eurovision-un-battito-di-mani-ed-e-finale
Keystone
Serbia - Konstrakta, ‘In corpore sano’
ULTIME NOTIZIE Culture
Opera
9 ore

Carmen bifronte, fra nozione operistica e nozione letteraria

L’opera più fortunata di Georges Bizet è un punto fermo nei suoi successori per essere l’opera realista per antonomasia
Culture
11 ore

Ci sono ancora biglietti disponibili per Castle On Air

A Castelgrande di Bellinzona i concerti di Sangiovanni, Achille Lauro, Mahmood ed Elisa
Culture
12 ore

Si apre l’Ascona Music Festival con il ‘Duo Cattaneo’

La tredicesima edizione, con un tributo a César Franck, inizia venerdì 8 nella chiesa del Collegio Papio
Arte
12 ore

Ivan Turetskyy a Chiasso per la ricostruzione dell’Ucraina

Opere dell’artista sono esposte al Palazzo municipale, allo Spazio Officina, alla Biblioteca e al m.a.x museo fino al 24 luglio
Culture
12 ore

Mattia Bertoldi presenta ‘Il coraggio di Lilly’ a Bellinzona

Lo scrittore ticinese autore del romanzo storico sarà alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 26 luglio alle 18.30
Culture
12 ore

I dialetti e la loro poliedricità con Walter Arnold

‘Chilometro zero’: dialetti, miti, leggende e teatro alla Biblioteca cantonale di Bellinzona venerdì 22 luglio alle 18.30
Arte
12 ore

‘Esci dall’atelier ed entra nel cubo’, il legno in ogni forma

La mostra dell’Associazione svizzera degli scultori del legno prosegue fino al 13 luglio nella Piazza di Palazzo Franscini
Scienze
14 ore

Cern, riacceso il più grande acceleratore di particelle al mondo

A dieci anni dalla scoperta del bosone di Higgs il Large Hadron Collider (Lhc) pronto ad andare ancor più lontano nell’infinitamente piccolo
Spettacoli
15 ore

Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco

Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
1 gior

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
1 gior

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
1 gior

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
1 gior

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
1 gior

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
2 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
2 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
13.05.2022 - 00:35
Aggiornamento: 15:56

Eurovision, un battito di mani ed è finale

Con ‘In Corpore Sano’ passa l’ipnotica Serbia di Konstrakta. Il toro meccanico è poco europeo: fuori Achille Lauro. Cechia da podio. E adesso, Hop Marius!

Belgio, Repubblica Ceca, Azerbaigian, Polonia, Finlandia, Estonia, Australia, Svezia, Romania, Serbia. Sono le dieci nazioni che vanno ad aggiungersi alle altrettante già qualificate della prima semifinale. Si uniranno ai Big Five (Italia, Regno Unito, Francia, Spagna e Germania) nella finale di sabato. La cronaca...

I tamponi per i giornalisti sono aboliti per i pochi contagi registrati. Ma per un vaccino contro le eurozanzare, planate su Torino tutte d’un botto, in molti si sarebbero messi in fila. La seconda semifinale si apre con Cattelan ballerino, con Mika in giallo canarino e Laura in rosa shocking e gioielli, che sdogana all’Europa "la strizza", quell’emozione bella che si prova sopra un palco. La stessa di ‘Fragile’ di Sting e ‘People Have The Power’ di Patty Smith, che cantate con la guerra nucleare alle porte coprono l’intero range delle umane sensazioni.

Nella glorificata rapidità dell’Eurovision, si parte da Stephen King: il frontman Lauri vestito da Ben di ‘It’, impermeabilino giallo e palloncino in mano, ruggisce su ‘Jezebel’, e il rock finlandese dei Rasmus è promosso. Non il simil-Freddie Mercury israeliano Michael Ben David con ‘I.M’. La serba Konstrakta fa di ‘In Corpore Sano’ una performance e il battito di mani (dice bene Forzano) è ipnotico. L’azero Nadir Rustamli è un piccolo sbadiglio chiamato ‘Fade To Black’, ma non per la giuria. Fuori dai giochi gli ZZ Top dalle barbe floreali Circus Mircus, i georgiani della graziosa ‘Lock Me In’. Fuori ‘I Am What I Am’, mezzo gospel che pareva adatto ad Anna Muscat, Malta.


Keystone
Achille Lauro, ‘Stripper’

Il toro meccanico è poco europeo

La storia di Sanremo, "una storia italiana che deve essere raccontata" (Pausini), è la breve clip che apre a San Marino: Achille Lauro canta ‘Stripper’ sul toro meccanico e il resto scompare. Ma scompare anche lui. Il piccolo dramma personale di Sheldon Riley (‘I’m Not The Same’) è l’Eurovision Song per eccellenza e avanza. Non l’incantevole cipriota Andromache (stonatella) con ‘Ela’. Sfilano senza troppa gloria il trionfo curvy irlandese chiamato Brooke (‘That’s Rich’) e la nord-macedone Andrea (‘Circles’). L’estone Stefan, a colpi di Morricone, si produce in una gran bella cosa chiamata ‘Hope’, in finale.

Tutti in pista con il beatmaker rumeno WRS in ‘Llàmame’ (promosso). Ochman dal bel timbro fa esultare la Polonia in ‘River’, dal Montenegro c’è Vladana per cantare ‘Breathe’, altro brivido che abbiamo provato soltanto noi. Il Belgio piazza il groove di Jérémie Makiese in finale con ‘Miss You’, e con microfono vintage in ‘Hold Me Closer’, piace la svedese Cornelia Jakobs. Per ‘Lights Off’ dei cechi We Are Domi, è electro-pop ma il termine tecnico è "una canna".

A domani (Hop Marius! Un pianterello ce lo faremmo volentieri…).


Keystone
Repubblica Ceca - We Are Domi, ‘Lights off’

Riepilogando, ecco la finale di sabato:

Lituania - Monika Liu, ‘Sentimentai’

Svizzera - Marius Bear, ‘Boys do cry’

Ucraina - Kalush Orchestra, ‘Stefania’

Paesi Bassi - S10, ‘De diepte’

Moldavia - Zdob si Zdub & Fratii Advahov, ‘Trenuletul’

Portogallo - Maro, ‘Saudade, saudade’

Islanda – Systur, ‘Með hækkandi sól’

Grecia - Amanda Georgiadi Tenfjord, ‘Die together’

Norvegia - Subwoolfer, ‘Give that wolf a banana’

Armenia - Rosa Linn, ‘Snap’

Belgio - Jérémie Makiese, ‘Miss you’

Repubblica Ceca - We Are Domi, ‘Lights off’

Azerbaigian - Nadir Rustamli, ‘Fade to black’

Polonia - Ochman, ‘River’

Finlandia - The Rasmus, ‘Jezebel’

Estonia - Stefan, ‘Hope’

Australia - Sheldon Riley, ‘Not the same’

Svezia - Cornelia Jakobs, ‘Hold me closer’

Romania - WRS, ‘Llamame’

Serbia - Konstrakta, ‘In corpore sano’

Francia - Alvan & Ahez, ‘Fulenn’

Spagna - Chanel, ‘SloMo’

Germania - Malik Harris, ‘Rockstars’

Gran Bretagna – Sam Ryder, ¨Spaceman’

Italia – Mahmood & BLANCO, ‘Brividi’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
achille lauro eurovision song contest torino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved