la-cina-blocca-le-criptovalute-crollo-del-bitcoin
Tempi duri per il Bitcoin (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Ricchezza privata, patrimoni a livello record in Svizzera

Salgono a 5000 miliardi di dollari, grazie in particolare al buon andamento del mercato azionario e di quello immobiliare
Economia
2 gior

L'euforia delle borse preoccupa solo a metà

È quanto emerge da un seminario dell'Associazione bancaria ticinese, utile per capire meglio le ragioni – giuste e sbagliate – dell’ottimismo finanziario
Economia
5 gior

Cala (anche se di poco) la disoccupazione in Svizzera

In maggio il tasso è del 3,1 per cento. Ticino all'undicesimo posto fra i cantoni più toccati
Economia
6 gior

G7, una tassa minima per le grandi aziende. Timori in Svizzera

Equità globale fiscale con un'aliquota minima del 15 per cento. Due economisti temono conseguenze non positive per la Confederazione
Economia
1 sett

I giovani desiderano una casa di proprietà

Il 77% della fascia di età tra i 16 e i 25 anni ha questa ambizione che rischia di rimanere un sogno a causa degli elevati requisiti di finanziamento
Economia
1 sett

Ripresa e lavoro, disoccupazione prevista sotto il 3%

È quanto immaginano gli economisti di Raiffeisen. Immutate le previsioni di crescita dell’economia svizzera del 2,8% quest’anno e del 2,5% il prossimo
Economia
1 sett

Risorse naturali esaurite già a fine luglio

Quest’anno si anticipa di quasi un mese il giorno in cui i consumi dell’anno arrivano a termine
Economia
1 sett

Facebook nel mirino dell’antitrust europea

La Commissione Ue vuol verificare se il social network ha violato la regole sulla concorrenza con il servizio Marketplace
Economia
1 sett

Legge federale sulla protezione dei dati: quale l'impatto?

Il prossimo webinar organizzato dal gruppo di lavoro ‘Cyber sicuro’ sarà dedicato alle aziende e al mondo economico
Economia
19.05.2021 - 21:490

La Cina blocca le criptovalute, crollo del Bitcoin

Dopo Elon Musk anche la Banca centrale di Pechino affossa la moneta virtuale, che è arrivata a perdere oltre il 30%, per poi risalire

Dopo Elon Musk, la Banca centrale cinese assesta un duro colpo alle criptovalute e fa affondare i Bitcoin che a un certo punto hanno accusato una perdita di oltre il 30%, a 30.000 dollari, bruciando 500 miliardi di capitalizzazione di mercato per poi ridurre la perdita a -10%. La Cina ha vietato agli istituti finanziari e alle società di pagamento di fornire servizi relativi alle transazioni di criptovaluta e ha messo in guardia gli investitori dal suo trading speculativo: un'ultima mossa, in nome della stabilità dei mercati, per neutralizzare quello che era un fiorente mercato del trading digitale, ma dal potenziale effetto destabilizzante.

In base al divieto, tali istituzioni, comprese banche e canali di pagamento online, non devono offrire ai clienti alcun servizio che coinvolga le criptovalute, in base a una dichiarazione congiunta di National Internet Finance Association of China, China Banking Association e Payment and Clearing Association of China, che ha ripreso le indicazioni della Banca centrale.

Mix esplosivo

Quanto basta per scatenare un mix esplosivo, in aggiunta al patron di Tesla che pochi giorni fa ha annunciato che il colosso delle auto elettriche non accetterà più Bitcoin per l'acquisto di auto: la criptovaluta di punta è scesa a minimi di oltre tre mesi, mandando in fumo oltre il 50% rispetto al record di quasi 65.000 dollari di aprile e proseguendo la settimana di vendite nello spazio crittografico. Ether, la moneta principale per la rete blockchain di Ethereum, è stata anche bruscamente colpita dalle vendite, scivolando sotto i 2.000 dollari e perdendo oltre il 40% del suo valore in meno di 24 ore.

Sotto pressione anche la californiana Coinbase che ha subito perdite a due cifre. Anche Tesla, con tutti tecnologici, è finita sotto pressione, ma Musk è sembrato non voler arretrare verso la criptovaluta. Con degli emoji, il patron di SpaceX ha scritto su Twitter che "Tesla has diamond hands", un'espressione per indicare la volontà di un investitore di mantenere invariata la sua posizione nonostante i potenziali rischi e le perdite. I titoli della compagnia di auto elettrica sono calati a Wall Street del 5,4%, perdendo un record di circa 300 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato da gennaio.

Le conseguenze

La mossa della People's Bank of China (Pboc) non è stata la prima contro la valuta digitale. Nel 2017 chiuse le piattaforme di criptovaluta, soffocando un mercato speculativo pari al 90% del commercio globale di Bitcoin, nonostante le 'fonderie' o 'miniere' di produzione dei Bitcoin continuino a fiorire nel Paese, al punto da mandare in tilt le forniture elettriche in intere province, come nel caso della Mongolia interna. A giugno 2019, la Banca centrale emise una nota in cui affermava che avrebbe bloccato l'accesso a tutti gli scambi di criptovaluta nazionali ed esteri e ai siti Web di offerta iniziale di monete, con l'obiettivo di reprimere tutto il trading di criptovaluta con il divieto di cambio. Nell'occasione, la Pboc lanciò anche un monito che può aiutare a leggere l'ultimo tracollo delle criptovalute: "I rischi del trading, essendo valute virtuali, poggiano anche sul fatto che non sono supportate dal valore reale", i loro prezzi sono "facilmente manipolabili" e i contratti di trading non sono protetti dalla legge cinese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved