ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
11 ore

Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.

Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Spettacoli
11 ore

È San Valentino anche a teatro, ecco gli eventi al Foce

Dall’omaggio a Gaber ai balli caraibici, dagli spettacoli sulle e con le donne alla Riviera adriatica in foto
Culture
12 ore

‘Leggere Lolita a Teheran’, voce (e sostegno) alle donne

Al Lac una riflessione sulla situazione in Medioriente con brani dal libro di Azar Nafisi; ma anche la danza de ‘Gli anni’ con Marta Ciappina
Sanremo
13 ore

Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)

Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
14 ore

La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi

A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
14 ore

‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità

A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
15 ore

La solitudine di Ulisse e la cecità umana

Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
16 ore

Giorgia e Sanremo, parole dette bene

Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
18 ore

Sanremo s’è desta, Blanco devasta

Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
22 ore

Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)

Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Gallery
Sogno o son Festival
1 gior

Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)

Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
La recensione
28.11.2022 - 12:41
Aggiornamento: 16:26

Vivian, Edward e Pretty Bryan

Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)

vivian-edward-e-pretty-bryan
‘Pretty Woman - Il musical’ visto a Lugano. Nella foto: Thomas ‘Edward’ Santu e Beatrice ‘Vivian’ Baldaccini

Per chi a diciannove anni ha pensato di scrivere una lettera a Julia Roberts per dirle quant’era bella ma poi non l’ha spedita; per chi ha sognato di rinascere Bryan Adams – bello, asciutto, con la chitarra fallica e i singoli di successo –; per chi ha sognato il principe azzurro, ma anche per chi ha sognato di essere il principe azzurro: ‘Pretty Woman - Il musical’ è lo spettacolo che fa per voi (fine dello spot promozionale, senza alcun ritorno personale perché è già andato in scena al Lac sabato 26 e domenica 27 novembre, doppio sold out).

Per chi invece seguisse una dieta culturale priva di zuccheri, ‘Pretty Woman’ è la storia di Vivian Ward, giovane prostituta che calca l’Hollywood Boulevard, e del businessman senza scrupoli Edward Lewis, che la paga tremila dollari per una settimana di compagnia. Sintetizzato: poi s’innamorano. Vicenda sempre capace di farci riconciliare con il mondo e con le sue ingiustizie, il finale dello script originale di J.F. Lawton non era esattamente un "e vissero tutti felici e contenti", il lieto fine lo pretese il film di Garry Marshall (la genesi della pellicola è rocambolesca; si veda a questo proposito, su Netflix, ‘I film della nostra infanzia’, stagione 2 episodio 2).

Tony Award a Giulio

Dall’agosto del 2018, con la prima di Chicago, ‘Pretty Woman’ è diventato anche un musical con le canzoni e i testi della coppia Bryan Adams/Jim Vallance, quelli di ‘Summer Of ’69’ e altro pop rock della miglior fattura. Ed è bella la versione italiana arrivata a Lugano. A differenza di altri musical italiani, qui non parlano tutti a raffica; Beatrice Baldaccini, a tratti, ha la stessa inflessione di Vivian (meglio sarebbe, "di Cristina Boraschi", doppiatrice); le frasi iconiche del film sono qua e là personalizzate e la cosa diverte, le istruzioni di galateo di Barney Thompson (direttore del Beverly Wilshire Hotel) alla giovane hooker sono sostituite da lezioni di ballo, più funzionali al tutto; il resto del cast, a partire da Thomas ‘Edward’ Santu, è impeccabile. Lo è anche Cristian Ruiz in più panni (compresi quelli di Barney) e impeccabile è pure l’amica di Vivian, Kit De Luca, ovvero Giulia Fabbri. Il nostro Tony Award, l’Oscar di Broadway traslato a Lugano, va però a Giulio il facchino, e cioè Pietro Mattarelli, figura boteriana e strepitosa.

Amami Adams

L’accostamento ‘Pretty Woman’/Bryan Adams è vincente, per quanto anche la descrizione di un’ablazione del tartaro potrebbe essere vincente una volta appoggiata sulla scrittura del canadese e del fido coautore, che citano la loro ‘Heaven’ su ‘Tu con me/You And I’ e la fondono con ‘Amami Alfredo’, quando da Los Angeles Edward porta Vivian alla San Francisco Opera per La Traviata, e il rock si fonde con Verdi. Unica nota dolente: tradurre in italiano le canzoni di Adams e Vallance è impresa difficile come ogni adattamento italiano del rock anglofono ad litteram. Ammesso che ve ne fosse la possibilità data dagli autori, un minimo di astrazione sarebbe giovata, perché "Ho intenzione di correre da te" – tanto per citare una hit del rocker – non suona dinamica come "I’m gonna run to you".

‘La canzone’, infine. Citata qua e là e mai completamente esplicitata, ‘Oh, Pretty Woman’ di Roy Orbison giunge a show terminato a metà tra una liberazione e un orgasmo, col Lac già tutto in piedi come per l’Osi, il professor Vecchioni e pochi altri, a sancire il successo di uno spettacolo ben suonato, ben cantato, ben recitato, ben diretto.

P.s. Per chi conoscesse le battute del film a memoria, manca "stronze lumachine!", ma ci si può passare sopra. Per tutto il resto c’è "quella gran culo di Cenerentola".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved