ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto

Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
11 ore

Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider

La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
14 ore

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale
Svizzera
16 ore

‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’

Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
16 ore

Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne

A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
18 ore

Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse

L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
18 ore

Sorpasso a destra, non si rischia più la patente

Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
19 ore

‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’

A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
21 ore

La casetta in campagna sì... ma vicino a una città

Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
30.11.2020 - 18:37
Aggiornamento: 19:24

Pigioni commerciali, nessuno sconto dal Nazionale

Bocciato il progetto che prevede il pagamento di solo il 40% della pigione per le attività chiuse forzatamente per i provvedimenti del governo

pigioni-commerciali-nessuno-sconto-dal-nazionale
(Foto archivio Ti-Press)

Non ci sarà verosimilmente alcuna soluzione federale volta a sgravare gli esercizi commerciali dalle pigioni per il periodo durante il quale sono dovuti restare chiusi a causa del lockdown della scorsa primavera. Oggi il Consiglio nazionale ha bocciato la relativa legge con 100 voti contro 87. Da parte sua, la competente commissione degli Stati ha già fatto sapere di non voler entrare in materia.

La Camera del popolo ha così seguito il parere della sua commissione preparatoria, che a inizio mese aveva respinto il testo nella votazione sul complesso. A fine ottobre, durante la sessione speciale, il Nazionale, contro l'opinione della commissione, era invece entrato in materia. Decisione dunque sconfessata oggi dopo l'esame di dettaglio.

A votare contro la legge sono stati i parlamentari UDC e PLR, ai quali si è aggiunta la maggioranza di quelli del Centro e alcuni Verdi liberali. Hanno invece votato a favore la sinistra e gli evangelici (che fanno parte del gruppo del Centro).

La maggioranza borghese ha criticato il fatto che la legge interviene inopportunamente in modo retroattivo nei rapporti contrattuali privati. La soluzione proposta comporterebbe anche un'incertezza giuridica, ha spiegato Christian Lüscher (PLR/GE) a nome della commissione.

"Le questioni di diritto privato devono essere risolte in base al diritto privato", ha aggiunto Pirmin Schwander (UDC/SZ). Lüscher ha anche criticato il fatto che da quando la nuova legge è stata evocata la ricerca di soluzioni amichevoli è stata interrotta.

La sinistra ha da parte sua descritto il progetto come vitale per la sopravvivenza di numerose aziende, soprattutto nel settore della ristorazione. La legge porterebbe un po' di sollievo alle PMI duramente colpite dalla crisi, ha sostenuto, invano, Min Li Marti (PS/ZH).

Il progetto del Consiglio federale, elaborato sulla base di due mozioni simili adottate in giugno dal parlamento, prevede che i gestori di esercizi commerciali paghino "solo" il 40% della pigione dovuta per tutto il periodo di chiusura forzata decisa in primavera dal governo. Tale soluzione vale fino a un tetto massimo di 20 mila franchi di affitto mensile. Per chi ha dovuto solo ridurre l'attività, questa soluzione si applicherebbe per due mesi al massimo.

Per le pigioni comprese tra 15 e 20 mila franchi, le parti - affittuario e proprietario - possono decidere di non applicare il presente disciplinamento. Eventuali accordi già conclusi tra le parti restano inoltre validi. La legge prevede anche che i locatori potranno chiedere un'indennità alla Confederazione nei casi di rigore.

Tale disegno di legge è poi stato profondamente modificato dalla commissione preparatoria. Nuovi emendamenti sono stati adottati anche oggi. Invano visto che il progetto al voto d'insieme è stato, come detto, affossato.

Il dossier passa ora al vaglio del Consiglio degli Stati. Se ne occuperà mercoledì.

Leggi anche:

Pigioni commerciali, primo passo in Parlamento

Lockdown, sì del governo a uno sconto del 60% sugli affitti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved