Ajoie
1
Lugano
2
1. tempo
(1-2)
Zugo
0
Bienne
0
1. tempo
(0-0)
Ginevra
2
Losanna
1
1. tempo
(2-1)
Friborgo
1
Berna
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Lakers
0
1. tempo
(0-0)
Zurigo
3
Davos
0
1. tempo
(3-0)
Langenthal
1
Olten
0
1. tempo
(1-0)
Ticino Rockets
1
GCK Lions
2
1. tempo
(1-2)
tutto-in-una-notte-ma-che-emozione-con-diplomazia-al-lac
Laila Pozzo
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
31 min

Eurovision, il 25 gennaio il sorteggio delle semifinali

Passaggio di testimone fra Rotterdam e Torino e composizione del cartellone delle prime due serate, che vedranno 36 Paesi competere in due semifinali
Culture
36 min

‘Nelle vene della terra’ con Martignoni rinviato in primavera

Tratto dalla coreografia di Tiziana Arnaboldi, con le poesie di Alberto Nessi, era previsto per domenica 23 gennaio alle 17
Culture
44 min

Posizionarsi nella giungla digitale e produrre un podcast

È il titolo del corso organizzato da A*dS - Autrici ed autori della Svizzera, destinato a scrittori e operatori del mondo dell’editoria (e non solo)
Scienze
2 ore

Vaccini, se gli effetti indesiderati sono un placebo

Secondo uno studio molte delle reazioni avverse sono dovute all’effetto nocebo. Un’occasione per affrontare l’esitazione vaccinale
Scienze
1 gior

Scoperto il primo pianeta ovale come una palla da rugby

’Scovato’ grazie al satellite Cheops dell’Esa. Si chiama Wasp-103b, è a 1’800 anni luce da noi e compie un’orbita in meno di un giorno.
Culture
1 gior

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi triennali

Prolungato li sostegno per il periodo 2022-24 per le associazioni culturali attive nei sei principali comuni e per i Circoli del cinema
Culture
1 gior

‘Traditi da ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Covid e cultura
1 gior

Scuole musica e federazione bandistica chiedono deroga al Decs

Nella lettera indirizzata a Manuele Bertoli ‘l’inaccettabile discriminazione tra giovani ticinesi impegnati nella formazione musicale e coetanei svizzeri’
Cinema Teatro Chiasso
1 gior

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show: si recupera il 10 aprile

Riprogrammato il concerto con i due mattatori annullato lo scorso 8 gennaio
Cinema
1 gior

Visions du Réel, Marco Bellocchio ospite d’onore

L’omaggio di Nyon al regista, sceneggiatore e produttore italiano prevede una retrospettiva e la presentazione di un nuovo documentario.
Musica
1 gior

Raggiunto accordo sull’eredità di Prince: vale il doppio

Il lascito del ‘folletto’ è di 156,4 milioni di dollari, quasi il doppio della stima precedente. Gli eredi potrebbero sfruttare la vendita del catalogo
Scienze
1 gior

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews
05.12.2021 - 21:170

Tutto in una notte. Ma che emozione con ‘Diplomazia’ al Lac

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni hanno portato a Lugano lo scontro per salvare Parigi tra il generale nazista e il console svedese

Il filo attorcigliato d’un telefono a rotella che ballonzola abbandonato a se stesso, senza nessuno che risponda alla voce che chiede gracchiando: “Parigi brucia?”. È l’ultima scena dell’omonimo film (sceneggiatura di Gore Vidal e di un giovane di belle speranze di nome F.F. Coppola) firmato nel 1966 da Réné Clement, forse il primo a portare l’attenzione del pubblico su quella notte fatale del 24 agosto 1944. Una pellicola dal cast che sarebbe riduttivo definire stellare: J.P. Belmondo, Charles Boyer, Leslie Caron, Alain Delon, Kirk Douglas, Yves Montand e Simone Signoret, Anthony Perkins, Michel Piccoli, Gianluigi Trintignant e, tanto per non farsi mancare proprio nulla, Orson Welles!

Secondo i piani del feroce baffetto austriaco (è lui che chiede al telefono “Ist Paris verbrannt?”), la Ville Lumière all’alba del 25 agosto avrebbe dovuto essere ridotta a un cumulo di macerie, con l’effetto collaterale di uno o due milioni di morti. Tonnellate di tritolo sono state sistemate dagli artificieri nazisti ai piedi della Tour Eiffel, nelle navate della cattedrale di Notre Dame e sui tanti ponti parigini, escluso il Pont Neuf per garantire alle truppe svasticate una precipitosa ritirata, non troppo eventuale siccome le divisioni e i tanks del generale Leclerc possono già intravvedere la rotonda di Place de la Concorde e assaporare il trionfo che li aspetta sugli Champs-Élysées.

Perché quell’immane tragedia non si compì? È questo l’interrogativo sciolto dal commediografo francese Cyril Gély (classe 1968) con la sua pièce “Diplomazia”, portata in scena nei giorni scorsi al Lac di Lugano, che ha prodotto lo spettacolo in collaborazione con lo Stabile di Catania e il Teatro dell’Elfo. Dire “Elfo” significa dire soprattutto Elio De Capitani e Ferdinando Bruni. Abituati a confrontarsi/scontrarsi sul palcoscenico (“Frost/Nixon”, e più recentemente “Il vizio dell’arte”, dove interpretano il dramma di due artisti omosessuali come il compositore Benjamin Britten e il commediografo Wistan H. Audan), potevano questi due mattatori del teatro italiano lasciarsi sfuggire una occasione così ghiotta come il duello tra il generale tedesco Dietrich von Choltitz e il Console svedese Raoul Nordling? No, ovviamente e per nostra fortuna! Il loro duello di bravura è stato emozionante. L’uno in tenuta d’ordinanza della Wehrmacht, l’altro in un elegantissimo completo di lino bianco, i due si fronteggiano senza esclusioni di colpi. “Qui batte il cuore del mondo, lei non può distruggere Parigi!” esclama il Console. “Se disattendo gli ordini, la mia famiglia finirà a Ravensburg”, ribatte il generale. De Capitani ha una postura (spalle in fuori, petto in dentro) talmente sinistra da ricordare davvero la classica iconografia che rimanderà ai posteri i varî Göring, Himmler, von Ribbentrop e via gerarchi elencando.

Il Console svedese non agì di solo fioretto, sottolinea Gely: facendosi talvolta scudo della neutralità del suo Paese, Nordling mette alla corde il generale ricordandogli che la guerra, per la Germania, è ormai perduta (in Normandia sono sbarcati gli Alleati il mese prima, l’Armata Rossa ha travolto le truppe tedesche sul fronte orientale). “Perché un tale massacro? Vuole passare alla storia come il distruttore di una delle città più belle del mondo?”

Sappiamo tutti come fortunatamente andò a finire, ma cionostante – e nel rispetto dell’unità di tempo e luogo di ellenica memoria – la coppia De Capitani-Bruni ha portato il pubblico a un crescendo drammatico di incredibile intensità. Sicché, quando al termine dello straordinario duello von Choltitz si arrende al suo lucido disincanto, il palco è inondato dalle bandiere francesi e in sala si diffondono le note della Marsigliese, tutti in sala abbiamo tirato un sospiro di sollievo! E dunque i ripetuti, convinti applausi sono fioccati spontaneamente e… liberatori.

Per la cronaca, von Choltitz e Raoul Nordling, dopo quella drammatica notte, si sono incontrati una sola volta, nel 1955.

Il loro prolungato abbraccio, narrano le cronache, è valso più di mille parole.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved