l-ucraina-ha-vinto-l-eurovision-song-contest-2022
Keystone
Ucraina - Kalush Orchestra, ‘Stefania’
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
16 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
19 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
20 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
22 ore

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
23 ore

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
1 gior

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
1 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
1 gior

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
2 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
2 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
2 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
2 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
2 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
2 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
3 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
3 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
3 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
3 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
3 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
3 gior

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
3 gior

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
4 gior

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
4 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
4 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
15.05.2022 - 01:15
Aggiornamento: 15:37

L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022

Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna

L’edizione 2022 dell’Eurovision Song Contest va all’Ucraina. Plebiscito per la Kalush Orchestra con ‘Stefania’. Quarti dopo il rito dei ‘Douze points’, il voto delle nazioni, uno straripante televoto li ha issati sul gradino più alto del podio di un’edizione non qualunque.

La Spagna – ‘SloMo’ di Chanel – e la Gran Bretagna – ‘Space Man’ di Sam Ryder – si sono giocati la seconda e la terza piazza. È prevalso il britannico, con una delle canzoni più belle ascoltate quest’anno, ma i 631 punti raccolti dagli ucraini al televoto sono subito sembrati insormontabili. Quarta è Cornelia Jakobs per la Svezia con ‘Hold Me Closer’, quinta la Serbia con Konstrakta (‘In Corpore Sano’), sesta l’Italia di Mahmood e Blanco con ‘Brividi’.

Dodicesima per le nazioni votanti, remunerata con un gruzzolo di 78 punti, il voto del pubblico non ha sorriso alla Svizzera: zero punti per il pur bravo Marius Bear con ‘Boys Do Cry’.

La cronaca

È da brividi, e la canzone non c’entra, il ‘Give Peace A Chance’ che porta dalle piazze di Torino al PalaOlimpico, che batte le mani a tempo con la buonanima di John Lennon. La Finale è cominciata. Apre Laura Pausini di bianco vestita, con medley che va da ‘Benvenuto’ a ‘Scatola’. Sfilano i concorrenti, poi Mika grida "Make some noise" e lo show si accende sullo spettacolo di luce di ‘Lights Off’ dei cechi We Are Domi; così accade anche per il beatmaker WRS in ‘Llàmame’, rumeno dal prodotto musicale latino. MARO, pupilla di Jacob Collier, abbassa i toni nel bell’impasto di voci che è ‘Saudade, saudade’, il Portogallo tra world music, new age e cantautorato. Il piccolo Ben col palloncino torna da Derry, cittadina di fantasia del Maine, per cantare ‘Jezebel’. Ma sotto l’impermeabile giallo c’è Lauri, frontman dei Rasmus, nella citazione di ‘It’, capolavoro horror di Stephen King. Per i trent’anni di rock finlandese, e per la resa del pezzo, l’applauso è dovuto.


Keystone
Finlandia - The Rasmus, ‘Jezebel’

Alle 20.35, fuso orario di Torino, appare Marius Bear, che come il più navigato dei professionisti si permette di cambiare qualche linea melodica alla bella ‘Boys Do Cry’, prendendosi, dalla sala stampa, un applauso già a metà pezzo. Nulla lascia presagire il tracollo, ma il riscontro più ‘tecnico’ ha un significato importante per ripartire. È andata peggio alla folta rappresentanza francese in sala stampa, passata dal transalpino flashmob su ‘Fulenn’ di Alvan & Ahez, world music in lingua bretone carica d’elettronica, a un misero penultimo posto.

Danza anche la delegazione norvegese sul tormentone ‘Give That Wolf A Banana’ dei Subwoolfer, non spiegabile come tutti i tormentoni. Rosa Linn per l’Armenia, chiusa nella sua cameretta con la chitarra in mano, fa tenerezza e la sua ‘Snap’, all’ennesimo ascolto, in quanto onesta, strappa un brivido anche ai non amanti dei 4-accordi-4 (ma il pensiero va a chi per una settimana intera ha dovuto riattaccare i post-it alle pareti). Lo sketch sul gesticolare degli italiani chiude il progetto di Cattelan sugli stereotipi del Belpaese: è un assist a ‘Brividi’, nell’esecuzione senza sbavature di Mahmood e Blanco. Non serve essere nati in Italia per spiegare ‘l’effetto che fa’ (cit):


Keystone
Italia - Mahmood e Blanco, ‘Brividi’

Se il sito dell’Eurovision dice la verità, al singolo di debutto di Chanel, ‘SloMo’, ha lavorato un team di autori "che hanno collaborato con Madonna, Black Eyed Peas, Britney Spears, Ricky Martin, Mariah Carey and Nicki Minaj". In un professionale trionfo di glutei, la canzone ‘spacca’. Sfila l’Olanda di S10 con ‘Die Diepte’ e se su ‘Brividi’ qualcuno ha trattenuto l’emozione a stento, alla fine di ‘Stefania’ della Kalush Orchestra accade altrettanto: la band ucraina chiama aiuto per la patria sotto le bombe russe. Domani saranno da Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa’. Lo twitta il presentatore stesso.

Il destino dei tedeschi è nelle mani di Malik Harris: ‘Rockstars’ è un monotono 4-accordi-4 e il palco, se possibile, affossa ancor più quello che in gergo da sala prove viene più confidenzialmente definito ‘un pacco’. Sarà ultimo con 6 punti. Con i suoni Roland ‘di noi giovani’ e l’andamento lento, ‘Sentimentai’ di Monika Liu, per la Lituania in lituano, si conferma il momento chic della manifestazione.

Lui e l’altro di sé azerbaijano continuano a suonarci soporiferi (Nadir Rustamli, ‘Fade To Black’) e così suoneranno ai televotatori. Nelle retrovie anche il diversamente gospel ‘Miss You’ del belga Jérémie Makiese, benché vocalmente impeccabile. Meglio ‘Die Together’, della disneyana Amanda Georgiadi Tenfjord per la Grecia, premiata con i ‘Douze points’ da ben sei nazioni.


Keystone
Grecia - Amanda Georgiadi Tenfjord, ‘Die Together’

Il polar-country islandese di Sigga, Beta ed Elín, le Systur di ‘Með Hækkandi Sól’, è chiuso da un ‘Peace for Ucraine’. Quel che accade per la Moldavia – ‘Trenulețul’ dei colorati (eufemismo) Zdob şi Zdub & Advahov Brothers – è spiegabile così:

La Svezia (Cornelia Jakobs, ‘Hold Me Closer’) avanza con la progressione di uno Scania (‘Azienda svedese produttrice di veicoli industriali con sede a Södertälje’. Fonte: Wikipedia). L’Australia, con Sheldon Riley, sale le scale della vita in ‘Not The Same’. Laura Pausini canta ‘Nel blu dipinto di blu’, prima che il britannico Sam Ryder, come un moderno Freddie Mercury, canti una delle canzoni più belle di questo Eurovision (chapeau. Anzi, ‘hat’). La Polonia alza la voce con Ochsman (‘River’) e poi la Serbia con Konstrakta, il battimani di ‘In Corpore Sano’, una catarsi o un incubo (ognuno vive il battimani come crede, ma il momento, seppur ansiogeno, è intenso). Si chiude in gloria con il Momento Morricone regalato dal bravo estone Stefan con ‘Hope’.

Via al televoto e alle 23.20 si ascolta finalmente ‘Supermodel’, nuovo singolo dei Måneskin, venuti a ricordare il motivo per il quale siamo qui. Nel 1965 a Napoli, l’Italia era lì perché l’anno prima l’allora teenager Gigliola Cinquetti cantò ‘Non ho l’età’ e vinse, portando il concorso l’anno dopo in riva al mare. ‘Non ho l’età’ dopo i Måneskin non lo si può esattamente definire un regalo della produzione alla signora Cinquetti, che comunque la porta a casa. Il resto è scritto sopra.


Keystone
Måneskin, ospiti con ‘Supermodel’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eurovision song contest russiaucraina torino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved