alla-berlinale-11-film-svizzeri-due-in-corsa-per-l-orso-d-oro
Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
1 ora

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
2 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
3 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
8 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
11 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
20 ore

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
20 ore

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
1 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
06.02.2022 - 11:12
Aggiornamento: 14:27

Alla Berlinale 11 film svizzeri, due in corsa per l’Orso d’oro

I due film in concorso sono “La ligne” di Ursula Meier e “Drii Winter” di Michael Koch

Ats, a cura de laRegione

Sono undici i film elvetici in programma alla 72esima Berlinale, che si terrà dal 10 febbraio. Tra questi anche due produzioni in corsa per l’Orso d’oro, “La ligne” di Ursula Meier e “Drii Winter” di Michael Koch. Vari film di Jean-Luc Godard, digitalizzati di recente, verranno anch’essi proiettati a Berlino.

La sezione Berlinale Classics Special presenterà in anteprima mondiale la versione restaurata digitalmente dalla Cineteca svizzera del film “Notre musique” di Godard, uscito nel 2004, indica il sito di Swissfilms.

La “Haus der Kulturen der Welt” e la Berlinale proporranno inoltre l’esposizione “Sentiments, signes, passions” – un’interpretazione spaziale dell’opera cinematografica di Godard “Le livre d’image” (2018). Questa è stata organizzata da Fabrice Aragno, direttore della fotografia e produttore dell’opera, in accordo con il regista.

Nel quadro dell’omaggio all’attrice francese Isabelle Huppert, il pubblico potrà inoltre riscoprire il film di Godard “Si salvi chi può (la vita)” (“Sauve qui peut (la vie)”) uscito nel 1980 e un classico svizzero “La merlettaia” (“La dentellière”, 1976) di Claude Goretta.

Due film in concorso

Per la regista Ursula Meier, “La ligne” è il secondo film che presenta nel concorso della Berlinale. Nel 2012 si era infatti aggiudicata l’Orso d’argento con “Sister” (“L’enfant d’en haut”).

“Drii Winter” è il secondo lungometraggio di Michael Koch, dopo “Marija” (2016). Narra di una storia d’amore insolita in un villaggio di montagna svizzero, girato con attrice e attori non professionisti della regione.

“Drii Winter” è il primo film in lingua svizzero-tedesca a essere presentato nel concorso da decenni. Hugofilm ha coprodotto l’opera in collaborazione con la società tedesca Pandora Film Produktion.

Altri nove film svizzeri alla Berlinale

“Rimini” (Austria, Francia, Germania), nuovo film dell’austriaco Ulrich Seidl, realizzato in collaborazione con la società ginevrina Bord Cadre Films (Dan Wechsler), sarà anch’esso in concorso per l’Orso d’oro a Berlino.

Il lungometraggio di Cyril Schäublin “Unrueh” è una delle due produzioni svizzere in lizza nella sezione “Encounters”. Questo film, prodotto da Seeland Filmproduktion (Linda Vogel), si svolge alla fine del 19esimo secolo nell’ambito delle industrie orologiere e degli anarchici nel Giura.

Il documentario “A vendredi, Robinson” di Mitra Farahani è una coproduzione tra Francia, Libano, Iran e Svizzera, è coprodotto da Casa Azul Films (Fabrice Aragno).

Il film “Calcinculo” della regista italiana Chiara Bellosi, girato in parte a Lugano, verrà proiettato nel quadro della sezione sera “Panorama”. Dopo “Palazzo di giustizia”, si tratta della sua seconda coproduzione italo-svizzera con Tempesta Film e la società svizzera Tellfilm (Katrin Renz).

Il cortometraggio “La fièvre” di Matias Carlier sarà presentato in competizione per il giovane pubblico, Generation 14plus. Il cortometraggio d’animazione “La reine des renards” di Marina Rosset verrà invece proposto nella sezione Kplus.

Il programma indipendente “Forum Expanded” dedicato ai formati sperimentali accoglierà la prima mondiale di “Diva” dell’artista Nicolas Cilins.

Premiata Souheila Yacoub

L’attrice ginevrina Souheila Yacoub, 30 anni, fa parte dei dieci giovani talenti che verranno premiati alla kermesse berlinese. È una dei dieci attori e attrici europei nominati “Shooting Star 2022” dalla rete European Film Promotion. Questi premi verranno assegnati il 14 febbraio al Berlinale Palast.

La piattaforma nazionale di networking “Berlinale Talents” offre la possibilità ai giovani talenti di tutte le discipline di presentare nuovi progetti e di mettersi in contatto con rappresentanti del settore. I partecipanti svizzeri sono il regista Florian Hoffmann (“Arlette. Mut ist ein Muskel”), residente in Germania e la regista e produttrice Naomi Pacifique (“After a room”), domiciliata nei Paesi Bassi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berlinale drii winter la ligne michael koch ursula meier
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved