(archivio TiPress)
Economia
09.09.2019 - 15:460
Aggiornamento : 16:07

Quasi metà degli investimenti esteri è fasulla

Serve solo per pagare meno tasse, spiega il Fondo monetario internazionale. E la Svizzera non ci fa una gran figura.

Il 40 percento dell'investimento estero diretto non è un vero investimento, ma solo un trucco per schivare il fisco (pardon: 'ottimizzare' la propria posizione fiscale). E la Svizzera non ci fa una gran figura.

La denuncia viene dal Fondo monetario internazionale, secondo il quale 15mila miliardi di investimenti internazionali passano come "capitale fantasma" da "conchiglie vuote" disegnate per minimizzare l'imponibile delle multinazionali. La metà di questi soldi passa dal Lussemburgo e dai Paesi bassi, ma fra gli altri paesi nei quali meno di metà dell'investimento estero diretto è "autentico" ci sono anche Malta, l'Irlanda, i territori oltremare britannici e la Svizzera. 

Intervistato dal 'Financial Times', l'esperto del Council on Foreign Relations Brad Stetser ha spiegato: "queste strutture – società fantasma o investimenti fantasma – sono ottimizzate per minimizzare la tassazione globale delle imprese". 

La ricerca – coordinata dall'Università di Copenaghen per il Fondo – arriva in un momento di accorate discussioni sulla tassazione globale delle imprese: alcune, come Apple, registrano filiali in Paesi come l'Irlanda pur producendo la stragrande maggioranza dei loro beni e servizi altrove. Anche in Ticino sono numeorsi i casi di imprese che hanno aperto filiali per 'ottimizzare' la loro posizione fiscale: è il caso del gruppo Kering/Gucci, ormai in partenza. 

3 mesi fa Il caso Kering-Gucci e la ricetta Masoni-Vitta
3 mesi fa Troppo piccoli per i big globali
3 mesi fa Kering: domani convocati dipendenti e sindacati
4 mesi fa Kering pagherà 1,25 miliardi di euro
Potrebbe interessarti anche
Tags
metà
investimenti
svizzera
fondo
figura
monetario internazionale
fondo monetario
fondo monetario internazionale
gran figura
investimento
© Regiopress, All rights reserved