risultati-solidi-anche-per-raiffeisen-ticino-e-moesa
Da sinistra: Mauro Cavadini e Luca Cimasoni (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
10 ore

Nel 2021 niente Forum economico mondiale, neanche a Singapore

L'edizione che avrebbe dovuto tenersi nel Paese asiatico, dopo la cancellazione dell'incontro in gennaio a Davos, non avrà luogo a causa della pandemia
Economia
10 ore

A Lucerna l’indotto turistico è letteralmente crollato

Il prodotto interno lordo del comparto nel 2020, a causa della crisi pandemica, è diminuito del 76% nella città e del 60% nel Cantone
Economia
1 gior

Credit Suisse avrebbe per anni infranto i regolamenti

Tre domenicali svizzero tedeschi scrivono che i dirigenti della banca hanno ignorato più di cento segnalazioni di avvertimento su violazioni
Economia
3 gior

Swiss Life ‘fa pace’ con il Dipartimento di giustizia Usa

Multa da 70 milioni di franchi per le attività cross border con clienti statunitensi risalente agli anni scorsi. Importo già accantonato e imputato all’esercizio 2020
Economia
3 gior

Le criptovalute affascinano gli svizzeri, ticinesi compresi

Lo dice il portale finanziario Cash. Gli abitanti della Confederazione sono al decimo posto: al primo Nigeria, poi Slovenia, Olanda e Cipro.
Economia
4 gior

Elon Musk rinnega i bitcoin, la criptovaluta crolla del 16%

Il patron di Tesla fa retromarcia a causa della preoccupazione per l'utilizzo di fonti fossili nella produzione, annunciando che il gruppo non li accetterà più
Economia
4 gior

Il patron di Tesla abbandona i bitcoin

La criptovaluta non sarà più accettata come forma di pagamento. Per produrla si usa troppa energia fossile
Economia
6 gior

Previdenza, il coronavirus non ha intaccato le casse pensioni

La maggior parte degli istituti di previdenza professionale ha chiuso l’esercizio 2020 con tassi di copertura al rialzo raggiungendo il livello più alto dal 2012
Economia
1 sett

Il mercato dello sport ha retto bene al semi-lockdown

Nonostante lo stop dal 17 marzo all'11 maggio 2020, raggiunte le vendite di articoli sportivi dell'anno precedente. Boom fitness ed e-bike, giù sci e snowboard
Economia
1 sett

Ma le banconote svizzere non ‘scadono’ mai

I biglietti della sesta e ottava serie non sono più accettate come mezzo di pagamento forzoso, ma possono essere ancora scambiate uno a uno con quelle nuove
Economia
1 sett

Accordo BancaStato-Efg ‘concluso con successo’

Trasferiti oltre 5’400 clienti dal settore ‘retail e commerciale’ ticinese di Efg International a Banca Stato
Economia
1 sett

Credit Suisse limita l'esposizione al rischio

Dopo il caso Archegos, il livello di attivi ponderati in base al rischio e quello dell'indebitamento saranno limitati
Economia
1 sett

Implenia taglia nei Grigioni, ‘ballano’ 150 impieghi

Il gruppo edile zurighese chiude cinque siti per concentrarsi su ‘grandi e complessi progetti’. Consultazioni in corso con i sindacati, forse un piano sociale.
Economia
1 sett

Cambio di presidenza alla Banca del Sempione

Giovanni Crameri è stato eletto dall’assemblea degli azionisti alla guida del Consiglio di amministrazione. Subentra a Fiorenzo Perucchi
Economia
1 sett

Annunci web attivi (troppo) a lungo, cala la domanda di case

Il valore del Ticino (147 giorni nel 2020) ha fatto schizzare verso l'alto i tempi di inserzione media in tutta la Svizzera
Economia
2 sett

Le aziende svizzere vogliono tornare ad assumere

Il mercato del lavoro è in via di miglioramento: lo indica il Centro di ricerca congiunturale Kof. Recuperata quasi interamente la flessione generata dalla pandemia
Economia
04.03.2021 - 17:560

Risultati solidi anche per Raiffeisen Ticino e Moesa

Utile lordo a 92,2 milioni di franchi. Le banche della Federazione si confermano leader di mercato per le ipoteche: un mutuo su quattro

Cifre in crescita anche per la Federazione della banche Raiffeisen Ticino e Moesa, in linea con quanto comunicato dal Raiffeisen Svizzera. L’utile lordo è salito a 92,2 milioni di franchi nell’anno contraddistinto dalla pandemia di coronavirus. IL’utile di esercizio, dopo gli accantonamenti e le riserve, è pari a 25,1 milioni (+2,6%). In aumento anche i soci che ora sono più di 120 mila (120'552), mentre i clienti, tra privati e aziendali, sono più di 240 mila. «In pratica più di un ticinese su tre è proprietario di una delle banche della Federazione Ticino e Moesa», ha affermato l’avvocato Mauro Cavadini, presidente della Federazione durante l’annuale conferenza stampa sui conti che quest’anno, come le direttive anti-Covid impongono, si è svolta rigorosamente online. In aumento anche i prestiti alla clientela pari a 14,3 miliardi di franchi (+3,94% rispetto al 2019) di cui 13,4 miliardi di franchi di crediti ipotecari (+2,4%). «In pratica la banche Raiffeisen si confermano leader di mercato in Ticino con una ipoteca su quattro accesa presso uno dei nostri istituti», ha continuato Cavadini. In pratica i fondi della clientela rappresentano quasi l’88% dei prestiti alla clientela. «Non notiamo comunque un deterioramento del mercato immobiliare locale», fa notare da parte sua Luca Cimasoni, responsabile di Raiffeisen per la Svizzera italiana. «Non siamo pessimisti sull’evoluzione dei prossimi anni. Il tasso di sfitto è in aumento, ma non lo riteniamo ancora preoccupante. Notiamo comunque un ricorso al rinnovo e al cambio di destinazione di stabili già esistenti», sottolinea Cimasoni.

Ottima evoluzione anche la cifra di bilancio che ora è pari a 17,7 miliardi di franchi (+7,3%). I patrimoni gestiti superano i 15,2 miliardi di franchi (+8,8%). Evoluzione positiva che si riflette anche sui ricavi d’esercizio saliti a 216,8 milioni di franchi (+1,2%). Evoluzione meno positiva di quanto auspicato a causa dell’assottigliamento del margine sulle operazioni da interesse. «La pressione sui tassi incomincia a farsi sentire», commenta Cavadini. In pratica dal 2018 alla fine del 2020 il margine positivo è diminuito di tre milioni di franchi nonostante il volume dei crediti, tra ipotecari e commerciali, è notevolmente salito. La politica monetaria ultra espansiva della Banca nazionale sta incominciando a farsi sentire. Di contro, è aumentato dell’11,6% (a 34,7 milioni) il risultato da operazioni su commissioni e da prestazioni di servizio. Segno che i clienti sono diventati molto più attivi nella gestione del loro risparmio. I costi sono rimasti comunque sotto controllo fermandosi a 124,6 milioni di franchi (+0,4%) come pure i costi del personale (79,9 milioni). Il personale è ora pari a 628 unità (+2) pari a 569,2 posti di lavoro equivalenti a tempo pieno. 

Le banche Raiffeisen, al pari di altri istituti di credito, hanno aderito al programma promosso dalla Confederazione per i crediti Covid-19. «Abbiamo concesso 3'600 crediti di questo tipo nella Svizzera italiana, mentre l’utilizzo da parte delle imprese è stato, fino a oggi, pari al 70% dell’erogato. Molte delle imprese lo hanno fatto per una questione di sicurezza della liquidità e non per reale bisogno». E sempre in tema di pandemia, anche il telelavoro è diventata una modalità consolidata in seno al gruppo Raiffeisen. «Dallo scorso agosto Raiffeisen Svizzera ha introdotto il flex work come modalità di lavoro. Le singole banche Raiffeisen del territorio hanno la libertà di prevedere questa modalità anche dopo la fine della pandemia», conclude Cimasoni.

A livello nazionale

Il Gruppo Raiffeisen ha realizzato l’anno scorso un utile netto di 861 milioni di franchi, il 3% in più dell’anno precedente. I ricavi netti sono rimasti sostanzialmente stabili (+0,3% a 3,1 miliardi), mentre il risultato operativo è salito del 4% a 967 milioni. “Raiffeisen ha dato prova di stabilità in un contesto impegnativo”, afferma il presidente della direzione Heinz Huber, citato in una nota. “Il gruppo ha operato con cautela e successo conseguendo un ottimo risultato”.

In crescita anche i patrimoni dei clienti

I patrimoni dei clienti sono aumentati di 16,8 miliardi, salendo a 224 miliardi (+8%). Sono stati inoltre acquisiti 37 mila nuovi clienti e 27 mila nuovi soci. “Il costante afflusso di fondi, esteso a tutte le regioni della Svizzera, evidenzia la fiducia nelle banche Raiffeisen”, commentano i vertici. L’istituto mantiene la sua forte posizione in quella che considera la sua attività di punta, il finanziamento ipotecario: i crediti in questione sono aumentati del 3% a 190 miliardi, una crescita in linea con quella del mercato, come negli obiettivi della società. La quota di mercato è così rimasta stabile al 17,6%: questo mantenendo una qualità elevata del portafoglio, grazie a un approccio orientato alla sicurezza, sottolinea la dirigenza.

Forte aumento dei prestiti, dovuti al Covid

È stato anche registrato un notevole incremento - pari a 1,9 miliardi (+23%) - dei prestiti nei confronti della clientela. Di questi 1,8 miliardi si riferiscono a crediti Cocid-19 erogati a imprese nell’ambito del programma di garanzia della Confederazione. Con il 2,2% la quota dei prestiti scoperti concessi alla clientela aziendale è rimasta bassa. I depositi della clientela hanno registrato un notevole aumento, raggiungendo 190 miliardi (+8%). Il numero dei dipendenti è salito del 2,2% a 11’200, mentre le sedi dell’istituto si sono contratte da 847 a 824.

© Regiopress, All rights reserved