ULTIME NOTIZIE Economia
la banca in difficoltà
1 gior

‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’

Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
4 gior

Il lusso è cinese, la Svizzera non è più leader mondiale

La classifica dei primi posti nel settore emerge da uno studio pubblicato da Deloitte. Nonostante ciò, Richemont e Rolex fra le prime aziende al mondo
Economia
1 sett

Credit Suisse, ‘un anno molto difficile’ ma i conti tengono

Secondo il responsabile dell’unità svizzera, che parla di adattamento culturale con l’entrata degli arabi, si è perso solo l’1% della base di asset
Economia
1 sett

Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse

Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett

Splendori e miserie della globalizzazione

Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett

Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute

Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett

La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida

Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett

Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe

Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
4 sett

Twitter e il rebus del pagamento dei contenuti

Musk e il nuovo conflitto di interessi che deve gestire
Economia
1 mese

Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione

Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese

Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo

La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese

Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso

La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese

La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia

Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese

Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022

Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
Economia
1 mese

Mercato dell’auto, brusca frenata del fatturato

Per il 2023 il 55% dei fornitori europei si attende una contrazione del 54%. E per il 27% quello venturo non sarà un anno di profitti
Economia
1 mese

Giovedì nero per Credit Suisse in Borsa: è una Waterloo

Il titolo della grande banca ha chiuso in calo del 18,6%, a fronte di un mercato generalmente orientato a un ribasso di circa l’1%
Economia
1 mese

Credit Suisse taglia 9’000 impieghi entro il 2025

La misura fa parte di un vasto piano di ristrutturazione. Lascia con effetto immediato anche il numero uno dell’investment banking
Economia
1 mese

Credit Suisse a picco: 4 miliardi di perdite trimestrali

Le maggiori difficoltà hanno interessato il settore investment banking. Passi indietro anche in materia di capitalizzazione
Economia
1 mese

L’economia frenerà, ma meno di quanto previsto

Gli analisti rivedono un po’ le previsioni congiunturali per la Svizzera. E sono a tinte più rosee
Economia
1 mese

Philips: taglio immediato di 4’000 dipendenti nel mondo

‘La mia priorità immediata è quindi quella di migliorare l’execution in modo da poter iniziare a ricostruire la fiducia dei pazienti’ ha spiegato il ceo
laR
 
12.02.2021 - 06:00
Aggiornamento: 15:10

Il nodo dei capital gain, elemento d’incertezza giuridica

Gli utili in conto capitale di regola non sono tassati se conseguiti nell’ambito di una normale gestione del risparmio privato. Ci sono delle eccezioni

di Generoso Chiaradonna
il-nodo-dei-capital-gain-elemento-d-incertezza-giuridica
(Keystone)

Il sistema fiscale svizzero si fonda sull’imposizione universale di tutti i redditi da qualsiasi fonte e da qualsiasi parte essi provengano. Questo principio è ancorato nella legislazione sia a livello nazionale, sia cantonale. In pratica nella Legge federale sull’imposta federale diretta (Lifd) e nella Legge tributaria cantonale. 

Nella legislazione svizzera sono tuttavia presente alcune eccezioni. La più rilevante è l’esenzione degli utili in capitale (capital gain) realizzati alienando la sostanza mobiliare privata. Una differenza sostanziale con le legislazioni di altri Paesi Ocse dove invece i capital gain sono tassati regolarmente o con un’aliquota fissa una tantum, oppure aumentando il reddito imponibile delle persone fisiche. Nel caso di redditi provenienti dall’esercizio di un’impresa commerciale, industriale, artigianale, agricola o forestale, da una libera professione o da ogni altra attività lucrativa indipendente, gli utili (o la perdita) da capitale vanno a formare l’utile di esercizio (articolo 18, capoverso 1 Lifd).

Il capoverso tre dell’articolo 16 della Legge federale sulle imposte dirette apparentemente parla chiaro: “Gli utili in capitale conseguiti nella realizzazione di sostanza privata sono esenti da imposta”. Anche la trasposizione di questo principio nella legge tributaria cantonale all’articolo 15, capoverso 3, è a una prima lettura lampante: “Gli utili in capitale conseguiti nella realizzazione di sostanza privata sono esenti da imposta. Sono riservate le disposizioni concernenti l’imposizione degli utili immobiliari (art. 123-139)”. Eppure non è veramente così perché come tutte le volte che si ha a che fare con l’interpretazione del diritto la risposta è “dipende”.

Il tema dei capital gain nel diritto svizzero è stato trattato ampiamente negli anni scorsi. Un articolo di Sacha Cattelan, assistente Supsi, pubblicato nel giugno del 2014 nel numero 6 della rivista ‘Novità fiscali’ del Centro di competenze tributarie della Supsi, spiega in maniera abbastanza esaustiva una problematica complessa.

“In materia di capital gain, non disponendo un articolo di legge che sancisca in modo chiaro e definito la delimitazione fra reddito derivante da un’attività lucrativa indipendente (che è imponibile ai fini del guadagno in conto capitale) e da una “mera amministrazione” della sostanza privata (esente da imposta), la certezza del diritto appare compromessa”, scriveva Cattelan. E quando la legge non è chiara, dovrebbe venire in aiuto, solitamente, la giurisprudenza. 

Attualmente l’imposizione o l’esenzione degli utili in capitale avviene sulla base di sentenze emesse dal Tribunale federale, applicando così la giurisprudenza esistente. Il parlamento però, nonostante due tentativi del Consiglio federale (uno nel 1998 e un altro nel 2005), non ha ancora legiferato in materia e non c’è nulla che faccia intendere che lo farà presto. 

Esentati, ma solo a determinate condizioni

L’amministrazione federale delle contribuzioni (Afc) ha ripreso tutti gli indizi giurisprudenziali elaborati nel corso degli anni dal Tribunale federale, emanando due circolari: una del 2005 e l'altra che è tutt’ora in vigore, in sostituzione della precedente, la numero 36 del 27 luglio 2012 dedicata proprio al commercio professionale dei titoli. L’intento dell’amminstrazione federale delle contribuzioni era quella di assicurare un’uniformità di applicazione della giurisprudenza del Tribunale federale da parte dei Cantoni e di garantire così certezza del diritto per i contribuenti. Da qui la distinzione tra un’attività lucrativa indipendente (quasi commercio di titoli) e la gestione patrimoniale privata. 

La circolare numero 36 del 27 luglio 2012 è in pratica la guida per capire in che campo ci si trova: professionale oppure normale gestione del risparmio.

Sono previste cinque condizioni che se realizzate cumulativamente, le autorità fiscali ammettono in ogni caso l’esistenza di una gestione privata della sostanza e quindi di utili in capitale non imponibili. Condizioni che escludono la professionalità, quindi. Di seguito l’elenco: i titoli venduti sono stati detenuti per almeno sei mesi; il volume delle transazioni per anno civile non supera complessivamente più di 5 volte il valore degli averi sui conti all’inizio del periodo fiscale; gli utili in capitale non sono tali da sostituire i redditi di altra fonte del contribuente (inferiori al 50%); gli investimenti non sono finanziati con capitale di terzi; l’acquisto e la vendita di prodotti finanziari derivati si limita alla copertura delle proprie posizioni in titoli. Nel caso in cui questi criteri non siano cumulativamente soddisfatti, la presenza di un commercio professionale non può essere esclusa. Situazione che teoricamente – rimanendo nel campo dei grandi patrimoni – potrebbe portare l’aliquota marginale cumulata (imposta cantonale, comunale e federale) oltre il 40%.

Se tassati, l’aliquota è superiore al 40%

“Nel caso in cui una persona fisica realizzi un utile in capitale e non soddisfi cumulativamente le condizioni previste dalla circolare 36 dell’Afc, le autorità fiscali sono tenute ad analizzare la fattispecie sulla base degli indizi elaborati dalla giurisprudenza del Tribunale federale”, spiegava Cattelan. “A questo punto le autorità fiscali non dispongono più di criteri che devono essere soddisfatti cumulativamente al fine di escludere un’attività lucrativa indipendente, bensì devono valutare la fattispecie nel suo insieme e considerare gli indizi elaborati dal Tribunale federale che, anche se soddisfatti singolarmente, possono portare a qualificare il contribuente come ‘quasi commerciante’ di titoli”. Le conseguenze fiscali per il contribuente non sono per nulla irrilevanti, faceva notare Cattelan, poiché le perdite e gli utili rientrano nella base imponibile e modificano di conseguenza l’aliquota applicabile al reddito complessivo. Aliquota che in Cantoni come il Ticino può arrivare fino al 41,5% (imposte cantonali, comunali e federali). Il contribuente inoltre dovrà pagare contributi sociali pari a circa il 10% dell’utile in capitale realizzato.

“L’incertezza e i dubbi interpretativi presenti nella nostra legislazione”, concludeva Cattelan, sono tutt’oggi un problema irrisolto benché vi siano stati ripetuti tentativi di semplificare il sistema fiscale e garantire la certezza del diritto”. L’ultimissimo tentativo, accantonato poi dalle Camere federali, è stato fatto con il progetto 3 della Riforma II dell’imposizione delle imprese che riguardava ‘il quasi commercio’ di valori mobiliari. Progetto che è poi stato accantonato quasi subito.

L’unico supporto per la prassi, a oggi, rimane la circolare 36 del 27 luglio del 2012. Una soluzione che non è supportata da una sufficiente base legale. “Questa circostanza, concludeva Cattelan, lascia spazio a forti dubbi riguardo al buon funzionamento del sistema fiscale, il quale, per un tema così importante per la piazza finanziaria svizzera, necessita di certezza ed equità”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved