ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
6 ore

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
6 ore

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
8 ore

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
9 ore

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
12 ore

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
Scienze
17 ore

Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione

In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
19 ore

Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno

Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
20 ore

Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’

Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Culture
1 gior

Percorsi manzoniani a LaFilanda

Quattro domeniche parlando di Promessi Sposi a partire dal 2 ottobre a Mendrisio
Spettacoli
1 gior

Contrordine: Robbie Williams non sarà a Zurigo

L’organizzatore dell’evento ha parlato di problemi di pianificazione per giustificare il mancato arrivo all’Hallenstadion della star britannica del pop.
Arte
1 gior

Due opere di Giacometti donate al Museo d’arte dei Grigioni

Si tratta di due ritratti: uno di ‘Giovanin de Vöja’ e uno di formato ridotto di Annetta Giacometti con il figlio Bruno
Spettacoli
1 gior

Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’

Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
1 gior

Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente

Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
Società
1 gior

Video on Demand, cala visualizzazione abbonamento o streaming

Dopo tassi di crescita superiori al 50% nel 2020 e nel 2019, la domanda si sta notevolmente affievolendo
Musica
laR
 
28.03.2022 - 05:25

‘Frequenze libere’ a Locarno, casa della musica improvvisata

Circo Ru è diventato Carovana091, che allo Spazio Elle, ogni domenica dal 3 aprile al 29 maggio, presenta vecchi e nuovi grandi nomi.

frequenze-libere-a-locarno-casa-della-musica-improvvisata
Keystone
La leggenda Urs Leimgruber, vecchia conoscenza del fu ‘Musica nel presente’

La pandemia, la pausa forzata e l’abbandono del creatore dell’associazione hanno trasformato Circo Ru in Carovana091; ‘Musica nel presente’ è diventato ‘Frequenze libere’. Cambiando l’ordine degli addendi – l’Associazione – non cambia il prodotto – la musica improvvisata e sperimentale, con relativa rassegna. Non più allo Spazio Culturale Panelle ma allo Spazio Elle, da domenica 3 aprile a domenica 29 maggio, sempre alle 17.30, i sette concerti di ‘Frequenze libere’ si svolgeranno sempre nel segno dei grandi nomi: per Urs Leimgruber, Daniel Studer, Jacques Demierre, Lino Blöchlinger, Sara Käser, Raphael Loher e Silke Strahl si tratta di un ritorno; per il gruppo Forbidden Colors, per Gaudenz Badrutt e Heike Fiedler, è il debutto in Ticino.

A introdurci alle novità della rassegna, che giunge dopo un’anteprima open-air a Locarno, con la performance ‘Lattea’, sono i suoi curatori Giancarlo De Bernardi e Natalie Peters, garanti dell’ampio raggio delle proposte musicali. Il primo: «Sappiamo dai musicisti quanto piacere provino a venire a suonare a Locarno, unico caposaldo di questo genere musicale in Ticino, e non soltanto per la bellezza del posto. Rispetto a Zurigo, Basilea, Berna, Ginevra, luoghi canonici della musica improvvisata, stupisce come il pubblico sia spesso superiore per numero. È musica impegnativa, ma qui c’è uno zoccolo duro». Peters: «È musica che presuppone qualche conoscenza, che cerca di rompere gli schemi, che chiede un ascolto attento. Come l’arte, tocca sensibilità, apre orizzonti». Nel silenzio, parte integrante e fondamentale. De Bernardi: «Il silenzio perfetto, privo del sottofondo che in altre situazioni non tiene conto degli esecutori»; Peters: «Il silenzio attivo, che è parte del concerto».

Jazz, Barocco, poesia, concerto

Venendo alla programmazione. Domenica 3 aprile: «Se fosse rock, sarebbe una all star band», dice De Bernardi presentando il quintetto Badrutt-Demierre-Leimgruber-Studer-Zimmerlin, nello specifico Gaudenz Badrutt (elettronica), Jacques Demierre (armonio), Urs Leimgruber (sassofoni), Daniel Studer (contrabbasso), Alfred Zimmerlin (violoncello), leader in ambito di musica improvvisata in Europa, unitisi nel corso di un soggiorno al Centre Européen pour l’improvisation di Barre Philips, vecchia conoscenza dello Spazio Panelle. Domenica 10 aprile il punto fermo delle attività di Carovana091, l’Ensemble Sous-sol, con Natalie Peters (voce), Yara Mennel (violino), Enrico Teofani (trombone, voce), Ueli Zysset (contrabbasso), Hanspeter Wespi (violoncello), Reinhard Külling (fisarmonica), Paride Guerra (batteria), formazione creata a suo tempo dal trombettista Guy Bettini, ora diretta da Natalie Peters, che per l’occasione ospita l’artista multimediale di fama mondiale Ursula Scherrer.

Domenica primo maggio, un doppio solo, nell’ordine il sax tenore e il clarinetto basso di Sebastian Strinning e il violoncello di Sara Käser, già a Locarno in passato con il gruppo Sekhmet, con Lino Blöchlinger, dentro l’Ensemble Sous-sol o nel duo One More. «L’8 maggio ci avviciniamo di più al Free Jazz!», annuncia Natalie Peters: a volumi più alti del consueto, lo Spazio Elle accoglie Die Fermentierten, ovvero Lino Blöchlinger (sax tenore, fagotto), Florain ‘Flo’ Götte (basso elettrico, chitarra) e Tobias Sommer (batteria, percussioni), con Blöchlinger, figlio del grande Urs, a riproporre anche l’opera compositiva del padre.

Il 15 maggio, i Forbidden Colors – Violeta Motta (flauto traverso barocco e ibrido), Sandra Weiss (fagotto), Anna-Kaisa Meklin (viola da gamba), Rodolphe Loubatière (rullante, oggetti vari) è l’improvvisazione applicata alla musica barocca, «segno che – specifica Peters – la musica improvvisata e sperimentale non è solo di nicchia, ma anche riconosciuta nell’ambito classico». Il 22 maggio, il Trio Libelle – Raphael Loher (pianoforte preparato), Nils Fischer (clarinetto basso, clarinetto contrabbasso) e Silke Strahl (sax tenore, sax soprano) – racconti sonori tra jazz, classica contemporanea e sperimentale.

Domenica 29 maggio, infine, proprio al canto di Natalie Peters è affidata la chiusura della rassegna, in dialogo con la poetessa Heike Fledler in una interazione di parola e musica: «Parte delle poesie di Heike nasceranno sul momento, altre esistono già, altre ancora sono pronte a trasformarsi. Il nostro è un discorso vocale alla ricerca della naturalezza. È a tutti gli effetti un concerto» (il cartellone e tutti i dettagli su www.carovana091.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved