ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Mercati, è l’Europa a trascinare l’America

Ora la recessione è diventata solo un’ipotesi
Speciale Economia
2 gior

Partenza in tromba nell’Eurozona

Economia
1 sett

Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo

Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Speciale Economia
1 sett

Investire nel 2023

Economia
2 sett

Emmi per la prima volta oltre i 4 miliardi di franchi

Fatturato record nel 2022 per l’azienda lucernese, con vendite in aumento dell’8,1% rispetto all’anno precedente
Economia
2 sett

Banca Migros supera il milione di clienti

La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
2 sett

Credit Suisse prevede un’inflazione più alta

La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
2 sett

Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti

I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
2 sett

E all’improvviso nulla più turba le Borse

Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett

Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways

È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
3 sett

Importante cessione nel settore chimico

Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
3 sett

La deglobalizzazione non è la strada giusta

Economia
4 sett

Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00

È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
1 mese

Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian

Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
1 mese

Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe

Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
Speciale Economia
1 mese

Orientamento costruttivo

INTERNET E FINANZA
laR
 
30.01.2021 - 06:00

Ciabatte contro gemelli d’avorio: la strana storia di GameStop

Un nugolo di piccoli investitori sfida dal tinello di casa gli hedge fund, facendo volare le azioni di un’azienda decotta.

ciabatte-contro-gemelli-d-avorio-la-strana-storia-di-gamestop
Un gruppo bollito, almeno per ora (Keystone)

GameStop è una catena di negozi che vende videogiochi su dvd, ora che tutti li acquistano e scaricano direttamente online. Non stupisce che si tratti di un’azienda decotta, costretta a chiudere decine di punti vendita in tutti gli Stati Uniti e a lasciare a casa centinaia di dipendenti. Molti scommettono che farà la stessa fine toccata a Blockbuster con l’arrivo di Netflix. Eppure le azioni del gruppo texano sono passate dai 4 dollari dell’anno scorso ai quasi 150 dell’altroieri. In mezzo c’è il racconto di come un nugolo di piccolissimi investitori abbia spremuto alcuni degli hedge fund più blasonati del mondo.

Prima, le basi. Quando un’azienda butta male come GameStop, i grandi investitori tendono a fare ‘shorting’. Spiegato alla buona: prendono in prestito azioni dell’azienda, le vendono subito e quando poi il prezzo cala le ricomprano per restituirle al proprietario. Visto che le riacquistano a una cifra inferiore a quella incassata vendendole, ci fanno profitti. Son soldoni soprattutto per gli hedge fund, che possono muoversi in modo più rapido e spregiudicato delle banche tradizionali. Funziona, purché i titoli continuino a scendere. Stavolta non ha funzionato.

Dall’altra parte del mercato, infatti, ci sono gli investitori privati, che in America costituiscono un terzo del totale, dieci volte la dimensione degli hedge fund stessi. Di questi, una parte crescente ha preso a speculare in borsa tramite applicazioni e servizi online: dal divano, dalla fila al supermercato, “dalla macchina ferma al semaforo”, come ha spiegato uno di loro al ‘Wall Street Journal’. Ora sta succedendo una cosa nuova: questi investitori stanno iniziando a organizzarsi. Una parte crescente si riunisce in forum sul web, in particolare su Reddit, l’evoluzione di quell’internet prima maniera nel quale da ragazzini ci riunivamo coi nostri modem per condividere passioni insieme ad altri impallinati come noi, che si trattasse di Dungeons & Dragons o di marmitte per il ‘moz’. Sono probabilmente gli stessi nerd, appena un po’ cresciuti, che oggi su questi canali hanno avviato tra il serio e il faceto una sorta di investimento collettivo: incoraggiandosi a vicenda con messaggi ‘antisistema’ e dando luogo a un fenomenale comportamento di branco, si sono messi a comprare in modo smodato le azioni di GameStop, facendone schizzare il valore e ‘fregando’ l’alta finanza.

Da un tinello del Wisconsin a una spiaggia australiana, scambiandosi battute scurrili e meme, sono insomma diventati ‘comunità’. Una dinamica che la rete ha dimostrato di saper amplificare in modo incisivo e repentino. Così, se il 6 gennaio una di queste bande ha assaltato il Congresso americano, qualche settimana dopo un’orda tutta diversa, ma non meno improbabile ha preso di mira la Borsa di New York: “Dite al lupo di Wall Street che il piccione di San Francisco è arrivato a mangiargli il pranzo”, ha detto un tizio in bermuda al Journal. Dall'altra parte del Paese è facile immaginare un broker che suda, sbuffa, si allenta la cravatta e guarda su un terminale Bloomberg le azioni di GameStop che salgono, salgono, salgono, insieme alle sue perdite. Un singolo fondo come Melvin Capital ha perso il 30% del suo valore ed è stato salvato ‘su cauzione’ mentre la corsa a ricomprare per tamponare l'emorragia ha spinto GameStop ancora più in su. 'Una poltrona per due' 2.0, e senza insider trading. 

Per molti – in primis per chi ne è parte attiva – c’è qualcosa di liberatorio nell’immaginarsi folle ciabattanti che mettono all’angolo i sommi sacerdoti della finanza, quelli con le camicie di Brooks Brothers e i gemelli d’avorio. Una specie di situazionismo che promette di riequilibrare i ruoli e di stigmatizzare la discutibile pratica di scommettere sulla disgrazia altrui, peraltro usando titoli presi in prestito. È la poesia di vedere i piccoli investitori andare all’arrembaggio, come in quella scena dei Monty Python in cui gli anziani assicuratori inglesi prendono il largo per assaltare un grattacielo della City. Al fascino dell’insieme si aggiunge la difesa romantica di business obsoleti: non solo GameStop, ma anche i cinema Amc e i vecchi telefoni da travet di BlackBerry.

Attenzione, però: qui non stiamo parlando di un investimento sensato. Molti di coloro che hanno partecipato all'azione lo hanno fatto per dadaismo hacker più che per interesse finanziario: lo scopo era quello di rivelare le falle del sistema, dimostrare a tutti che il re è nudo e che le borse somigliano ai “concorsi di bellezza” ai quali le paragonava già John Maynard Keynes. Se qualcuno dovesse mettersi sulla loro scia per guadagnarci rischierebbe di scoppiare insieme a questa bolla creata ad arte, forse più per dispetto che per intenti rivoluzionari (e sempre sperando che all’origine non vi sia anche qualche manipolatore della vecchia finanza).

Intanto, i regolatori e i fornitori di servizi finanziari si chiedono come intervenire per controllare questo tipo di testacoda del mercato. Il blocco di alcune app per la speculazione sugli stock interessati dimostra lo sconcerto generato dall‘episodio, oltre a destare qualche dubbio sulla natura democratica dell’accesso ai mercati; a indignarsi per la ‘censura’ sono anche diversi deputati e senatori americani, da sinistra come da destra. Il caso GameStop potrebbe dunque rimanere isolato, ma non c'è dubbio che se ne parlerà ancora per molto: tra qualche decennio i suoi protagonisti racconteranno ai nipotini di quando fecero Occupy Wall Street dal divano, di quando la storia di Robin Hood contro lo sceriffo di Nottingham divenne un videogioco. Memorie nerd.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved