comincium-voglia-di-leggerezza-di-ale-e-franz
‘Se siamo qui ancora adesso è perché ci sono altre cose da dire, e finché la testa trova stimoli, la carriera prosegue’
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
3 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
6 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
7 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
9 ore

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
10 ore

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
11 ore

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
1 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
1 gior

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
1 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
2 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
2 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
2 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
2 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
2 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
2 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
3 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
3 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
3 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
3 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
L'intervista
25.03.2022 - 05:30

‘Comincium’, voglia di leggerezza di Ale e Franz

Al Palacongressi martedì 29 marzo alle 20.30, lo spettacolo della ripresa. Franz: ‘Senza fare finta che non stia succedendo quel che sta succedendo’

Per distinguerlo da Ale, qualcuno alla radio lo ha definito "quello bello". Oppure "quello con i capelli". Noi scegliamo "Romeo", quello di ‘Romeo e Giulietta – Nati sotto contraria stella’, a Chiasso e Locarno un paio di anni fa. «Sì, Romeo. E sapere di essere stato Romeo è qualcosa che mi porterò per tutta la vita». Sorride Franz del duo Ale e Franz, che sui documenti ha scritto Francesco Villa e quello senza capelli, invece, Alessandro Besentini. GC Events riporta in terra elvetica la coppia in ‘Comincium’, martedì 29 marzo alle 20.30 a Lugano, Palacongressi (www.biglietteria.ch, www.ticketcorner.ch). «Pare latino, ma è dialetto milanese», spiega Franz. «Comincium è un present tense, un presente progressivo, un verbo che implica un’azione, sono le persone lì con le mani in mano che dicono "Cominciamo dai, non aspettiamo!". Volevamo esprimere, è ovvio, il desiderio di ripartenza nostro e del pubblico, spirito che ci accomuna in questa fase così difficile che è andata purtroppo a complicarsi ulteriormente per i tragici eventi che stanno segnando la storia europea».

Due le definizioni che date del vostro spettacolo. La prima: ‘Voglia di leggerezza’.

In primis nostra, perché sul palco siamo interpreti ma anche uomini. Abbiamo voglia di riconquistarla e regalarla al pubblico. Lo dico sempre quando sono in scena: non possiamo nemmeno lontanamente risolvere i problemi del mondo, ma speriamo di aver prodotto nelle persone un po’ di leggerezza.

La seconda: ‘Inno al teatro e allo spettacolo’.

Stiamo recuperando un po’ di quella normalità che prima ci sembrava scontata e che ora è straordinaria. Abbiamo anche la musica dal vivo, che è mancata per troppo tempo. Ci sono Luigi Schiavone, Fabrizio Palermo, Francesco Lupi, Marco Orsi e Alice Grasso. Già nello spettacolo precedente cantavamo cose di Gaber e Jannacci; ci siamo accorti col tempo che alcuni temi che noi toccavamo erano stati considerati anche dalle loro canzoni, così il nostro parlato è il prologo alla canzone. Non voglio anticiparne troppe, ma di Gaber c’è ‘La libertà’, e il suo è anche il nostro modo di concepirla, ovvero ‘partecipazione’, concetto attualissimo. Parliamo anche di politically correct, di ecologia, di attenzione verso gli altri. Ovviamente, ne parliamo a modo nostro.

Politicamente corretto al quale, a differenza di altri, voi cercate di ottemperare. Perché, dite voi, "la comicità deve colpire e non ferire"…

Sì, è una frase di Ale ed è una delle cose più intelligenti che ha detto in questi 27 anni (ride, ndr). È una battuta, naturalmente. Siamo convinti che non si possa ridere di tutto, pensiamo che ci siano argomenti che non si possono toccare. In generale, sta tutto nella sensibilità: si può parlare di tante cose se solo non si ha il desiderio di offendere, ferire, e far pagare a qualcuno il prezzo di una risata. Se ti muovi così, è difficile far del male.

Dicono gli Elii: "Ogni volta che abbiamo una discussione ricorriamo agli avvocati, è così che siamo riusciti a stare insieme per tanti anni". Viene da dire che Ale e Franz hanno degli ottimi legali per essere ancora insieme dopo 27 anni. Siete durati molto più dei Beatles…

I Beatles sono un perfetto esempio di ‘sfruttamento’ manageriale, blindati da contratti e vincoli, e nonostante questo hanno mantenuto un livello altissimo di creatività. I nostri sono 27 anni di cammino insieme, di desiderio di raccontare cose che abbiamo dentro. Se siamo qui ancora adesso è perché ci sono altre cose da dire, e finché la testa trova stimoli, la carriera prosegue.

C’è stato un momento, all’inizio, in cui vi siete guardati in faccia e avete capito che la cosa funzionava?

In realtà non ce lo siamo mai detti guardandoci. Ce l’ha fatto capire il pubblico. L’affetto che sempre abbiamo ricevuto e ancora riceviamo a teatro è una delle cose più belle di questi anni. Uno spettacolo non si scriverà mai a tavolino; puoi farlo, ma serve lo step successivo del portarlo davanti a un pubblico, per sistemarlo, rifinirlo. È indubbio che la nostra popolarità sia arrivata negli anni d’oro di ‘Zelig’ e siamo stati molto fortunati a essere nel posto giusto al momento giusto, ma abbiamo anche avuto la capacità di gestire il riscontro, perché da quella vetrina è passata tanta gente e non tutta ha avuto la stessa incidenza sul pubblico. Abbiamo lavorato tanto, ma fossimo arrivati oggi, quell’occasione non ci sarebbe.

Com’è cambiata la comicità?

A mio parere la comicità risente molto dei canali tramite i quali viene veicolata. Se guardo indietro a 27 anni fa vedo un mondo diverso, nel quale chi voleva fare questo lavoro doveva andare nei localini, nelle pizzerie. Ricordo uno spettacolo alla fine del quale un tavolo di signori di una certa età raccolse la mancia, forse 5mila lire a testa. La comicità, inevitabilmente, passava dal confronto immediato col pubblico, dall’esigenza di ascoltare e di vedere la gente. Ora sono cambiati i canali comunicativi. Oggi si parla di stand up comedy, che apprezzo: mi lascia perplesso, però, di come la stand up venga definita innovativa quando invece arriva dagli anni 60 americani.

Nulla si crea, tutto si trasforma...

È vero, la storia è ciclica. E anche l’Italia ha avuto i suoi grandi dello stand up: Paolo Rossi, per esempio, che noi chiamavamo ‘monologhista’ perché al tempo non si usavano le parole inglesi. Con l’occhio di bue addosso, negli anni 70, Paolo faceva stand up comedy in locali in cui se facevi una battuta sul pubblico poteva capitarti che qualcuno tirasse fuori una pistola, l’appoggiasse sul tavolo e ti dicesse: "E adesso fammi ridere". Lo racconta lui, roba da film americano. Quindi dico di stare attenti, perché in alcuni casi non si sta inventando niente. Tornando ai canali comunicativi. Tanti ragazzi comunicano con i social, un occhio sul mondo che noi non avevamo ma che rischia di farti perdere il contatto con il pubblico. Per noi, durante il Covid, nei collegamenti da casa a ‘Che tempo che fa’, senza il pubblico davanti è stata durissima. Mancava il secondo elemento fondamentale della comicità, la gente: non capivi se rideva oppure no.

"Meno male che ci siete voi", dice la gente ai comici all’uscita dei teatri: come si riesce a fare ridere in tempi come questi?

È un momento difficile, va trovato un equilibrio, non si può voltare la testa dall’altra parte e fare finta che non stia succedendo quel che sta succedendo. D’altro canto, ‘la vita deve andare avanti’ non è soltanto una frase. Torniamo all’inizio: dipende sempre dal rispetto che si mette nelle cose, dall’attenzione. Finiamo lo spettacolo citando un canzone di Jannacci cantata tante volte e dal ritornello che oggi ha un significato particolare: "Uno che è giallo, uno che è verde, uno che grida e non si arrende" (‘Parlare con i limoni’, dall’omonimo album del 1987, ndr). La mente non può che andare in Ucraina. Noi possiamo solo continuare a fare il nostro lavoro con attenzione e rispetto, senza dimenticarci cosa si sta vivendo in quella parte di mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ale e franz comincium jannacci lugano palacongressi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved