eurovision-al-museo-della-rai-aspettando-la-finale
laRegione
L’abito originale della Raffaella di ‘Chissà se va’, Canzonissima 1971
+8
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
12 ore

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
12 ore

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
12 ore

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
14 ore

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
15 ore

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
16 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
20 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
21 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
23 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
1 gior

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
1 gior

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
1 gior

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
1 gior

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
1 gior

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
1 gior

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
1 gior

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
2 gior

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
2 gior

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
2 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
2 gior

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
2 gior

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
2 gior

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
3 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
3 gior

Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’

Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
3 gior

Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla

Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
4 gior

Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’

All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
4 gior

L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022

Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
4 gior

Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)

C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
5 gior

Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso

Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
Spettacoli
5 gior

A LuganoMusica iniziano le Nuove generazioni

Con la pianista Marie-Ange Nguci si apre la rassegna dedicata ai giovani talenti
Società
5 gior

Anche i musei bacchettano Kim Kardashian

Monta la polemica dopo la scelta dell’influencer di sfilare con lo storico abito indossato da Marilyn Monroe per fare gli auguri a Jfk
locarno75
5 gior

Locarno Kids, aperte le iscrizioni per gli Atelier du Futur

Presentata una nuova iniziativa creativa per adolescenti
Arte
5 gior

Il tempo del diluvio tra arte e scienza

Il 17 maggio al Lac un dialogo tra l’artista Stefano Cagol e lo scienziato Massimo Bernardi
Scienze
5 gior

Eclissi lunare il 16 maggio, visibile in parte anche in Svizzera

Nella notte tra 15 e 16 maggio la cosiddetta ‘Luna Rossa’ sarà visibile anche dalla Svizzera, ma solo per la prima parte: il culmine all’alba
laR
 
14.05.2022 - 05:30

Eurovision: al Museo della Rai, aspettando la finale

Dopo giorni e giorni di canzoni, pensieri divagatori e nostalgiche visioni da un luogo (interattivo) per audiofili e nostalgici del tubo catodico

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

I Festival della canzone, siano essi sanremesi o eurovisivi, portano con sé quella particolare sensazione che dopo tre giorni si fa largo nell’inviato un senso di distacco che porta a scegliere luoghi alternativi: a Sanremo è il lungomare, a Torino potrebbe essere il Museo Egizio, lo Juventus Museum (per questioni legate all’infanzia) o quello della Rai, per questioni affettive e di attinenza tematica. Riferimenti della piemontesità sarebbero anche il gianduia (giandoja per gli autoctoni), la bagna caoda (o cauda, "una preparazione a base di aglio e acciughe dissalate e deliscate, cotta a fuoco lento in olio d’oliva, riducendo il tutto a salsa", fonte Wikipedia), il tartufo e la Torino noir. Ma questo giornale non ha una rubrica gastronomica e con i fantasmi è inutile prenotare le interviste (nemmeno con Bob Dylan se è per questo).

Partendo dal presupposto che sarebbe impossibile raccontare la storia d’Egitto in una pagina, e nemmeno quella della Juventus, perché soltanto il volo d’angelo di Roberto Bettega in Italia-Finlandia 6-1 (Comunale di Torino, 15.10.1977) meriterebbe un’edizione a sé, scegliamo il Museo della Rai, luogo per nostalgici del tubo catodico ma anche d’imprevista interattività. E poi, dicono i tassisti, a Torino sono tutti granata, gli juventini sono solo gli ‘importati’: se proprio si volesse visitare un museo del calcio, allora bisognerebbe andare a quello del Grande Torino e della Leggenda Granata di Grugliasco. Ma questa non è la pagina di Sport.


laRegione
Benvenuti

‘Quanto vorrei che la BBC avesse un museo come questo’

Al civico 16 di via Verdi ci accoglie Alberto Allegranza, direttore del Museo della radio e televisione Rai. «Parto dalla fine – ci dice – e cioè dal libro del museo, fatto di penne arcobaleno usate dai bimbi per farci disegni e cuori, mostrando un amore per la storia della televisione italiana ritrovato e arricchito». Bimbi e bimbi cresciuti, come l’irlandese che nei giorni dell’Eurovision ha scritto: "Quanto vorrei che la BBC avesse un museo come questo". Un museo gratuito, senza obiettivi economici né di afflusso, ma «di qualità e di racconto, un museo aperto, non legato al passato. Nelle nostre intenzioni, la visita deve essere un programma. Del resto, facciamo televisione…».

Proprio intorno a questa filosofia è nato il museo, concepito durante il primo lockdown ereditando un’esperienza iniziata nel 1984, anno della prima esposizione, e continuata in modalità permanente dal 1993. «È stato a lungo più o meno identico a se stesso, una collezione di oggetti molto preziosi che partiva dal 1850 del telegrafo (in bella vista a inizio esposizione, con mille altri cimeli degli albori della radiofonia, ndr), esemplari scelti in nome del puro collezionismo. Fosse rimasto impostato così, oggi non si riuscirebbe ad attirare un adolescente». Un museo «esperienziale», retto da una visione, campeggiante sul marmo delle pareti e, in circolo, tutt’intorno al logo: "Abbracciamo il presente, valorizziamo il passato, ci apriamo al futuro".

«È un museo che permette di vivere l’oggi», prosegue il direttore. «Quanto al passato, più che i dettagli analitici, scegliamo ciò che per noi continua ad avere valore anticipatorio, innovativo, senza tempo». L’esempio è un costume di scena indossato da Adriano Celentano in ‘Alla ribalta’, trasmissione del 1964: «Mi dirà lei se Achille Lauro non potrebbe indossarlo oggi...». Frutto di quella fucina d’idee della sartoria interna Rai, recuperato nel Centro di produzione Rai di Milano tra migliaia di costumi, «è quello più rappresentativo del "ci apriamo al futuro, valorizziamo il passato"». Giusto di fronte, i costumi de ‘La domenica è un’altra cosa’, show del 1969, riutilizzati da Roberto Bolle nel 2020 per ‘Danza con me’. Due schermi mostrano il loro utilizzo nei rispettivi anni.


laRegione
A destra, il primo ombelico della televisione italiana. A sinistra, ‘l’Optical’

Ombelichi e minigonne

«La realtà è piena di sorprese: la morte di Raffaella Carrà ci ha colti impreparati e abbiamo deciso di onorare il suo essere ‘eterna’, per l’aver dato la vita intera alla televisione. Abbiamo chiesto ai nostri colleghi della Rai di Roma se avessero costumi preziosi…». Ecco dunque quello di Canzonissima 1971 e quello dell’edizione 1974: «Hanno cambiato la storia culturale del paese: quello del ’71 è il primo costume che mostrava l’ombelico». A integrazione del tutto, colui per il quale la prima immagine femminile dopo la mamma è stata Raffaella saprà oggi che il fiocco appuntato sul petto durante ‘Chissà se va’, la sigla, era rosso. «A fianco c’è quello che chiamiamo ‘Optical’, un vestito dal disegno ipnotico che ha permesso di creare nel 1974 immagini che oggi paiono digitali, per fotografia e tecnica di ripresa».

C’è altra storia del costume italiano, poco più avanti, con la prima minigonna della storia televisiva, quella di Sabina Ciuffini ‘valletta’ di Mike Bongiorno, anch’egli presente in forma di vestito di ‘Rischiatutto’. A proposito del quiz ‘campione di ascolti’, come si direbbe oggi: tra gli elementi d’arredamento di scena, poco più in là, di ‘Rischiatutto’ vi è la cabina (il selfie è consentito).


‘La uno, la due o la tre?’


laRegione
La prima minigonna della tv italiana

Radio Caterina, Sinatra, il Trio Lescano

Il Museo è un viaggio nel tempo che non ha solo i volti cari al pubblico italiano, ma anche voci senza volto. Tra i cimeli della radio e della televisione – tutti funzionanti – c’è la radio più semplice del mondo, Radio Caterina, la radio della speranza. Allegranza: «Fu realizzata durante la Seconda Guerra Mondiale dai deportati nei lager, che con mezzi di fortuna cercavano di connettersi con Radio Londra, sperando di trovare informazioni sullo sbarco degli alleati. Gli elementi erano oggetti semplici, rubati nei campi di concentramento: parti di telefono, una matita, una lametta da barba». A fianco di Radio Caterina, marchiato Eiar (Ente italiano per le audizioni radiofoniche, voce del fascismo per gran parte del Ventennio) c’è «un registratore portatile da 150 kg, uno degli oggetti più preziosi storicamente e tecnologicamente, un registratore a nastro elettromagnetico lungo tre chilometri». Dal nastro, grazie ai diffusori d’epoca, esce una confortante ‘O sole mio’.


laRegione
Tre chilometri di nastro


laRegione
Radio Caterina

Per la gioia dei più giovani, in una delle stanze c’è una telecamera degli anni 90, funzionante, posta di fronte a un ‘Tg galattico’ la cui scenografia è il logo più longevo del telegiornale Rai integrato da un satellite. Il selfie diventa così una vera ripresa televisiva da vedere in tempo reale su di un monitor posto di fronte. Al centro dello studio c’è anche un microfono Rca degli anni 40, in cui cantò Frank Sinatra. «Questo ci rende interessanti per gli addetti ai lavori: cantare in un microfono di questo prestigio, per chi del canto ha fatto un mestiere, è un’esperienza» (chiedere ai cantanti dell’Eurovision transitati da qui). La stessa esperienza si ripete giusto di fronte, con la parete radiofonica reale davanti alla quale c’è, anche in questo caso funzionante, un microfono del 1926 a granuli di carbone utilizzato dal Trio Lescano. «È un museo da vivere, nato con l’intento di restare, di ‘esserci’. Perché una delle cose tristi della televisione è un programma che finisce. Parliamo di Eurovision: abbiamo fatto un lavoro incredibile e tra pochi giorni il palco verrà smontato. Si è creato un ‘bambino’, lo si è amato e lo si deve lasciare andare. I colleghi più competenti, più appassionati della Rai, hanno intuito che quel che viene fatto in questo museo resta».


laRegione
Ci cantò Sinatra

Tecnologia

Prima di tornare alle origini della comunicazione, un ingegnere del Centro Ricerche Rai ci parla del 5G Broadcast, la possibilità di vedere la Tv sul telefonino attraverso una diffusione broadcast anziché unicast, ossia ricevendo il segnale diffuso per tutti sollevando da problemi di traffico dati la rete mobile. E risparmiando i dati del nostro piano tariffario. Dal punto di vista trasmissivo tutto è pronto: serve che i prototipi di smartphone atti a supportare la novità non siano più prototipi. Attendiamo. Ma torniamo al telegrafo. «È la cosa che più piace ai bambini delle Elementari – riprende Allegranza – che restano affascinati dai segni, dalla modalità di comunicazione, un altro fulgido esempio di come tutto sia relativo. Uno su due ti dice che la cosa più bella del museo è il telegrafo, considerazione interessante perché se le cose sono raccontate in un certo modo, non è vero che il passato è vecchio e che il futuro può anche essere stressante. Dipende sempre da quale contenuto vuoi dare al passato, quale significato». Chi, in fondo da piccolo, non si è creato un proprio alfabeto, da condividere con uno o pochi, per spedirsi bigliettini da banco a banco con messaggi cifrati, illeggibili ai grandi e agli antipatici. «Si pensi a com’è attuale oggi un concetto come questo in tempi in cui siamo controllati dalle basi dati, dalle profilazioni: avere un canale di comunicazione segreto equivale a una forma di libertà. La stessa cosa valeva per Radio Caterina, che andava sulle frequenze basse, quelle che vengono sfruttate in Ucraina oggi, perché difficilmente intercettabili dal nemico. Ciò che pare vetusto, in realtà può diventare risorsa nuova».

Del Museo della radio e televisione Rai – un museo accessibile, che parla alle persone sorde e cieche, anche con postazioni tattili – «un visitatore su 20 ci dice che è piccolo e andrebbe ingrandito. Ed è corretto», conclude il direttore. «Nonostante questo, escono da qui felici. Uno dei motivi è proprio che il museo è piccolo, e vi si esce con la sensazione di averlo potuto assaporare tutto. In luoghi meravigliosi come Versailles, puoi stramazzare di stanchezza anche davanti alla cosa più bella del mondo…» (tutto il resto è a Torino e su www.rai.it/museoradiotv).


laRegione
Anche per audiofili

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eurovision torino
laRegione
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved