ULTIME NOTIZIE Culture
Società
10 ore

A New York la palma di città più cara al mondo

La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
13 ore

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
19 ore

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
21 ore

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
1 gior

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
1 gior

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
1 gior

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
1 gior

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
1 gior

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
laR
 
22.09.2022 - 07:38
Aggiornamento: 17:48

Il Premio Palmira è una cosa per giovani

Non bisogna avere più di 30 anni per scrivere il prossimo spettacolo della Compagnia Comica di Mendrisio. Del concorso (e non solo) parla Lucia Crivelli

il-premio-palmira-e-una-cosa-per-giovani
Ti-Press
Anno 2015, ‘La Palmira - Complotto nel Mendrisiotto’, il fondatore Rodolfo Bernasconi con una giovane Palmira

Per iscriversi c’è tempo fino al 14 ottobre alle 18, termine entro il quale provare a scrivere la prossima commedia della Compagnia Comica di Mendrisio. Nel 50ennale della sua fondazione, è stato istituito il Premio Palmira dedicato a "la Scarlett Johansson della Svizzera italiana", come si titolò nei Grigioni alla prima de ‘La Palmira, ul film’. Era il 2013 e Alberto Meroni portava sul grande schermo i personaggi ideati da Gianna e Rodolfo Bernasconi, fondatori della ‘Comica’.

Il Premio Palmira è stato annunciato qualche settimana fa da Diego Bernasconi e Lucia Crivelli, i figli dei fondatori. Un premio che si annuncia giovane, visto il limite di età imposto ai partecipanti: 30 anni, non uno di più, per sfornare "una bella commedia, fresca brillante, divertente. Un copione che porti il pubblico in un mondo dove tutto è possibile, prendendo spunto da tematiche di vita quotidiana e/o culturali", così recita il bando. Torniamo con Lucia Crivelli sulle caratteristiche del premio, che è di suo una novità: «Sarà la prima volta che la Compagnia porterà in scena uno spettacolo scritto da altri. Vogliamo farci ispirare dai giovani, è un modo per riportarli a teatro, per avvicinarli al dialetto, ma anche per capire quale interesse possa suscitare in loro la scrittura di una commedia, di una storia». Una storia divisa in due atti al massimo, che non duri oltre le due ore, che sia in lingua italiana, "meglio se con personaggi che recitino in dialetto ticinese". Quanto al limite dei trent’anni «siamo coscienti che si tratta di una fascia d’età in cui il dialetto è conosciuto fino a un certo punto – spiega Lucia – e magari lo si capisce appena o lo si parla poco. Magari è pretenzioso anche chiedere una commedia in dialetto, ma siamo curiosi di vedere se il giovane riuscirà, come crediamo, a portare la sua quotidianità a essere rappresentata sul palcoscenico». In questo senso, «il dialetto non dev’essere un limite, l’idea è dare spazio a qualche personaggio che lo parli. Poi, la traduzione possiamo deciderla insieme». Qualche personaggio, non tutti, così come nella storia della compagnia: «Anche nelle commedie scritte da papà le due lingue erano sempre rappresentate ed equilibrate».

‘Tala chi’

Tecnicamente parlando. Venerdì 14 ottobre alle 18, per la precisione, scadono i termini dell’iscrizione, da completarsi scrivendo a concorsoccm@bluewin.ch e allegando una scheda di presentazione (scritta, audio o video) "convincente per presentare le dinamiche del copione e dell’autore". L’accettazione delle iscrizioni verrà comunicata entro un mese, l’opera completa dovrà pervenire entro il 28 febbraio 2023 alle 16 al medesimo indirizzo (nelle forme che verranno indicate ai prescelti), la decisione della giuria sarà resa nota entro il 28 marzo 2023. Il bando è stato inviato anche alle scuole universitarie ticinesi che annoverino nei rispettivi programmi una formazione teatrale. I copioni che arriveranno finiranno sotto la lente di una giuria di professionisti del mondo culturale con in testa Diego Bernasconi, attuale responsabile della Compagnia. Fatto non secondario, l’autore del copione vincitore si porterà via il premio ma anche mille franchi tondi.

È il 50ennale, si è detto. La Compagna Comica di Mendrisio nasceva nel 1972. «Mi piaceva il fatto che si portasse sul palcoscenico la quotidianità, quella di quegli anni. Io posso parlare per gli ultimi spettacoli, ma credo di poter dire che il bilancio di tutti e cinquanta non può che essere positivo, a partire dagli introiti dati in beneficenza», continua Lucia. «Mi piaceva vedere i miei genitori sul palco, e vedere la reazione del pubblico. A casa non si lesinava sulle repliche, di venerdì sabato e domenica c’erano gli spettacoli, ma abbiamo vissuto la cosa sempre bene». Lucia ha partecipato alle ultime due commedie, «più da comparsa che da attrice», e vive bene anche la popolarità di un personaggio come la Palmira, mai ingombrante: «Ormai a "tala chi la tusa dala Palmira" ci ho fatto l’abitudine. E adesso tocca anche alle mie figlie, "le neuud dala Palmira". Per me è un grande orgoglio, la Palmira è un personaggio cui non si può non voler bene» (tutte le informazioni sul premio su www.compagniacomica.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved