il-secolo-di-siddharta-di-hesse-e-il-flauto-del-pastore-krsna
©Ceresio Estate
Luca Russo del Bansuri Ensemble Italiano
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
31 min

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
1 ora

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
5 ore

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
11 ore

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
22 ore

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
22 ore

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
22 ore

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
23 ore

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
1 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
1 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
1 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
16.06.2022 - 21:23
di Alessandra Aitini

Il secolo di ‘Siddharta’ di Hesse e il flauto del pastore Krsna

Intervista a Luca Russo, flautista e colonna portante del Bansuri Ensemble Italiano che, a Ceresio Estate, terrà un concerto di musica classica indiana

Giovedì 23 giugno alle 19 a Montagnola Ceresio Estate propone, nella piazzetta prospiciente il Museo Hermann Hesse, un concerto dedicato alla musica classica indiana, a 100 anni dalla pubblicazione di "Siddharta", proprio a pochi metri da dove il romanzo fu scritto. Ci introduce all’evento Luca Russo, flautista comasco e colonna portante del Bansuri Ensemble Italiano.

Quali sono le principali caratteristiche del flauto bansuri?

Il bansuri è un flauto di bambù. Viene costruito senza aggiungere nulla, nessuna chiave, nessuna meccanica, semplicemente togliendo ciò che serve per creare i fori, che sono solo sei, oltre a quello dell’imboccatura. Solo sei fori per produrre un ventaglio infinito di sfumature, grazie a una tecnica delle dita che richiede grande precisione e flessibilità. È lo strumento del pastore divino Krsna, il fanciullo azzurro, figura principale di testi sacri come il Mahabharata e il Gitagovinda.

Nella musica occidentale si parla di maestri e allievi, mentre nella musica indiana questi ultimi vengono chiamati "discepoli". Qual è la differenza d’impostazione nei due tipi di relazione tra docente e discente?

La musica indiana veniva (e in parte viene ancora) tramandata oralmente. In questo modo il rapporto tra maestro e allievo assume un’importanza enorme. Non si possono infatti scrivere le sfumature di un suono, o quelle di un suono che si combina con un altro e così via nelle loro infinite forme, se non mutilandone fortemente il contenuto. Il maestro può invece consegnare direttamente all’allievo tutto il suo sapere, un procedimento lungo e profondo, che viene chiamato "guru-shishya parampara" (letteralmente "linea maestro-allievo"), che va così a formare una tradizione. Il concetto di tradizione maestro-allievo, pur con le dovute differenze, non era affatto estraneo alla nostra cultura occidentale fino a qualche decennio fa, ma si è andato malamente sfaldando nella globalizzazione.

Nelle vostre performance salta subito all’occhio il fatto che vi esibite da seduti. Come contribuisce questo elemento corporeo e posturale alla resa musicale e concettuale delle vostre esecuzioni?

In India si fanno molte cose stando seduti in terra, non solo le posizioni yoga, ma anche ad esempio mangiare o molti mestieri. Questo in effetti cambia la postura e influisce sulle energie psicofisiche. Anche la concezione musicale indiana differisce molto da quella occidentale. È composta da due aspetti formali principali: il Raga e il Tala. Il Raga è un’entità musicale dotata di qualità proprie, come un suo sentimento, un suo colore e addirittura un’ora del giorno in cui è più auspicabile la sua esecuzione. Il Tala è uno spazio che potremmo definire circolare, dove il ritmo si scompone e ricompone definendo una sorta di racconto che si sviluppa nel tempo.

Qual è il ruolo, al giorno d’oggi, della musica indiana nel contesto occidentale? E quali sono le reazioni del pubblico occidentale di fronte alla scoperta di questo mondo spesso "nuovo" alle sue orecchie?

La musica indiana è filtrata in Occidente a ondate successive. Una delle ultime ha coinciso con l’interesse per l’Oriente, e in particolare per l’India, che ha dilagato in America e in Europa negli anni Sessanta e Settanta, grazie all’attenzione ricevuta dalle correnti giovanili e culturali dell’epoca. Della musica indiana a un orecchio occidentale spiccano la fissità armonica, alla quale si contrappone una grande varietà ritmico-melodica, e la peculiare tavolozza timbrica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ceresio estate hesse musica siddharta
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved