ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Credit Suisse, ‘un anno molto difficile’ ma i conti tengono

Secondo il responsabile dell’unità svizzera, che parla di adattamento culturale con l’entrata degli arabi, si è perso solo l’1% della base di asset
Economia
1 sett

Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse

Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett

Splendori e miserie della globalizzazione

Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett

Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute

Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett

La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida

Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett

Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe

Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett

Twitter e il rebus del pagamento dei contenuti

Musk e il nuovo conflitto di interessi che deve gestire
Economia
3 sett

Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione

Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
4 sett

Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo

La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese

Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso

La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese

La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia

Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese

Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022

Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
Economia
1 mese

Mercato dell’auto, brusca frenata del fatturato

Per il 2023 il 55% dei fornitori europei si attende una contrazione del 54%. E per il 27% quello venturo non sarà un anno di profitti
Economia
1 mese

Giovedì nero per Credit Suisse in Borsa: è una Waterloo

Il titolo della grande banca ha chiuso in calo del 18,6%, a fronte di un mercato generalmente orientato a un ribasso di circa l’1%
Economia
1 mese

Credit Suisse taglia 9’000 impieghi entro il 2025

La misura fa parte di un vasto piano di ristrutturazione. Lascia con effetto immediato anche il numero uno dell’investment banking
Economia
1 mese

Credit Suisse a picco: 4 miliardi di perdite trimestrali

Le maggiori difficoltà hanno interessato il settore investment banking. Passi indietro anche in materia di capitalizzazione
04.03.2021 - 17:56

Risultati solidi anche per Raiffeisen Ticino e Moesa

Utile lordo a 92,2 milioni di franchi. Le banche della Federazione si confermano leader di mercato per le ipoteche: un mutuo su quattro

di Generoso Chiaradonna
risultati-solidi-anche-per-raiffeisen-ticino-e-moesa
Da sinistra: Mauro Cavadini e Luca Cimasoni (archivio Ti-Press)

Cifre in crescita anche per la Federazione della banche Raiffeisen Ticino e Moesa, in linea con quanto comunicato dal Raiffeisen Svizzera. L’utile lordo è salito a 92,2 milioni di franchi nell’anno contraddistinto dalla pandemia di coronavirus. IL’utile di esercizio, dopo gli accantonamenti e le riserve, è pari a 25,1 milioni (+2,6%). In aumento anche i soci che ora sono più di 120 mila (120'552), mentre i clienti, tra privati e aziendali, sono più di 240 mila. «In pratica più di un ticinese su tre è proprietario di una delle banche della Federazione Ticino e Moesa», ha affermato l’avvocato Mauro Cavadini, presidente della Federazione durante l’annuale conferenza stampa sui conti che quest’anno, come le direttive anti-Covid impongono, si è svolta rigorosamente online. In aumento anche i prestiti alla clientela pari a 14,3 miliardi di franchi (+3,94% rispetto al 2019) di cui 13,4 miliardi di franchi di crediti ipotecari (+2,4%). «In pratica la banche Raiffeisen si confermano leader di mercato in Ticino con una ipoteca su quattro accesa presso uno dei nostri istituti», ha continuato Cavadini. In pratica i fondi della clientela rappresentano quasi l’88% dei prestiti alla clientela. «Non notiamo comunque un deterioramento del mercato immobiliare locale», fa notare da parte sua Luca Cimasoni, responsabile di Raiffeisen per la Svizzera italiana. «Non siamo pessimisti sull’evoluzione dei prossimi anni. Il tasso di sfitto è in aumento, ma non lo riteniamo ancora preoccupante. Notiamo comunque un ricorso al rinnovo e al cambio di destinazione di stabili già esistenti», sottolinea Cimasoni.

Ottima evoluzione anche la cifra di bilancio che ora è pari a 17,7 miliardi di franchi (+7,3%). I patrimoni gestiti superano i 15,2 miliardi di franchi (+8,8%). Evoluzione positiva che si riflette anche sui ricavi d’esercizio saliti a 216,8 milioni di franchi (+1,2%). Evoluzione meno positiva di quanto auspicato a causa dell’assottigliamento del margine sulle operazioni da interesse. «La pressione sui tassi incomincia a farsi sentire», commenta Cavadini. In pratica dal 2018 alla fine del 2020 il margine positivo è diminuito di tre milioni di franchi nonostante il volume dei crediti, tra ipotecari e commerciali, è notevolmente salito. La politica monetaria ultra espansiva della Banca nazionale sta incominciando a farsi sentire. Di contro, è aumentato dell’11,6% (a 34,7 milioni) il risultato da operazioni su commissioni e da prestazioni di servizio. Segno che i clienti sono diventati molto più attivi nella gestione del loro risparmio. I costi sono rimasti comunque sotto controllo fermandosi a 124,6 milioni di franchi (+0,4%) come pure i costi del personale (79,9 milioni). Il personale è ora pari a 628 unità (+2) pari a 569,2 posti di lavoro equivalenti a tempo pieno. 

Le banche Raiffeisen, al pari di altri istituti di credito, hanno aderito al programma promosso dalla Confederazione per i crediti Covid-19. «Abbiamo concesso 3'600 crediti di questo tipo nella Svizzera italiana, mentre l’utilizzo da parte delle imprese è stato, fino a oggi, pari al 70% dell’erogato. Molte delle imprese lo hanno fatto per una questione di sicurezza della liquidità e non per reale bisogno». E sempre in tema di pandemia, anche il telelavoro è diventata una modalità consolidata in seno al gruppo Raiffeisen. «Dallo scorso agosto Raiffeisen Svizzera ha introdotto il flex work come modalità di lavoro. Le singole banche Raiffeisen del territorio hanno la libertà di prevedere questa modalità anche dopo la fine della pandemia», conclude Cimasoni.

A livello nazionale

Il Gruppo Raiffeisen ha realizzato l’anno scorso un utile netto di 861 milioni di franchi, il 3% in più dell’anno precedente. I ricavi netti sono rimasti sostanzialmente stabili (+0,3% a 3,1 miliardi), mentre il risultato operativo è salito del 4% a 967 milioni. “Raiffeisen ha dato prova di stabilità in un contesto impegnativo”, afferma il presidente della direzione Heinz Huber, citato in una nota. “Il gruppo ha operato con cautela e successo conseguendo un ottimo risultato”.

In crescita anche i patrimoni dei clienti

I patrimoni dei clienti sono aumentati di 16,8 miliardi, salendo a 224 miliardi (+8%). Sono stati inoltre acquisiti 37 mila nuovi clienti e 27 mila nuovi soci. “Il costante afflusso di fondi, esteso a tutte le regioni della Svizzera, evidenzia la fiducia nelle banche Raiffeisen”, commentano i vertici. L’istituto mantiene la sua forte posizione in quella che considera la sua attività di punta, il finanziamento ipotecario: i crediti in questione sono aumentati del 3% a 190 miliardi, una crescita in linea con quella del mercato, come negli obiettivi della società. La quota di mercato è così rimasta stabile al 17,6%: questo mantenendo una qualità elevata del portafoglio, grazie a un approccio orientato alla sicurezza, sottolinea la dirigenza.

Forte aumento dei prestiti, dovuti al Covid

È stato anche registrato un notevole incremento - pari a 1,9 miliardi (+23%) - dei prestiti nei confronti della clientela. Di questi 1,8 miliardi si riferiscono a crediti Cocid-19 erogati a imprese nell’ambito del programma di garanzia della Confederazione. Con il 2,2% la quota dei prestiti scoperti concessi alla clientela aziendale è rimasta bassa. I depositi della clientela hanno registrato un notevole aumento, raggiungendo 190 miliardi (+8%). Il numero dei dipendenti è salito del 2,2% a 11’200, mentre le sedi dell’istituto si sono contratte da 847 a 824.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved