osi-in-auditorio-riccardo-minasi-e-lo-sturm-und-drang
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
8 ore

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
9 ore

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
10 ore

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
11 ore

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
11 ore

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
12 ore

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
12 ore

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Società
16 ore

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
16 ore

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
L’intervista
19 ore

Dodi Battaglia, ‘Inno alla musica’ e ai Beatles (Days)

Stasera a Bellinzona in Piazza del Sole, l’ex Pooh tra grandi successi e brani del nuovo album. ‘Quando sul palco mi volto, vedo ancora Stefano’
Musica
1 gior

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
La recensione
23.01.2022 - 15:03
Aggiornamento : 15:29

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante

di Enrico Colombo

Al secondo concerto di gennaio la sala era quasi completa, con una incoraggiante presenza di giovani, e si può credere che qualcuno di loro ascoltasse per la prima volta dal vivo l’Eroica di Beethoven. Una gradita antinomia a un approccio da profonda crisi pandemica: all’entrata il pubblico ha ricevuto un foglietto con la comunicazione che delle tre Ouverture in programma solo quella di Schubert sarebbe stata eseguita; poi i nomi dei 42 strumentisti che sarebbero andati in scena, con 17 tra sostituti e aggiunti, comunque 28 archi, sufficienti tanto per Schubert che per Beethoven, con Walter Zagato Konzertmeister.

Il palco dell’Auditorio era tutto occupato: ogni arco col suo leggìo, i primi violini a sinistra, i secondi a destra, i contrabbassi in fila indiana, i fiati che non possono portare la mascherina isolati da pareti di plexiglas, i timpani e le trombe ben visibili in fondo, ma lontani tra loro. Comprensibile la curiosità frammista a qualche inquietudine del pubblico fedele di questi concerti: come sarà il primo approccio all’Orchestra della Svizzera italiana, di un direttore quarantaquattrenne, che esibisce ormai un curriculum prestigioso?

E l’entrata in scena di Riccardo Minasi è stata catastrofica. Con la mascherina che porterà per tutto il concerto, alla ricerca di un passaggio tra strumentisti e pareti divisorie, è inciampato in un cavo, è caduto a terra, s’è rialzato, è corso sorridente sul podio, si è scusato con l’orchestra, poi ha attaccato l’Ouverture in stile italiano di Franz Schubert, quella in do maggiore D 591. È allora partito l’incanto.

Minasi dirige senza bacchetta, con gesti ampi, elegantissimi, che coinvolgono anche gli ascoltatori. All’orchestra riesce a mandare quanti stimoli e richiami sono possibili con due mani. Con una mano gira anche la partitura che non guarda, perché conosce a memoria, ma tiene davanti forse per ossequio al compositore. All’ascoltatore che sta alle sue spalle sfugge l’espressione del volto del direttore e gran parte dei suoi messaggi emotivi e culturali che trasformano l’esecuzione in interpretazione, ma deve cercare di coglierli nella realtà del suono vero, non filtrato dai microfoni che lo amplificano, lo trasmettono o lo registrano. È il pregio insostituibile dell’ascolto dal vivo. Posso certificare con piacere che, per il silenzio senza raschiamenti di gola tra un tempo e l’altro, per la leggera inerzia a sciogliere l’applauso al termine dei due brani, i messaggi sono stati ben colti dal pubblico. E, nonostante un’orchestra raffazzonata all’ultimo momento, qualche sfumatura dinamica e qualche asprezza timbrica correggibili, l’interpretazione c’è stata, bella, forse anche per l’emergenza pandemica indimenticabile.

L’Ouverture, composta da Schubert a vent’anni, è stata eseguita con un cipiglio dinamico e una garbata ironia, peculiarità del genio che morde il freno e guarda oltre le consuetudini, la moda sclerotizzata del suo tempo. Ma erano solo dieci minuti di musica, poca cosa di fronte ai cinquanta minuti della Terza Sinfonia, l’Eroica, di Ludwig van Beethoven.

Non era concessa una pausa, il pubblico ha atteso con calma al suo posto, ha visto entrare in scena la cornista Zora Slokar e chi l’aveva dimenticato s’è ricordato che l’unica innovazione strumentale in quest’opera beethoveniana è l’introduzione di un terzo corno.

Sull’Eroica è già stato scritto tutto. Non sono in grado di dire cose originali sulla splendida interpretazione di Riccardo Minasi, costellata di impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante, certo vissuta come una temperie storicamente lontana. Forse collocabile nello Sturm und Drang il movimento culturale tedesco che ha traghettato l’illuminismo nel romanticismo, quando Beethoven era protagonista della scena musicale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
auditorio osi in auditorio riccardo minasi rsi stelio molo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved