ubs-sopprimera-44-filiali-in-svizzera-tre-in-ticino
Sul territorio nazionale (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
4 gior

Glencore ferma produzione di zinco in Sardegna

‘Spropositati prezzi dell’energia’ la motivazione della filiale italiana del gigante delle materie prime. La chiusura toccherà circa 400 dipendenti
Economia
6 gior

UBS, Colm Kelleher sarà il nuovo presidente del Cda

Il suo nome verrà proposto all’Assemblea generale degli azionisti, in programma il prossimo 6 aprile, quale successore di Axel Weber
Economia
1 sett

Le criptovalute affascinano i super-ricchi

Il 28% delle famiglie ultra-facoltose hanno già investito in bitcoin, ethereum e simili, stando a un sondaggio condotto presso 385 family office
Economia
1 sett

Ottobre mese con poco ‘slancio’ per il commercio estero

Rispetto a settembre le esportazioni sono scese dell’1,4% a 20,8 miliardi di franchi, mentre le importazioni hanno subito un calo del 2,3% a16,4 miliardi
Economia
1 sett

Tecnologie innovative: ‘Aziende e università collaborino’

Presentato il Technology outlook Satw 2021. Il documento indica le tendenze tecnologiche più significative in Svizzera. Molte le opportunità per le Pmi
Economia
1 sett

Global tax, il problema di un’imposta sul profitto

L’accordo raggiunto in sede G20 è una svolta notevole, ma restano aperte la questione aliquota e le nuove basi imponibili
Economia
1 sett

Gli infiniti miliardi di Meta

Il metaverso di Mark Zuckerberg non è solo un’idea o una visione ma è e sarà un modo per fare soldi e sperimentare modelli di business
Economia
2 sett

Previdenza integrativa, il dilemma tra polizze e conti 3a

Per gli esperti di VermögenZentrum la soluzione dell’investimento in titoli Etf è preferibile a quella assicurativa. Quest’ultima ha però altri vantaggi
Economia
2 sett

Corrono anche i prezzi alla produzione e all’importazione

I timori inflazionistici sono però inferiori in Svizzera (+1,2%) rispetto a Stati Uniti (+6,2%) ed Eurozona (+4,1%)
prezzi dell'energia
2 sett

C’è chi scommette su un barile di petrolio Brent a 300 dollari

Sul mercato delle opzioni si sono registrati i primi contratti che ipotizzano un aumento del greggio alle stelle
Economia
2 sett

Stagione sciistica, gli operatori in Svizzera sono fiduciosi

La domanda interna c’è come pure quella degli ospiti stranieri. A favore gioca il fatto che – per ora – non è previsto il Covid Pass per gli impianti
Economia
2 sett

 Swiss Life, meno premi nei primi nove mesi

Gli incassi legati ai premi sono calati dell’1% a 15,2 miliardi di franchi, ma sono aumentate del 17% le entrate da commissioni
Economia
12.01.2021 - 08:000
Aggiornamento : 14:44

Ubs sopprimerà 44 filiali in Svizzera, tre in Ticino

La conferma arriva da Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera dell'istituto bancario elvetico

Ubs intende ridimensionare la propria rete di succursali elvetiche, chiudendone 44 su 240 con l'obiettivo di ridurre i costi. Lo ha confermato oggi alla ‘Neue Zürcher Zeitung’ Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera della grande banca.

A sparire saranno piccole filiali, ha aggiunto Lehmann nell'intervista concessa al quotidiano zurighese. L'anno scorso Ubs aveva già soppresso 28 unità. Stando alla Nzz, le chiusure avverranno in tempi brevi e saranno ripartite su tutto il territorio. Stando a quanto riportato dalla Rsi, a essere toccate in Ticino saranno le filiali di Gordola, Giubiasco e Melide, mentre nei Grigioni ci sarebbe Poschiavo nei Grigioni. Non ci sarebbero però per ora licenziamenti: le 15 persone che attualmente lavorano nelle sedi che chiuderanno verranno spostate in quelle principali.

Il manager ha spiegato tramite una similitudine perché l'istituto abbia optato per tale provvedimento. Non è possibile continuare a mantenere un negozietto di paese se i clienti fanno acquisti online o preferiscono recarsi presso i supermercati, ha affermato Lehmann, che lascerà la sua carica a Sabine Keller-Busse da febbraio. Insomma, le abitudini dei consumatori si stanno spostando verso i servizi digitali e la pandemia non ha fatto altro che accelerare questo cambiamento.

La misura era nell'aria da tempo. Ieri, le testate di CH Media hanno riferito di come l'istituto fosse pronto a far scomparire quaranta filiali. Già a novembre invece, il sito web Inside Paradeplatz aveva parlato di una cinquantina di chiusure.

La scorsa estate un provvedimento simile è stato annunciato anche da Credit Suisse. Il numero due bancario svizzero è intenzionato a ridurre da 146 a 109 le proprie succursali nella Confederazione.

 

Decisione "incomprensibile"

Nell'ambito dell'adattamento della sua rete, UBS vuole concentrarsi maggiormente sui suoi siti più grandi. Nella misura del possibile e d'intesa con i rappresentanti del personale, UBS prevede di trasferire i dipendenti interessati in altre filiali o in altri settori di attività.

Le reazioni non si sono fatte attendere. Criticando la decisione di UBS, l'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) la giudica "irragionevole" visto il contesto attuale della pandemia di Covid-19 e di un eventuale giro di vite delle misure di lotta da parte del Consiglio federale. Ciò provocherà una grande incertezza, anzitutto per i dipendenti, ma anche per la piazza finanziaria e avrà conseguenze sull'insieme dell'economia, scrive l'ASIB in una nota odierna, nella quale chiede all'istituto bancario di sospendere la decisione.

L'ASIB osserva che il numero uno bancario elvetico ha "guadagnato molto durante e a causa della pandemia, non solo grazie alla concessione di prestiti, ma anche grazie alla garanzia statale accordata a numerose PMI", di cui UBS beneficia indirettamente. Il fenomeno dovrebbe riflettersi sui risultati del quarto trimestre 2020 "sotto forma di un utile supplementare, il che rende la decisione di chiudere le filiali ancor più incomprensibile e testimonia una mancanza di solidarietà e di responsabilità sociale".

Densità elevata

In generale la densità della rete bancaria, che rimane forte in Svizzera, si riduce da diversi anni a questa parte. Stando alle statistiche della Banca nazionale svizzera (BNS), il numero di succursali è diminuito del 18% tra il 2009 e il 2019, a 2'448. Soltanto le due grandi banche elvetiche ne hanno chiuse non meno di 80 nell'arco di un decennio.

L'anno scorso, la Svizzera contava 39 agenzie bancarie per 100'000 abitanti, secondo la BNS. A titolo di paragone, nell'UE si hanno 23,5 agenzie per 100'000 abitanti.

Se taluni istituti razionalizzano la loro rete sul territorio, altri proseguono lo sviluppo delle loro filiali. Un anno fa il gruppo Valiant, attualmente presente in 97 località svizzere e tredici cantoni, si è fissato quale obiettivo di aprire 14 nuove succursali. Con 71 filiali, anche la Banca Migros si trova in una fase di espansione. Con 847 "agenzie bancarie" il gruppo Raiffeisen può vantare la rete più densa in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved