laRegione
economiesuisse-in-inverno-fallimenti-e-licenziamenti
Il 57% delle imprese segnala problemi sul fronte delle vendite in Svizzera (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 ore

Pandemia oppure no, gli orologi si acquistano sempre in negozio

Gli acquirenti di orologi svizzeri continuano a preferire le boutique fisiche. Anche se un'ampia maggioranza delle aziende produttrici è pessimista sul futuro.
Economia
23 ore

Chi ne ha tanti, li spende di più di un anno fa

L'emergenza sanitaria dirada le occasioni di uscita e i consumatori più facoltosi acquistano merce più costosa che nel 2019. Il settore del lusso festeggia.
Economia
2 gior

Intel, tonfo in borsa dopo i risultati trimestrali

Il titolo del produttore di microprocessori perde l'11% dopo la presentazione di conti sotto le aspettative degli analisti
Economia
3 gior

Huawei punta a una forte espansione in Svizzera

Crescita nonostante la pandemia. I dipendenti passeranno da 300 a 550 entro la fine del prossimo anno
Economia
3 gior

Caso Bsi, la Finma ha rivisto al ribasso la sanzione

Dagli iniziati 95 milioni a 70 milioni di franchi. È l'importo dell'utile indebito confiscato dalle autorità nella vicenda del fondo sovrano malese 1MDB
Economia
3 gior

La ricchezza degli svizzeri 'poco toccata dalla pandemia'

Secondo uno studio di Credit Suisse la crisi del coronavirus – in linea generale – non ha inciso sui risparmi
Economia
5 gior

I consumatori chiedono un ‘bollino di riparabilità’

Secondo un sondaggio dell’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori gli svizzeri sono pronti a pagare di più per prodotti riparabili
Economia
5 gior

Nestlé: risultato solido dopo i primi 9 mesi

Crescita del 3,5% per la multinazionale svizzera, nonostante la crisi pandemica
Economia
6 gior

Upc ricorre contro la multa sui diritti delle partite di hockey

L'operazione ha deciso di opporsi alla sanzione di 30 milioni di franchi inflitta dalla Comco
Economia
05.10.2020 - 12:080

Economiesuisse: in inverno fallimenti e licenziamenti

Dopo un'estate relativamente calma e meno negativa del previsto, la situazione si sta nuovamente oscurando per le imprese svizzere

Dopo un'estate relativamente calma e meno negativa del previsto, la situazione si sta nuovamente oscurando per le imprese svizzere: lo sostiene, sulla base di un sondaggio, Economiesuisse, secondo cui la crisi in inverno si farà assai più visibile per la popolazione, con un aumento dei licenziamenti e dei fallimenti.

Il 57% delle imprese segnala problemi sul fronte delle vendite in Svizzera, il 72% (in questo caso delle ditte esportatrici) in relazione allo smercio all'estero, il 43% in materia di assenze dei collaboratori e il 21% per quanto riguarda l'acquisto di prodotti finiti.

"La crisi del coronavirus non è ancora superata e ci si aspetta un inverno difficile", riassume Economiesuisse in un comunicato odierno. Dopo il crollo delle attività in primavera, la situazione economica di numerose imprese è migliorata nel corso dell'estate. Un quinto degli interpellati parla però invece di peggioramento, in particolare nel campo dell'export, ma non solo: sul mercato interno sono toccate le imprese dei settori che non sono ancora autorizzati a riprendere la loro attività o che sono sottoposti a restrizioni rigide, quali il ramo degli eventi, le agenzie di viaggio o la ristorazione. Anche gli assicuratori registrano - ed è una novità, sottolinea l'organizzazione - un peggioramento della situazione per le loro attività, poiché vendono meno prodotti incassando così meno premi.

L'immediato futuro non si presenta roseo. Le difficoltà concernenti le vendite sul mercato interno erano sensibilmente diminuite in estate, ma probabilmente aumenteranno nuovamente nel corso dei prossimi due mesi, prevede Economiesuisse. E anche i mercati d'esportazione non si sono ancora ripresi.

Il numero di assenze dal lavoro è già notevolmente aumentato, poiché un numero maggiore di persone è interessato da misure di quarantena e di isolamento. Soprattutto nelle aziende in cui è assolutamente necessario lavorare in gruppo (ad esempio nell'assemblaggio di macchine) sussiste il rischio che intere squadre siano assenti se un membro del team presenta dei sintomi.

Le catene di approvvigionamento pongono invece attualmente meno problemi alle imprese. Una difficoltà è costituita dal fatto che, per evidenti ragioni, alcuni fornitori non garantiscono la disponibilità né le date di fornitura. Questo complica la pianificazione degli ordinativi di prodotti semilavorati. La situazione resta peraltro volatile: occorre attendersi che altre regioni siano prossimamente soggette a restrizioni dovute al Covid-19.

Se dal punto di vista del prodotto interno lordo la maggior parte dei settori sembrano aver superato il peggio, la crisi economica diventerà più evidente per la popolazione nei mesi più freddi, si dice convinta Economiesuisse: licenziamenti, chiusure di imprese e fallimenti aumenteranno, al più tardi quando scadranno le misure di sostegno come i prestiti coronavirus e il lavoro ridotto.

Il sondaggio è stato condotto in collaborazione con la Segreteria di Stato dell'economia (Seco) tra il 17 e il 23 settembre 2020. Vi hanno partecipato 268 persone di tutte le regioni della Svizzera, nonché 28 associazioni che hanno preso parte in forma consolidata, a nome del loro settore.

© Regiopress, All rights reserved