i-nuovi-orizzonti-nordici-di-leo-pusterla-e-terry-blue
‘C’è tanta carne al fuoco, e il fuoco cerchiamo di tenerlo bello alto’
ULTIME NOTIZIE Culture
JazzAscona
9 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
10 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
11 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
11 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
13 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
14 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
14 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
16 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
20 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
23 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
1 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
1 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
1 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Musica
laR
 
19.06.2022 - 20:50

I nuovi orizzonti nordici di Leo Pusterla e Terry Blue

Il Collettivo e il suo futuro di ritorno dai concerti di Londra, città in cui l’attenzione per la musica è ‘impressionante’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Si scrive Terry Blue, si può leggere Collettivo ma anche Leo Pusterla, ticinese che ha messo radici a Milano per fare della musica una professione, e sparso qualche seme in Inghilterra, annaffiato di recente con un mini-tour londinese slittato per pandemia, ora andato in porto. «Esperienza notevolissima – dice il Pusterla – che ha rappresentato per noi la prova del nove: ci siamo trovati di fronte un pubblico che poteva cogliere l’elemento che io considero il più importante, il testo, e non ci aspettavamo un riscontro così positivo». Al netto del carico emozionale di cantare nella lingua del posto, naturalmente: «Avevamo un po’ di paura, inutile negarlo, e ci siamo detti che se a Londra fosse andata male avremmo anche potuto pensare di fare altre cose. È invece il riscontro è stato bello, ci si sono aperte possibilità di tornare a suonare in Inghilterra, soprattutto al nord, cosa in linea con la nostra filosofia recente, e cioè che facciamo tanta fatica in Svizzera e ancor più in Italia, e forse è arrivato il momento di concentrarsi su altri scenari, in primis quello inglese».

Fascino

Dai concerti all’Hoxton Underbelly, nel quartiere di Hoxton, zona abbastanza centrale di Londra, Leo si porta via «un pubblico eterogeneo, dai 18 ai 65 anni, anno più anno meno, ed estremamente rispettoso, atteggiamento che a Londra si percepisce anche solo guardando i cantanti di strada, che hanno sempre una ventina di persone intorno e la gente che passa loro accanto abbassa sempre la voce. Ho vissuto molto raramente un tale rispetto per la musica». C’entra ancora quella cosa che i pub vogliono brani originali e non le cover? «Non do per certo che questa regola esista ancora, ma di certo le band che hanno suonato con noi nelle serate londinesi proponevano pezzi esclusivamente originali, tra l’altro a un livello altissimo. Sarà anche il fascino dell’estero, di noi che arriviamo a Londra presi dal mito della città, ma oggettivamente, al di là del fascino, si suona in modo impressionante». Mettici anche «un boost al mio ego, il fatto che sono stato scambiato per britannico e questo mi ha fatto passare come non-turista. Il complimento di un paese anglofono ti dà motivazioni, ti fa capire c’è qualcosa su cui lavorare».

Il mini-tour, perché no, è diventato anche una mini-vacanza di cui la pagina social riporta estratti live nei prati inglesi insieme alla Terry Blue Eleonora Gioveni: «Non siamo stati nei posti storici della musica, era la mia prima volta a Londra e abbiamo visitato i ‘classici’ del turismo londinese, ma ci torneremo presto». Presto significa «un tour più esteso tra Leeds e Norwich, aprendo per alcune band con cui abbiamo suonato a Londra e alle quali siamo piaciuti. È stato un primo assaggio di una realtà che credo vivremo intensamente nel corso dei prossimi anni. La conseguenza inevitabile di una cosa del genere è che ci concentreremo un po’ meno sulla Svizzera. Dai dati su internet, dagli ascolti, ci siamo resi conto che la nostra è una proposta che funziona più a nord ed è giunto per noi il momento di esplorare questi nuovi orizzonti».

Chilometro zero

Il passato prossimo di Leo Pusterla è l’ultima collaborazione con l’elettronica del vicentino SeaBass nel singolo ‘Relapses’. Il futuro prossimo è ancora Milano, dove Leo vive e perfeziona le tecniche audio-produttive, e pure i diversi featuring in arrivo, da darsi e riceversi (tutto top secret). E un nuovo album che, essendo la scrittura del Nostro a getto continuo, è già pronto da un po’ e la cui uscita è prevista per il prossimo anno. «Ci affideremo a produttori, casa discografica e booking nuovi. Essere i manager di se stessi, pur vivendo di musica, è molto impegnativo e sfiancante, e distrae dalla parte artistica». Entro settembre si saprà. «C’è tanta carne al fuoco, e il fuoco cerchiamo di tenerlo bello alto».

Terry Blue è anche una delle proposte locali del prossimo JazzAscona, esteso ad alcuni dei migliori nomi della scena ticinese. Per il 30 giugno e il primo di luglio, Pusterla ha preparato quattro set per tre repertori diversi: full band, trio acustico con sax e trio elettronico con sax: «Una bella occasione, credo che in due giorni si potranno vedere tutte le sfaccettature del Collettivo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
collettivo terry blue leo pusterla londra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved