di rimborso per un importo di circa 17,4 milioni di franchi.

Restituzioni: è possibile richiederle fino a cinque anni dopo

La Seco presume che, se il ritmo rimane lo stesso, le segnalazioni di abuso saranno trattate entro la fine del secondo trimestre 2022, dopodiché si passerà ai controlli in funzione dei rischi. Per le prestazioni dell’Ilr riscosse indebitamente può essere richiesta la restituzione fino a cinque anni dopo il versamento.

Il Servizio di revisione dell’Ad esamina d’ufficio tutte le segnalazioni di abuso e denuncia in modo sistematico le violazioni rilevanti a livello penale.

A seguito della pandemia l’Ad ha versato un ammontare ingente di indennità di lavoro ridotto che non ha precedenti. Di conseguenza, è stato necessario rafforzare notevolmente anche la lotta contro gli abusi. La Commissione di sorveglianza per il fondo di compensazione dell’Ad ha già dato il via libera il 27 agosto 2020 all’aumento delle risorse di personale per il controllo nel settore dell’Ilr e ha stanziato a tal fine altri 25 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved