la-cina-blocca-le-criptovalute-crollo-del-bitcoin
Tempi duri per il Bitcoin (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Casse pensioni svizzere, grado di copertura a livelli record

È quanto emerge dall’analisi periodica condotta da Swisscanto. La ragione principale: il buon andamento dei mercati borsistici.
Economia
1 gior

Il 25% delle vendite potrebbe presto spostarsi sull’online

Boom di acquisti sul web, negozi sotto pressione: anche in Svizzera la tendenza si rafforza. Lo rivela uno studio della società di consulenza Alvarez&Marsal.
Economia
1 gior

Niente Bitcoin per Amazon: smentita di Jeff Bezos

Nel giro di poche ore il valore della moneta virtuale è crollato, velocemente come era salito dopo le incresrezioni sulla piattaforma e-commerce
Economia
5 gior

Lonza ha creato in Vallese mille impieghi in sei mesi

A Visp il gruppo farmaceutico produce il principio attivo per il vaccino di Moderna. Il titolo alla borsa di Zurigo fa segnare un +22% da inizio 2020.
Economia
6 gior

Farmaceutica, Roche vola grazie ai test Covid

Il colosso farmaceutico basilese nel primo semestre del 2021 ha registrato una crescita del 5% con un fatturato di 30,71 miliardi di franchi
Economia
1 sett

Julius Bär: utile record nel primo semestre

In quanto a patrimoni amministrati si è registrata una progressione del 20% rispetto a fine dicembre
Economia
1 sett

Efg International: risultati in forte crescita

Stando ai vertici gli affari sono andati bene soprattutto in Svizzera e in Italia
Economia
1 sett

Novartis, nel secondo trimestre crescono vendite e profitti

Il fatturato è ammontato a 13,0 miliardi di dollari (+14% su base annua, +9% a tassi di cambio costanti), mentre l'utile netto è cresciuto del 55% a 2,9 miliardi
Economia
1 sett

Balzo in avanti delle vendite per Medacta

Il gruppo ha sede a Castel San Pietro e produce dispositivi ortopedici. Opera in 40 Paesi nel mondo
Economia
19.05.2021 - 21:490

La Cina blocca le criptovalute, crollo del Bitcoin

Dopo Elon Musk anche la Banca centrale di Pechino affossa la moneta virtuale, che è arrivata a perdere oltre il 30%, per poi risalire

Dopo Elon Musk, la Banca centrale cinese assesta un duro colpo alle criptovalute e fa affondare i Bitcoin che a un certo punto hanno accusato una perdita di oltre il 30%, a 30.000 dollari, bruciando 500 miliardi di capitalizzazione di mercato per poi ridurre la perdita a -10%. La Cina ha vietato agli istituti finanziari e alle società di pagamento di fornire servizi relativi alle transazioni di criptovaluta e ha messo in guardia gli investitori dal suo trading speculativo: un'ultima mossa, in nome della stabilità dei mercati, per neutralizzare quello che era un fiorente mercato del trading digitale, ma dal potenziale effetto destabilizzante.

In base al divieto, tali istituzioni, comprese banche e canali di pagamento online, non devono offrire ai clienti alcun servizio che coinvolga le criptovalute, in base a una dichiarazione congiunta di National Internet Finance Association of China, China Banking Association e Payment and Clearing Association of China, che ha ripreso le indicazioni della Banca centrale.

Mix esplosivo

Quanto basta per scatenare un mix esplosivo, in aggiunta al patron di Tesla che pochi giorni fa ha annunciato che il colosso delle auto elettriche non accetterà più Bitcoin per l'acquisto di auto: la criptovaluta di punta è scesa a minimi di oltre tre mesi, mandando in fumo oltre il 50% rispetto al record di quasi 65.000 dollari di aprile e proseguendo la settimana di vendite nello spazio crittografico. Ether, la moneta principale per la rete blockchain di Ethereum, è stata anche bruscamente colpita dalle vendite, scivolando sotto i 2.000 dollari e perdendo oltre il 40% del suo valore in meno di 24 ore.

Sotto pressione anche la californiana Coinbase che ha subito perdite a due cifre. Anche Tesla, con tutti tecnologici, è finita sotto pressione, ma Musk è sembrato non voler arretrare verso la criptovaluta. Con degli emoji, il patron di SpaceX ha scritto su Twitter che "Tesla has diamond hands", un'espressione per indicare la volontà di un investitore di mantenere invariata la sua posizione nonostante i potenziali rischi e le perdite. I titoli della compagnia di auto elettrica sono calati a Wall Street del 5,4%, perdendo un record di circa 300 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato da gennaio.

Le conseguenze

La mossa della People's Bank of China (Pboc) non è stata la prima contro la valuta digitale. Nel 2017 chiuse le piattaforme di criptovaluta, soffocando un mercato speculativo pari al 90% del commercio globale di Bitcoin, nonostante le 'fonderie' o 'miniere' di produzione dei Bitcoin continuino a fiorire nel Paese, al punto da mandare in tilt le forniture elettriche in intere province, come nel caso della Mongolia interna. A giugno 2019, la Banca centrale emise una nota in cui affermava che avrebbe bloccato l'accesso a tutti gli scambi di criptovaluta nazionali ed esteri e ai siti Web di offerta iniziale di monete, con l'obiettivo di reprimere tutto il trading di criptovaluta con il divieto di cambio. Nell'occasione, la Pboc lanciò anche un monito che può aiutare a leggere l'ultimo tracollo delle criptovalute: "I rischi del trading, essendo valute virtuali, poggiano anche sul fatto che non sono supportate dal valore reale", i loro prezzi sono "facilmente manipolabili" e i contratti di trading non sono protetti dalla legge cinese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved