laRegione
anche-la-bns-pensa-a-una-sua-criptovaluta
Un franco virtuale? (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Intel, tonfo in borsa dopo i risultati trimestrali

Il titolo del produttore di microprocessori perde l'11% dopo la presentazione di conti sotto le aspettative degli analisti
Economia
1 gior

Huawei punta a una forte espansione in Svizzera

Crescita nonostante la pandemia. I dipendenti passeranno da 300 a 550 entro la fine del prossimo anno
Economia
2 gior

Caso Bsi, la Finma ha rivisto al ribasso la sanzione

Dagli iniziati 95 milioni a 70 milioni di franchi. È l'importo dell'utile indebito confiscato dalle autorità nella vicenda del fondo sovrano malese 1MDB
Economia
2 gior

La ricchezza degli svizzeri 'poco toccata dalla pandemia'

Secondo uno studio di Credit Suisse la crisi del coronavirus – in linea generale – non ha inciso sui risparmi
Economia
3 gior

I consumatori chiedono un ‘bollino di riparabilità’

Secondo un sondaggio dell’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori gli svizzeri sono pronti a pagare di più per prodotti riparabili
Economia
4 gior

Nestlé: risultato solido dopo i primi 9 mesi

Crescita del 3,5% per la multinazionale svizzera, nonostante la crisi pandemica
Economia
4 gior

Upc ricorre contro la multa sui diritti delle partite di hockey

L'operazione ha deciso di opporsi alla sanzione di 30 milioni di franchi inflitta dalla Comco
Economia
4 gior

Il campionato di hockey anche su Swisscom

La piattaforma 'blue' potrà offrire i pacchetti MySport di Upc, che sinora offriva in esclusiva le partite di disco su ghiaccio
Economia
5 gior

Ubs, Ermotti saluta dopo un trimestre in crescita

Negli ultimi tre mesi la banca elvetica ha guadagnato più dell'anno scorso, superando pure le aspettative degli esperti
Economia
09.10.2020 - 11:310

Anche la Bns pensa a una sua criptovaluta

La cosiddetta moneta digitale di banca centrale dovrebbe affiancare il contante all'interno di un sistema di pagamento flessibile e innovativo

La Banca nazionale svizzera (BNS) e altre grandi banche centrali pensano all'emissione di criptovalute. In un rapporto vengono delineate le caratteristiche essenziali di una moneta digitale, ma non viene riportato alcun parere circa la sua effettiva emissione.

Il documento è stato elaborato da sette banche centrali - oltre alla BNS, la Federal Reserve, la Banca centrale europea (Bce) la Bank of Canada, la Bank of England, la Bank of Japan e la Sveriges Riksbank - nonché dalla Banca dei regolamenti internazionali (BRI), si legge in un comunicato odierno della Banca nazionale.

Affianco ai contanti

Secondo il rapporto la cosiddetta moneta digitale di banca centrale (central bank digital currency, CBDC) dovrebbe affiancare il contante e altre forme di moneta all'interno di un sistema di pagamento flessibile e innovativo, sostenere obiettivi strategici più ampi senza pregiudicare la stabilità monetaria e finanziaria, nonché possedere proprietà che favoriscano l'innovazione e l'efficienza.

"Lo studio rappresenta un vero passo avanti nella definizione di principi comuni e nell'identificazione delle caratteristiche fondamentali che riteniamo necessarie al corretto funzionamento di un sistema basato su una CBDC", afferma Jon Cunliffe, copresidente del gruppo di lavoro e vice governatore della Banca d'Inghilterra, citato nella nota. "Il forte consenso internazionale raggiunto all'interno del gruppo contribuirà a guidare le singole banche centrali nell'esplorazione della forma e delle possibilità di impiego di una CBDC nelle rispettive giurisdizioni".

Un sistema basato sulla criptovaluta dovrà essere resiliente e sicuro, al fine di preservare l'integrità operativa, essere pratico e disponibile a costo ridotto o nullo per l'utente finale ed essere sorretto da standard appropriati, nonché da un quadro normativo chiaro. Sarà inoltre necessario assegnare al settore privato un ruolo appropriato e promuovere la concorrenza e l'innovazione.

"Così concepito, questo sistema può favorire un circuito dei pagamenti più resiliente, efficiente, inclusivo e innovativo", sostiene un altro copresidente del gruppo di lavoro, Benoît Cœuré. "Anche se non ci sarà una CBDC universale, date le specificità e priorità di ciascun paese, il nostro studio rappresenta comunque un punto di partenza per l'ulteriore sviluppo di una CBDC attuabile".

Sperimentazione in vista

Le prossime fasi di sviluppo richiederanno fra l'altro una concreta sperimentazione tecnica. Il gruppo delle banche centrali continuerà a collaborare sul tema della CBDC, senza però anticipare alcuna decisione in merito all'introduzione o meno di una moneta digitale nelle rispettive giurisdizioni.

"Se da una parte la tecnologia cambia le nostre abitudini di pagamento, dall'altra le banche centrali sono chiamate a preservare la fiducia del pubblico nella loro moneta", afferma la presidente della Bce Christine Lagarde, pure lei citata nel comunicato.

La nota si conclude con un intervento del presidente della BNS Thomas Jordan. "Attualmente assistiamo a uno sviluppo molto rapido nell'ambito della moneta digitale", afferma. "Le banche centrali debbono formarsi un'opinione fondata indagando se e come impiegare in futuro una moneta digitale di banca centrale in forma tokenizzata".
 
 

 

© Regiopress, All rights reserved