NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
0
FLO Panthers
1
1. tempo
(0-1)
VAN Canucks
STL Blues
04:00
 
pignotta-incontrada-impegnatissimi-in-scusa-sono-in-riunione
Vanessa Incontrada e Gabriele Pignotta (© Giovanni De Sandre)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
8 ore

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
12 ore

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
14 ore

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
16 ore

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
16 ore

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
1 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
2 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
2 gior

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
2 gior

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
2 gior

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
2 gior

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
2 gior

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
2 gior

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
2 gior

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
2 gior

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
2 gior

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
Animali
2 gior

Ora è chiaro come le balenottere mangino senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
2 gior

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri da abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
Musica
3 gior

Addio a Elza Soares, la cantante brasiliana del millennio

Così la definì Bbc Radio. Per il Rolling Stone, tra le cento più grandi voci della musica brasiliana. Si è spenta a 91 anni a Rio de Janeiro
Festival di Sanremo
3 gior

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
Culture
3 gior

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio
Culture
3 gior

Referendum Lex Netflix, ‘una pugnalata alle spalle’

Lo sostiene cinésuisse, secondo cui combattere la revisione della legge sul cinema è un attacco alla cultura e all’economia della Svizzera
Cinema
3 gior

Addio Camillo Milli, presidente della Longobarda e Megadirettore

Formatosi con Strehler, poi a fianco di Fo, è stato uno dei protagonisti della commedia italiana. Recitò ne ‘Il marchese del Grillo’ di Monicelli
Spettacoli
 
04.12.2021 - 05:300

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta

Cinque ex compagni d’università che stanno sacrificando la propria vita alla carriera e non hanno mai tempo per nessuno ricevono una telefonata improvvisa: per motivi che lo spettacolo illustrerà dettagliatamente, i cinque si ritrovano in una casa, protagonisti inconsapevoli di un reality show televisivo.

Acuta commedia degli equivoci con sottotesto che ci riguarda tutti, ‘Scusa sono in riunione… ti posso richiamare?’ approda a Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre alle 20.30 (www.centroculturalechiasso.ch). Sul palco, l’autore e protagonista Gabriele Pignotta e la coprotagonista Vanessa Incontrada, passo ulteriore di un sodalizio iniziato con il film ‘Ti sposo ma non troppo’. Con loro, Fabio Avaro, Siddhartha Prestinari e Nick Nicolosi. È nella sede del nuovo debutto, Cormons, Friuli-Venezia Giulia, dove lo spettacolo è stato riallestito, che raggiungiamo Pignotta.

Gabriele Pignotta, ‘Scusa sono un riunione’ è tornato: com’è il teatro dopo lo stop?

È in atto una trasformazione. Gli affilié, lo zoccolo duro che lo teneva in vita, la fascia 50-75 anni è venuta meno per il venir meno del concetto di abbonamento, che dopo quel che è successo pare non avere più alcun senso. Speriamo che tutto questo, malgrado lo sbigliettamento all’ultimo momento che è la tendenza attuale, porti il teatro a ringiovanirsi. Non in termini anagrafici, perché si può essere giovani pure a cent’anni, ma in termini di affluenza di nuovo pubblico. E affinché ciò accada è necessario fare spettacoli che si adeguino ai tempi, linea artistica che io seguo da sempre, non solo in quanto autore contemporaneo ma perché voglio fotografare la realtà, cercando di avvicinare il linguaggio del teatro a quello del cinema e della tv. Spero che, in ambiti teatrali, si esca un po’ da quella presunzione di lavorare per una nicchia, di fare cose complicate, lente, noiose, perché quei ritmi nemmeno più la persona di cultura li regge più.

L’essere contemporaneo è caratteristica sua e di uno spettacolo nato nel lontano 2006 ma che resta, per contenuti, dinamiche e nevrosi ivi contenute, attualissimo…

Sì. È vero che io lo aggiorno continuamente, ma aveva ben poco da essere aggiornato. Per contemporaneità non parlo di attualità e ultime notizie, ma di una tendenza ulteriormente peggiorata con l’esplosione dei social, e cioè la necessità di costruirsi un’apparenza, un avatar, in luogo di un’autenticità di fondo, investendo sull’aspetto esteriore e sul soddisfacimento di bisogni artificiali come il successo e l’autocompiacimento, a scapito di valori più umani, viscerali, che si praticano quando si ha tempo per farsi una chiacchierata o per guardare un tramonto, per pensare, anche per annoiarsi, lontani dall’ossessione del successo e della moltiplicazione dei follower. Lungo tutte le mie ultime opere, questo è il tema.

Nello spettacolo si parla di reality. Il Grande Fratello, che in alcune parti del mondo ha concluso il suo ciclo, in Italia ha ancora basi ben solide: si è mai dato una spiegazione?

Grande Fratello ma anche Temptation Island, ne siamo ancora pieni. Oggi è un reality anche una storia su Instagram, costruita per apparire, dunque falsa. Voglio specificare però che questo mio sottolineare arriva tramite l’intrattenimento, la commedia: io spettatore mi diverto, mi riconosco e, al di sotto, leggo un senso a quella che è la storia oltre il divertimento. Che, lo posso dire, nello spettacolo è davvero molto.

I suoi 40enni del 2006 non sono più quelli del 2021: come sono cambiati in questi 15 anni?

Sono peggiorati, nel senso che, tornando ai social, è amplificata la mania di dedicare tutto il tempo a sé stessi, ad alimentare questo avatar che risulta sempre felice, sempre in viaggio, sempre in ottimi ristoranti, sempre figo e dalla vita appagante. Magari la realtà somigliasse a quella dei social! Se nei 40enni, rispetto al 2006, c’è stato un cambiamento, allora è una semplificazione di come arrivare alla superficie, grazie proprio all’esplosione dei social. E mi fa un po’ ridere chiamarli così, perché di social hanno davvero poco. Ma ripeto: non è una mia battaglia, è solo un punto d’osservazione che, scrivendo, declino. Ognuno decida per sé, da me non avrà un giudizio morale. Il teatro per me è anche intrattenimento.

Vanessa Incontrada è un punto fermo del mondo femminile che lei porta a teatro o sullo schermo: com’è diventato tale?

Una mezza coincidenza. Vanessa è stata la protagonista del mio primo film, ‘Ti sposo ma non troppo’. Lì è nata una bella amicizia, una bella intesa professionale, ma anche una reciproca dote da scambiarsi. Io, naturalmente, accolgo la sua grande popolarità, il suo essere trasversalmente riconosciuta e riconoscibile come ormai poche artiste possono sperare di essere, e se io implemento la mia carriera teatrale alla luce della sua popolarità oltre che della sua bravura, lei s’è accostata al teatro in un modo, il mio, che le piace. Vanessa dice che questo modo di fare spettacolo la fa stare bene, che quando è in tournée si riappropria di alcuni meccanismi che tv e cinema non possono regalarle, producendone di fin troppo intensi e stressanti, mentre il teatro sì. Ci siamo ritrovati anche in questo, nelle alternative che le reciproche e diverse strade portano l’uno all’altra e viceversa.

C’è un’altra donna che, agli inizi, ha segnato il suo percorso come autore tv: Raffaella.

Per ricordarla, cito sempre la frase che più ha sintetizzato quella strada che ho avuto il piacere di fare con lei. Raffaella Carrà diceva sempre: “Ricordati di essere umile, ma mai modesto”, frase che definisce quella generazione di artisti più preparati, più portati al lavoro, alla gavetta, allo studio, qualità non fine a se stessa ma nata dalla semplice necessità di essere bravi, perché i colleghi lo erano. A quel tempo bisognava essere bravi, altrimenti si veniva smascherati. Si consideri che la tv la facevano quelli del teatro, o quelli della radio, servivano voce, scenici, saper ballare, cantare, recitare, c’era poco da fare l’influencer. Gente come Raffaella era abituata a essere umile, nel senso del lavorare, ma non modesta perché, a maggior ragione per le donne dell’epoca, se non avevi carattere non ti sganciavi da alcuni meccanismi sociali che vedevano l’Italia poco aperta a carriere femminili che non fossero quelle di soubrettine o vallette.

Ha detto “c’era poco da fare l’influencer”…

Per dire che oggi ci si sente un po’ in imbarazzo a dire a un ragazzino “sii umile ma non modesto”, per l’impossibilità di sentirsi umile da subito. Basta un influencer che per un’ospitata chiede migliaia di euro senza avere alcuna qualità artistica. Oggi, purtroppo, tv e cinema sono popolati da queste figure, certamente intelligenti, argute e con il merito di essere emerse: ma cosa stiamo allevando? È una trasformazione pure questa, vediamo dove porterà.

Forse è una questione di verbi: pare sia più importante dare spettacolo che farlo...

Non voglio sembrare quello che è arrivato prima e vede tutto nero: dico solo che non credo che questa impostazione stia producendo qualità. Non sono sicuro che se metti cinque influencer a fare ‘Scusa sono in riunione’ riescono ad arrivare alla fine. Anzi, lancio un appello, scrivilo pure sul tuo giornale: sfido cinque influencer a venire in teatro e riuscire a fare quello che facciamo noi e tanti altri bravi attori, anche con un mese di prove. Perché credo proprio che a noi, per fare quello che fanno gli influencer, ci basterebbe una settimana.

Biglietti online su www.ticketcorner.ch o nei punti vendita Ticketcorner. Anche su www.teatri.ch. Presso l’Organizzazione Turistica del Mendrisiotto e Basso Ceresio di via Maspoli 15 a Mendrisio o alla cassa del Cinema Teatro (www.centroculturalechiasso.ch)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved