ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
3 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
4 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
14 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
19 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
19 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
20 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
20 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
21 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
22 ore

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
2 gior

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
2 gior

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
2 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
2 gior

Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev

La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
3 gior

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
3 gior

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Spettacoli
03.06.2022 - 21:41
Aggiornamento: 22:05

Vent’anni di Notre Dame de Paris, di padre in figlio

Con Giò Di Tonno, aspettando il tour del 20ennale che arriva al Lac l’8 giugno per 5 repliche: ‘L’entusiasmo mio e del pubblico non è cambiato’

vent-anni-di-notre-dame-de-paris-di-padre-in-figlio
Francesco Prandoni
Dall’8 al 12 giugno

Tecnicamente non è un musical ma un’opera popolare, come il suo successo. All’inizio di quest’anno erano 15 milioni, ma dall’inizio del tour dei vent’anni – presentato a marzo alla presenza di Riccardo Cocciante, autore delle musiche, e del cast di queste due decadi – ora saranno in qualche decina di migliaia in più ad aver visto, o rivisto, Notre Dame de Paris, spettacolo che s’insedia al Lac di Lugano dal prossimo 8 giugno e fino al 12, per cinque repliche (www.ticketcorner.ch, www.luganolac.ch). Inganniamo il tempo aspettando il nuovo debutto ticinese con Giò Di Tonno, storico Quasimodo.

Detto con parole di Giò Di Tonno: "La chiamata a Notre Dame de Paris è come la chiamata in Nazionale".

Sì, è proprio un fattore di appartenenza a qualcosa di così importante e sentito, non solo per noi artisti che mettiamo in scena quest’opera ma dai milioni di spettatori che ci hanno visti in questi anni. Dire no sembrava quasi tradirli e siccome l’amore per Notre Dame di Paris è ancora forte da parte mia, non mi è ancora ‘venuto a noia’, come si suol dire, mi sono detto "vado e rappresento questo spettacolo", cercando di farlo al meglio.

Il riscontro delle prime date è stato entusiasmante, sono passati vent’anni ma paiono un tempo assai più breve…

Vent’anni sono tanti ma sembrerebbero non essere molti perché l’entusiasmo è invariato e questa cosa ci stupisce sempre. Abbiamo cominciato a Milano, ci sono state due settimane romane col palazzetto dello sport pieno. Ho riscontrato soprattutto un interesse fortissimo da parte dei giovanissimi, che c’è sempre stato ma è ancora più forte in questo periodo, come se questo tramandare lo spettacolo coinvolga ora una platea ancora più giovane. La trasversalità di quest’opera è nota, ma mi stupisce ancora.

I genitori portano i bambini a vedere quel che essi, da bambini, avevano visto…

Sì. Ho sempre detto che Notre Dame de Paris è stata la fonte di passioni e di amori, perché tante persone si sono conosciute qui, ce ne hanno data testimonianza fan fedelissimi che hanno seguito e continuano a farlo. Forse i giovani sono proprio frutto di questi moltissimi amori. Vent’anni fa uscì il film della Disney, che fece da traino al nostro spettacolo. Credo che questa storia piaccia ancora oggi perché, lo dico senza volermi avventurare in discorsi sociologici, torna in una società un po’ distante, regolata dai social, con i giovani al cospetto di una vita vissuta ‘da lontano’, con tanta fatica di relazionarsi. In Notre-Dame de Paris trovano forse qualcosa di vero, di bello, di sincero rispetto a quel che c’è in giro.

Il tuo provino per Notre Dame de Paris è aneddoto noto, ma talmente bello che vale la pena ricordarlo…

Andai a fare il provino davanti a Riccardo Cocciante dopo varie selezioni con i responsabili dei casting, e ci andai già con la postura del gobbo; a fine esibizione lui mi disse che gli avevo dato una grande emozione e mi chiese se fossi capace di cantare anche eretto. L’emozione fu così tanta che aspettai il suo verdetto nella stessa posizione. Aneddoto per aneddoto, ci sono tanti nomignoli con i quali la gente per strada mi ha chiamato in questi anni, cose come "Che bello questo spettacolo che fai, il Mostro di Rotterdam!", oppure "Ah, ma tu interpreti il campanaro, Casimiro!"…

Riccardo Cocciante vi segue sempre, anche in questa nuova edizione dello spettacolo?

Sì, viene e ‘lotta’ insieme e noi. Viene a monitorare, a controllare che tutto vada per il meglio, ci tiene tantissimo. Notre Dame de Paris, al di là del successo delle sue canzoni, è il suo figlio più importante, quello al quale è più legato. Riccardo è il capofamiglia insieme a David Zard prima e al figlio Clemente oggi, i produttori, ed è bello vedere come una persona come lui, che ha cinquant’anni di carriera e se ne potrebbe stare in panciolle, ci tenga ancora così tanto. Ma è uno dei segreti di questo spettacolo che funziona anche perché la soglia d’attenzione è sempre altissima da parte di tutti, attenzione, rispetto per il pubblico e, lo dico senza retorica, grande amore.

Com’è, alla fine, il tuo Notre Dame di Paris vent’anni dopo?

Il pubblico noterà poche differenze. Il personaggio è maturato e cresciuto con me. Tanti anni fa, con l’incoscienza, con l’entusiasmo dei vent’anni di meno, guardavo a rendere il mio personaggio bene, a cantare e muovermi al meglio; volevo che il mio Quasimodo fosse credibile dal punto di vista estetico. Con la maturità sono arrivato a dirmi che la funzione sociale del teatro era un veicolo importante. Rappresento un emarginato, un diverso estremo, ho quindi pensato alla condizione che vivono in tanti e ho lavorato più in profondità.

Il tema del ‘diverso’ va a collocarsi oggi in un’attenzione molto più alta di quando Notre Dame debuttò…

Vorrei rispondere partendo dai social, con i quali, personalmente, ho avuto un rapporto molto conflittuale. Credo che abbiano fatto molti danni, allontanando le persone, soprattutto i giovani. Chi ci ha rimesso maggiormente sono le persone considerate ‘diverse’ per un difetto fisico, per qualche chilo di troppo, orientamenti sessuali diversi dalla massa. Sono stati fatti danni devastanti che non sono stati rimarginati da chi di dovere, penso alla politica e a tutti coloro che potevano prendere decisioni importanti. Questo tema è sempre aperto. Se pensiamo che Notre Dame de Paris è ambientato nel Medioevo, è scritto nell’Ottocento e le tematiche sono ricorrenti, viene da rattristarsi un po’ dal constatare che stiamo ancora a parlare degli immigrati come fossero nemici o di quelli con la pelle diversa come fossero il demonio.

Insieme all’imitatore a ‘Tale e Quale’, al presentatore televisivo, e alle mille altre facce, Giò Di Tonno è sempre un cantante. Questo spettacolo ti ha in qualche modo ‘deviato’ dalla strada maestra?

L’identificazione con questo personaggio viaggia inevitabilmente con me, ed è un peso che porto addosso volentieri. Ma la musica sì, la fa da padrona nella mia vita. Non amo molto le dinamiche televisive dove tutto veloce e anche un po’ finto. Il teatro invece porta con sé molta più verità, mi piace interpretare tanti ruoli diversi da me, e in questo senso credo di avere risparmiato i soldi dello psicologo (ride, ndr). Il fare tante cose, il non avere un’identità, l’ho vissuto inizialmente come una condanna, ma forse il saper fare diverse cose è proprio la mia identità. Ora mi godo questo tour, ho scritto un mio musical e il sogno più grande è quello di realizzarlo.


Keystone
Giò Di Tonno e Lola Ponce, Sanremo 2008

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved