laRegione
Nuovo abbonamento
in-ticino-le-riviste-costano-oltre-il-doppio-che-in-italia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 ore
La Svizzera e il Liechtenstein modificano la Convenzione sulle doppie imposizioni
Firmato a Berna il nuovo Protocollo che passa ora al vaglio dei legislativi dei due Paesi
Economia
8 ore
Swatch, nonostante il tonfo, nessun licenziamento in Svizzera
'Non siamo un gruppo che licenzia, anche in tempi di crisi'. Durante la seconda metà del 2020 ci si attende comunque un ritorno alla normalità
Economia
13 ore
Swatch: crollano le attività, persi 308 milioni in 6 mesi
Un anno fa l'utile superava i 400 milioni. Chiuso temporaneamente l'80% dei canali di vendita nel mondo, ma la domanda dei clienti è ora elevata
Economia
2 gior
A Credit Suisse sarebbero in forse centinaia di posti
Nulla ancora deciso, ma vi sarebbero piani abbozzati secondo il domenicale Sonntagszeitung. L'istituto non ha negato riflessioni relative a possibili economie
Economia
4 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
4 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
5 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
5 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
23.05.2019 - 08:230

In Ticino le riviste costano oltre il doppio che in Italia

Le organizzazioni dei consumatori hanno confrontato anche l'abbigliamento nei negozi online: importanti le differenze di prezzo

 

Differenze di prezzo esorbitanti fra Svizzera e paesi confinanti per giornali e riviste: un insieme di periodici identici costa in Svizzera tedesca più del 50.9% rispetto alla Germania. La differenza di prezzo in Svizzera romanda è in media del 56.5% in più rispetto alla Francia. In Ticino, i periodici costano mediamente più del doppio rispetto all’Italia (+ 127%). Ciò è stato ancora una volta dimostrato da un confronto di prezzo di 115 tra giornali e riviste, che l’Acsi con le sue consorelle Konsumentenschutz e FRC ha condotto lo scorso aprile. È stato esaminato anche il settore dell’abbigliamento in vendita online. In media, gli stessi abiti costano in Svizzera attorno al 25% di più che in Germania, Francia e Italia.

Nel confronto con l’Italia, si può notare come i periodici “Quattroruote” (+245.1%), “Abitare” (+199.1%) e “Marie Claire” (+173%) presentino la differenza di prezzo maggiore. Mentre la differenza di prezzo minore si è registrata per i periodici “Sole 24 ore” (+41.6%), “PC Professionale” (+72.8%), “Gente” (+77.0%) e “Panorama” (+77.0%). La differenza di prezzo è leggermente aumentata negli ultimi cinque anni: a giugno 2014, i periodici costavano in Svizzera in media il 49% di più rispetto che in Germania, la differenza di prezzo con la Francia era del 55% e del 124% con l’Italia.

Vestirsi costa di più

In Svizzera i vestiti sono più costosi del 25% che in Germania, Francia e Italia, come dimostrato da un paragone dei prezzi di 150 prodotti delle catene Esprit, H&M, Mango, Vero Moda e Zara venduti online. Senza considerare l’IVA, le differenze di prezzo sarebbero chiaramente più evidenti, in quanto la Svizzera ha l’aliquota IVA minore dei quattro paesi considerati. Il “supplemento Svizzera” varia in modo diverso a dipendenza delle diverse catene: da H&M è “solo” del 16.7%, mentre da Esprit Svizzera, gli stessi vestiti costano il 32.1% di più rispetto ai paesi limitrofi. Nel mezzo si posizionano Vero Moda con un “supplemento Svizzera” del + 21.8%, Mango con +23.1% e Zara con + 28.4%.

La differenza di prezzo dei vestiti è, come per i periodici, relativamente stabile nel corso degli anni: tra il 2012 e il 2016 i vestiti in Svizzera (con un’eccezione) erano sempre tra il 24.7 e il 31.4 % più costosi che nei paesi confinanti.

“Queste differenze di prezzo restano importanti e ingiustificate – sottolinea Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell’Acsi. È ora che la politica adotti misure efficaci per mettere fine agli abusi delle imprese straniere che approfittano del potere d’acquisto dei consumatori svizzeri.” Secondo le analisi del sorvegliante dei prezzi e dell’associazione del commercio al dettaglio, questi scarti non sono dovuti al costo del lavoro.

© Regiopress, All rights reserved