Musica

Bmg divorzia da Roger Waters: ‘È antisemita’

Dopo i commenti shock del co-fondatore dei Pink Floyd su Israele e sull'Ucraina, la major lo ha scaricato

Roger Waters
(Keystone)
31 gennaio 2024
|

La Bmg ha scaricato Roger Waters per i commenti shock del co-fondatore dei Pink Floyd su Israele e sull'Ucraina. Il colosso tedesco aveva firmato un accordo con l'80enne musicista nel 2016 e l'anno scorso stava per pubblicare una nuova versione registrata del leggendario album del 1973 ‘The Dark Side of the Moon’, un progetto poi cancellato dopo l'ingresso di Thomas Coesfeld come nuovo amministratore delegato. L'album era poi uscito con l'etichetta britannica Cooking Vinyl.

Le più recenti frasi ‘a effetto’ di Waters contro Israele sono state criticate da alcuni come antisemite. Il musicista era rimasto impassibile di fronte alle polemiche che lo avevano coinvolto di recente, incluse quelle che seguirono, l'anno scorso a Berlino, al suo essere salito sul palcoscenico vestito da nazista. Nell'aprile 2023, Waters aveva vinto in tribunale contro il municipio di Francoforte che avrebbe voluto cancellare un suo concerto accusandolo di essere “uno dei più noti antisemiti del mondo”. Sul fronte dell'Ucraina, il cantante era poi apparso davanti al Consiglio di Sicurezza dell'Onu su invito della Russia, affermando che l'invasione del 2022 “non era non provocata”. In un'intervista video con il giornalista libertario Glenn Greenwald, già lo scorso novembre Waters si era lamentato di essere stato “licenziato” da Bmg come risultato di pressioni da parte di interessi filo-israeliani su Bertelsmann, il colosso editoriale di cui Bmg fa parte.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE