suoni-e-visioni-di-kaki-king-allo-studio-foce
Katherine Elizabeth ‘Kaki’ King, mercoledì a Lugano
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
17 min

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
36 min

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
45 min

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
46 min

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
50 min

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
57 min

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Scienze
1 ora

Una start-up biotech per far rinascere la tigre della Tasmania

Colossal Bioscience intende ricreare geneticamente il tilacino, estinto dal 1930, per riequilibrare l’ecosistema australiano
L'intervista
2 ore

Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig

La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
3 ore

Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)

‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
3 ore

Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker

L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
7 ore

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
9 ore

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
13 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
1 gior

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Musica
laR
 
12.04.2022 - 09:04
Aggiornamento: 17:40

Suoni e visioni di Kaki King allo Studio Foce

Alla vigilia del concerto di mercoledì 13 aprile alle 21.30 a Lugano, il rapporto con lo strumento, la ‘fulminazione’ e un ricordo di Taylor Hawkins.

Poco più di quarant’anni e già le definizioni sono quelle che si riservano alle leggende viventi, generalmente attempate. Per padronanza tecnica e sperimentazione, Kaki King è un punto di riferimento della chitarra il cui tour tocca lo Studio Foce di Lugano mercoledì 13 aprile alle 21.30 (www.biglietteria.ch). King ha nove album alle spalle, da ‘Everybody Loves You’ del 2003 a ‘Modern Yesterdays’ del 2020, con alcune delle canzoni parte di uno spettacolo teatrale – ‘Data Not Found’ – che esplora temi di connessione, alienazione e rinascita, resi ancor più significativi dalla pandemia che ne ha spostato il lancio. Del 2015 è il progetto ‘The Neck Is A Bridge To The Body’, performance multimediale con la chitarra adattata a schermo, tratto distintivo anche del concerto luganese.

Per l’elasticità del suo immergersi indistintamente nel post-rock, nella musica sperimentale, in jazz, folk e shoegaze, tra le collaborazioni di Kaki King spiccano i nomi di David Byrne, Marianne Faithfull e Mike Gordon, ma anche quelle con le orchestre (Detroit Symphony Orchestra, String Quartet Ether) e la nomination al Golden Globe per la colonna sonora di ‘Into The Wild’, alla quale lavorò insieme a Eddie Vedder e Michael Brook. Era il 2007, anno d’oro che la vide sul palco con i Foo Fighters e, non di meno, nell’album ‘Echoes, Silence, Patience & Grace’. È anche di loro che Kaki King parla nell’intervista concessaci in avvicinamento al concerto del Foce.

Kaki King: James Taylor scrisse ‘Me And My Guitar’; B.B. King alla sua chitarra pagava un biglietto aereo perché avesse un posto tutto per sé. E così, si dice, facesse Brian May. Che rapporto ha Kaki King con il suo strumento?

La chitarra è sempre stata una presenza nella mia vita da quando avevo quattro anni. Fondamentalmente, ha plasmato tutta la mia vita e tutta la mia crescita, non il contrario. Quindi provo per lei rispetto e quella piccola preoccupazione che non sarei nulla senza di lei.

Sei arrivata alla chitarra passando dalla batteria: ricordi l’evento scatenante?

La chitarra è sempre stato il mio primo strumento, ma la batteria era lo strumento che suonavo insieme agli altri, in gruppi, band e così via. Quindi, mentre la mia vita sociale cresceva attorno all’essere batterista, la mia mente si concentrava principalmente sulla chitarra, perché mi dava la possibilità di stare da sola con essa, e sentirmi molto al sicuro.

Hai suonato in alcuni dei più importanti musei del mondo, MoMa incluso. Com’è esibirsi in posti di quel tipo rispetto a palchi più ‘standard’?

La presentazione che faccio ora ha un elemento visivo molto dettagliato ed elementi audio molto specifici, quindi è molto importante ottenere l’impostazione corretta. Non importa se si tratta di un museo, di un teatro o di un club, è molto importante che tutti gli elementi vengano mostrati nel modo più preciso possibile, così che il pubblico possa ottenere il massimo dallo spettacolo.

Dave Grohl ha dichiarato: "Ci sono alcuni chitarristi bravi e altri terribilmente bravi. E poi c’è Kaki King". Puoi dirci qualcosa di quando apristi i concerti dei Foo Fighters?

È una cosa davvero notevole per un chitarrista solista trovarsi sul palco con la più grande rock band del mondo. Penso che i Foo Fighters siano sempre stati generosi e aperti a tutti i tipi di musica, che hanno apprezzato e supportato. È stata un’esperienza unica nella mia vita suonare in un’arena davanti a migliaia di persone, con un’altra persona sul palco con me come Dave Grohl.

Hai un ricordo di Taylor Hawkins che ti andrebbe di condividere?

Volentieri. Taylor Hawkins mi ha insegnato un riscaldamento di batteria, da qualche parte nel backstage in Australia, una cosa che implica suonare gli accenti, contare da uno a dieci e da dieci a uno, un ottimo modo per preparare le mani a suonare la batteria o qualsiasi altra cosa. Quindi ricordo di aver fatto questo esercizio con lui in tour, anche se non suonavo la batteria in quell’occasione. Oggi uso ancora lo stesso riscaldamento che lui mi ha insegnato, ogni volta che devo suonarla. E ogni volta che lo faccio, penso a Taylor e alla dolcezza della sua persona.

Per concludere: due parole sul concerto di Lugano?

Attualmente porto dal vivo una versione della mia chitarra con proiezione mappata, un po’ meno teatrale e un po’ più improvvisata. Porto anche la mia batteria speciale che può parlare, cantare e controllare altri elementi visivi sul palco. Per questo motivo, a Lugano come ogni sera, userò il riscaldamento di Taylor Hawkins.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chitarra kaki king lugano studio foce taylor hawkins
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved