Economia
01.04.2019 - 12:370

Fmi: Rischi per il settore immobiliare svizzero

Il Fondo monetario internazionale elogia il Paese ma intravvede problemi in caso di bocciatura, il 19 maggio, delle legge sulla riforma fiscale.

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) elogia la Svizzera per i progressi compiuti nella stabilizzazione del settore finanziario e per la solidità delle finanze pubbliche. Vede però rischi nel settore immobiliare e nella tassazione delle imprese nel caso in cui il 19 maggio il popolo dovesse bocciare la Legge federale concernente la riforma fiscale e il finanziamento dell'Avs (Rffa).

La stabilità finanziaria della Svizzera è minacciata in particolare dai possibili sviluppi sui mercati immobiliare e ipotecario, scrive il Dipartimento federale delle finanze commentando l'analisi del Fmi dedicata alla Svizzera, pubblicata oggi.

La capacità di resistenza del settore finanziario e la capitalizzazione delle banche sono state rafforzate negli ultimi anni. Tuttavia, i rischi legati a immobili e ipoteche devono essere ridotti con strumenti aggiuntivi nonché con regolamentazione e vigilanza del mercato finanziario più severe.

Il Fmi vede ulteriori rischi nel contesto internazionale, in particolare a causa delle tensioni commerciali a livello mondiale e delle incertezze nell'Ue legate alla Brexit. Positivamente, per il Fondo monetario, va soprattutto valutato il robusto sviluppo dell'economia negli ultimi anni. Il Fmi prevede però un rallentamento della crescita all'1,1% nel 2019.

Per l'istituzione di Bretton Woods l'attuale politica monetaria della Banca nazionale svizzera per stabilizzare il franco è un successo. Le finanze pubbliche inoltre sono solide. In questo contesto, il Fmi ribadisce la raccomandazione alla Svizzera di aumentare gli investimenti per alleggerire la politica monetaria.

Potrebbe interessarti anche
Tags
fmi
svizzera
rischi
settore immobiliare
fondo
fondo monetario
finanze
© Regiopress, All rights reserved