frequenze-libere-a-locarno-casa-della-musica-improvvisata
Keystone
La leggenda Urs Leimgruber, vecchia conoscenza del fu ‘Musica nel presente’
ULTIME NOTIZIE Culture
Lac
40 min

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
3 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
16 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
19 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
2 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
2 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
2 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
2 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
laR
 
28.03.2022 - 05:25

‘Frequenze libere’ a Locarno, casa della musica improvvisata

Circo Ru è diventato Carovana091, che allo Spazio Elle, ogni domenica dal 3 aprile al 29 maggio, presenta vecchi e nuovi grandi nomi.

La pandemia, la pausa forzata e l’abbandono del creatore dell’associazione hanno trasformato Circo Ru in Carovana091; ‘Musica nel presente’ è diventato ‘Frequenze libere’. Cambiando l’ordine degli addendi – l’Associazione – non cambia il prodotto – la musica improvvisata e sperimentale, con relativa rassegna. Non più allo Spazio Culturale Panelle ma allo Spazio Elle, da domenica 3 aprile a domenica 29 maggio, sempre alle 17.30, i sette concerti di ‘Frequenze libere’ si svolgeranno sempre nel segno dei grandi nomi: per Urs Leimgruber, Daniel Studer, Jacques Demierre, Lino Blöchlinger, Sara Käser, Raphael Loher e Silke Strahl si tratta di un ritorno; per il gruppo Forbidden Colors, per Gaudenz Badrutt e Heike Fiedler, è il debutto in Ticino.

A introdurci alle novità della rassegna, che giunge dopo un’anteprima open-air a Locarno, con la performance ‘Lattea’, sono i suoi curatori Giancarlo De Bernardi e Natalie Peters, garanti dell’ampio raggio delle proposte musicali. Il primo: «Sappiamo dai musicisti quanto piacere provino a venire a suonare a Locarno, unico caposaldo di questo genere musicale in Ticino, e non soltanto per la bellezza del posto. Rispetto a Zurigo, Basilea, Berna, Ginevra, luoghi canonici della musica improvvisata, stupisce come il pubblico sia spesso superiore per numero. È musica impegnativa, ma qui c’è uno zoccolo duro». Peters: «È musica che presuppone qualche conoscenza, che cerca di rompere gli schemi, che chiede un ascolto attento. Come l’arte, tocca sensibilità, apre orizzonti». Nel silenzio, parte integrante e fondamentale. De Bernardi: «Il silenzio perfetto, privo del sottofondo che in altre situazioni non tiene conto degli esecutori»; Peters: «Il silenzio attivo, che è parte del concerto».

Jazz, Barocco, poesia, concerto

Venendo alla programmazione. Domenica 3 aprile: «Se fosse rock, sarebbe una all star band», dice De Bernardi presentando il quintetto Badrutt-Demierre-Leimgruber-Studer-Zimmerlin, nello specifico Gaudenz Badrutt (elettronica), Jacques Demierre (armonio), Urs Leimgruber (sassofoni), Daniel Studer (contrabbasso), Alfred Zimmerlin (violoncello), leader in ambito di musica improvvisata in Europa, unitisi nel corso di un soggiorno al Centre Européen pour l’improvisation di Barre Philips, vecchia conoscenza dello Spazio Panelle. Domenica 10 aprile il punto fermo delle attività di Carovana091, l’Ensemble Sous-sol, con Natalie Peters (voce), Yara Mennel (violino), Enrico Teofani (trombone, voce), Ueli Zysset (contrabbasso), Hanspeter Wespi (violoncello), Reinhard Külling (fisarmonica), Paride Guerra (batteria), formazione creata a suo tempo dal trombettista Guy Bettini, ora diretta da Natalie Peters, che per l’occasione ospita l’artista multimediale di fama mondiale Ursula Scherrer.

Domenica primo maggio, un doppio solo, nell’ordine il sax tenore e il clarinetto basso di Sebastian Strinning e il violoncello di Sara Käser, già a Locarno in passato con il gruppo Sekhmet, con Lino Blöchlinger, dentro l’Ensemble Sous-sol o nel duo One More. «L’8 maggio ci avviciniamo di più al Free Jazz!», annuncia Natalie Peters: a volumi più alti del consueto, lo Spazio Elle accoglie Die Fermentierten, ovvero Lino Blöchlinger (sax tenore, fagotto), Florain ‘Flo’ Götte (basso elettrico, chitarra) e Tobias Sommer (batteria, percussioni), con Blöchlinger, figlio del grande Urs, a riproporre anche l’opera compositiva del padre.

Il 15 maggio, i Forbidden Colors – Violeta Motta (flauto traverso barocco e ibrido), Sandra Weiss (fagotto), Anna-Kaisa Meklin (viola da gamba), Rodolphe Loubatière (rullante, oggetti vari) è l’improvvisazione applicata alla musica barocca, «segno che – specifica Peters – la musica improvvisata e sperimentale non è solo di nicchia, ma anche riconosciuta nell’ambito classico». Il 22 maggio, il Trio Libelle – Raphael Loher (pianoforte preparato), Nils Fischer (clarinetto basso, clarinetto contrabbasso) e Silke Strahl (sax tenore, sax soprano) – racconti sonori tra jazz, classica contemporanea e sperimentale.

Domenica 29 maggio, infine, proprio al canto di Natalie Peters è affidata la chiusura della rassegna, in dialogo con la poetessa Heike Fledler in una interazione di parola e musica: «Parte delle poesie di Heike nasceranno sul momento, altre esistono già, altre ancora sono pronte a trasformarsi. Il nostro è un discorso vocale alla ricerca della naturalezza. È a tutti gli effetti un concerto» (il cartellone e tutti i dettagli su www.carovana091.ch).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carovana091 circo ru giancarlo de bernardi locarno natalie peters spazio elle
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved