laRegione
causa-pandemia-in-calo-i-prelievi-ai-bancomat-in-svizzera
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
38 min

Hotelplan: 75 agenzie di viaggio chiuse fino a fine febbraio

L'obbligo del telelavoro decretato del Consiglio federale fra i motivi per le chiusure, oltre all'impatto negativo della pandemia sull'industria dei viaggi
Economia
11 ore

Svizzera, annunci di lavoro calati del 15%

Sono i dati del 2020 influenzati dalla pandemia. Negli ultimi sei mesi c'è però stato un recupero. Tecnologia e informatica i settori più colpiti
Economia
1 gior

La tutela del clima è redditizia anche per l'economia

Risparmi milionari se la Svizzera promuovesse il passaggio alle auto elettriche e la sostituzione del riscaldamento a olio e a gas con pompe di calore
Economia
4 gior

Tesla, negli Usa chiesto il ritiro di 158mila vetture

L'agenzia americana per la sicurezza stradale ha rilevato problemi legati all'esaurimento della memoria nel computer di bordo
Economia
5 gior

Accordo Frame Asset Managament e Aurea Gestioni Patrimoniali

Le due società attive nel settore della gestione patrimoniale hanno siglato una partnership strategica. Michele De Michelis diventa presidente di Aurea
Economia
6 gior

Verso nuova ondata di soppressioni di impieghi in Svizzera

Lo rileva uno studio realizzato dall'azienda attiva nella consulenza per le risorse umane von Rundstedt. Sempre più importante la rete di contatti personali
Economia
6 gior

Ubs sopprimerà 44 filiali in Svizzera, tre in Ticino

La conferma arriva da Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera dell'istituto bancario elvetico
Economia
1 sett

I media: 'Ubs pianifica di chiudere 40 filiali in Svizzera'

Lo annunciano le testate Ch-Media citando fonti interne. Il colosso bancario non commenta
Economia
1 sett

PwC Svizzera e Fidinam avviano una collaborazione

Venticinque collaboratori di PwC verranno integrati nella società ticinese per implementare il progetto Abacus
Economia
17.11.2020 - 12:160

Causa pandemia, in calo i prelievi ai bancomat in Svizzera

Secondo Six, nel 2020 atteso un calo del 20-25% dei prelievi di contante. Entro 5 anni il numero dei bancomat potrebbe essere il 30-40% in meno

La pandemia potrebbe portare a una moria di bancomat: il gruppo SIX, che fornisce il software per i distributori automatici delle banconote in Svizzera, constata che vi è un crescente disinteresse per il denaro contante.

"Nel 2020 ci aspettiamo un ulteriore calo dei prelievi dell'ordine del 20-25%", indica all'agenzia Awp il portavoce di SIX Julian Chan. L'anno scorso, secondo le statistiche dell'azienda zurighese, il calo è stato del 10-15%.

Le banche tengono d'occhio l'uso degli sportelli in questione, in quanto l'offerta del servizio comporta costi elevati. L'acquisto e l'installazione di un dispositivo costa tra i 40'000 e i 90'000, a seconda di quello che è in grado di fare, spiega Andreas Dietrich, professore della Scuola universitaria professionale di Lucerna specializzato in servizi finanziari. La manutenzione, la videosorveglianza e l'affitto dell'ubicazione generano poi oneri annui compresi tra i 15'000 e i 40'000 franchi.

Secondo l'esperto ridurre tutto alla questione dei costi sarebbe però un errore. La presenza di un bancomat risponde infatti a volte ad imperativi strategici: in alcuni luoghi sono utilizzati per scopi di marketing o costituiscono un marchio di prestigio.

Ciò nonostante gli istituti non potranno evitare di pensare al futuro di queste macchine, il cui utilizzo è in costante diminuzione negli ultimi cinque anni. Il 2015 aveva segnato un record, poi è subentrato il calo: la pandemia ha solo accelerato la tendenza al ribasso già in atto. Questo significa che ogni transazione effettuata sugli apparecchi costa sempre più denaro alle banche.

Benjamin Manz, analista del servizio di confronti internet Moneyland, osserva che potrebbe avvenire una concentrazione. "In molte località esiste un bancomat Raiffeisen, uno per la banca cantonale e uno per ciascuna delle grandi banche UBS e Credit Suisse, che da tempo hanno chiuso le loro filiali".

Raiffeisen assicura che il numero dei suoi sportelli automatici dovrebbe rimanere stabile nei prossimi due anni, nonostante l'aumento dei pagamenti senza contanti e con il cellulare. Il gruppo sangallese è il campione elvetico in materia di bancomat, con la rete più estesa: 1771 apparecchi. Anche PostFinance - che gestisce poco meno di 1000 Postomat - constata una tendenza al minor utilizzo.

Per Credit Suisse la diminuzione della clientela che usa i bancomat avrà conseguenze a lungo termine. La rete si baserà sulla domanda di contante, fa sapere l'istituto. Non è comunque prevista alcuna riduzione nell'immediato futuro.

Secondo le statistiche della Banca nazionale svizzera (BNS), a fine agosto in Svizzera c'erano circa 7000 distributori automatici di banconote. Il gruppo SIX prevede che il numero scenderà del 30%-40% nei prossimi cinque anni. Anche la chiusura delle succursali bancarie, altro importante trend del settore, contribuirà ad aumentare la scarsità degli apparecchi.

Una loro scomparsa totale sembra tuttavia fuori questione, dato che gli svizzeri sono tradizionalmente legati al denaro contante. Manz sottolinea che oggi esiste un bancomat ogni 1200 abitanti, una percentuale relativamente alta rispetto agli altri paesi. Ad esempio in Scandinavia pagare in contanti è ormai diventata una pratica esotica, spiega l'esperto. Ma in Svizzera avere i soldi in mano piace: l'anno scorso, stando alla BNS, circolavano nel paese quasi 80 miliardi di franchi in banconote. E il volume negli ultimi cinque anni è risultato in costante aumento.

© Regiopress, All rights reserved