Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
2
Lugano
4
2. tempo
(1-3 : 1-1)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
3
Bienne
2
2. tempo
(2-0 : 1-2)
Davos
3
Berna
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
Zugo
5
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 3-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
1
Langenthal
3
2. tempo
(0-3 : 1-0)
Sierre
2
GCK Lions
1
1. tempo
(2-1)
elio-de-capitani-finalmente-al-lac-con-diplomazia
Foto Laila Pozzo
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

‘Maus’ al bando in Tennessee: il provveditorato si difende

Dopo la decisione di rimuovere la graphic novel sull’Olocausto dai piani di studio: ‘È un libro per adulti, inadatto a ragazzi di terza media’
Culture
2 ore

Marco Poloni alla guida del CISA

Domenico Lucchini si congeda dal Conservatorio internazionale di scienze audiovisive alla fine dell’anno accademico in corso.
Culture
4 ore

Cinema Teatro Chiasso, annullata la ‘Soirée Russe’

Casi di positività al Covid fra gli artisti impegnati fanno saltare lo spettacolo previsto per domani, sabato 29 gennaio alle 20.30
Spettacoli
12 ore

‘La mia vita raccontata male’, Claudio Bisio a Chiasso

Sabato 5 febbraio alle 20.30 e domenica 6 febbraio alle 17, al Cinema Teatro, attingendo dal patrimonio letterario di Francesco Piccolo
Culture
12 ore

Online i pesci fossili del Museo di Storia naturale di Neuchâtel

Sulla piattaforma di Wikimedia Commons estratti di una collezione che prese il via negli anni Trenta del 1800 grazie al naturalista svizzero Louis Agassiz
Cinema
12 ore

Campion, Spielberg, Branagh tra i candidati al premio regia DGA

La Directors Guild of America ha scelto i candidati al suo premio per il miglior regista, indicatore per gli Oscar
Culture
12 ore

‘La luna nel baule’, Dell’Agnola da qui a Friburgo

Il romanzo trilingue di Daniele Dell’Agnola atteso da una rilettura scenica ad opera della compagnia ‘Il teatro degli incamminati’ di Milano
Rsi
15 ore

Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)

Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler
Spettacoli
21 ore

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
22 ore

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
22 ore

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
23 ore

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
23 ore

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
Arte
1 gior

45 milioni di dollari per ‘L’uomo dei dolori’ del Botticelli

Nel XIX secolo era appartenuto a una famosa cantante inglese. Alla sua ultima vendita all’asta, nel 1963, fu acquistato per 10mila sterline.
Culture
1 gior

Giornata memoria, scuola del Tennessee vieta graphic novel Maus

Art Spiegelman tacciato di ‘linguaggio scurrile e nudità nella pubblicazione’. L’autore, premio Pulitzer, definisce la vicenda ‘orwelliana’
Culture
1 gior

Fotografò il flamenco: René Robert morto per il freddo a Parigi

Ha trascorso nove ore su di un marciapiede in seguito a una caduta senza che nessuno lo aiutasse. Aveva 85 anni.
Culture
1 gior

Spotify rimuove la musica di Neil Young dopo polemica col no-vax

Le accuse a Joe Rogan di diffondere fake news e il successivo ‘o io o lui’. Il cantante è accontentato: rischia di perdere il 60% dei proventi streaming
30.11.2021 - 20:070

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020

Agosto 1944, la liberazione di Parigi dai nazisti è imminente. Il governatore della città occupata, il generale Dietrich von Choltitz, ha ricevuto l’ordine da Hitler di distruggere la città in caso le truppe tedesche fossero costrette ad abbandonare Parigi. Il console svedese Raoul Nordling lo convince a desistere. Lo scontro tra i due è al centro di ‘Diplomazia’, uno spettacolo scritto dal francese Cyril Gely che Elio De Capitani e Francesco Frongia portano in scena al Lac venerdì 3 e sabato 4 dicembre alle 20.30. Protagonisti lo stesso De Capitani (nel ruolo del generale tedesco) e Ferdinando Bruni (il console svedese) che tornano a sfidarsi dopo il successo di ‘Frost/Nixon’.
‘Diplomazia’ è una coproduzione del Lac, del Teatro dell’Elfo di Milano e del Teatro Stabile di Catania. «È un ponte molto lungo che dal centro dell’Europa arriva fino al cuore del Mediterraneo per parlare di Parigi e di storia» ci spiega Elio De Capitani che, concluse da poco le repliche in Sicilia, attende con impazienza l’arrivo a Lugano. Perché «nel nostro mestiere le platee fanno cambiare molto la temperatura dello spettacolo e recitare con il pubblico di Milano, con il pubblico di Catania o il pubblico di Lugano è una bella sfida». Ma c’è anche un altro motivo: questo spettacolo avrebbe dovuto debuttare a Lugano a marzo del 2020. «Quando il 23 febbraio l’Italia ha chiuso i teatri noi stavamo provando e abbiamo deciso di continuare perché la Svizzera era ancora aperta: speravamo almeno le due date di Lugano di riuscire a farle». Poi è arrivata «una doccia fredda che mi ricordo ancora benissimo: avevamo appena finito la prova generale, l’8 marzo, quando mi ha chiamato il direttore Carmelo Rifici per dirci che chiudevano anche loro». Un anno e mezzo dopo, finalmente al Lac. «Arriviamo con uno spettacolo rodato da molte repliche: sarà molto bello portarlo con la forza e la maturità che ha raggiunto, ma sarebbe stato molto bello anche farlo debuttare allora. Certo adesso è in forma splendida: come sempre in questo mestiere più si lavora più si entra nello spettacolo, più si entra nel personaggio».
Il che nel caso di De Capitani significa entrare nella mente di un generale del Terzo Reich. «Dietrich von Choltitz è un personaggio abbastanza emblematico della storia della Germania: nobiltà prussiana, famiglia di antiche tradizioni militari, una carriera iniziata già nella Prima guerra mondiale». E poi la Seconda, partecipando a praticamente tutte le campagne: l’invasione della Polonia e della Francia, l’assedio di Costantinopoli, la battaglia di Anzio e poi la Normandia. «Era una grande genio tattico e strategico: l’incarico di governatore di Parigi è arrivato perché non ha partecipato al complotto del fallito attentato contro
Hitler del 20 luglio 1944 ed è un governatore molto militare. Parigi è sotto attacco e, per ordine di Hitler, è stata completamente minata utilizzando tutte le riserve di esplosivo della marina militare. Una quantità spaventosa di esplosivo: lo scopo non era solo distruggere Parigi ma anche punire i francesi, una sorta di ‘moral bombing’ contro i francesi e contro la resistenza francese».
E poi Nordling, un altro personaggio chiave della storia di quel periodo, coinvolto in molte trattative «anche più importanti di quella di Parigi che rimane comunque il suo più grande successo». Si tratta, ci spiega De Capitani, «di due giganti, uno nel campo militare e l’altro nel campo diplomatico e lo spettacolo si dipana sullo scontro tra due caratteri, due concezioni della vita».
Quali licenze storiche si è preso lo spettacolo? «In primo luogo temporale: le trattative fra von Choltitz e Nordling sono avvenute nell’arco di due settimane, non di una notte. Però creare questa notte in cui avviene tutto è di grande efficacia dal punto di vista drammaturgico, la tensione è fortissima». La seconda licenza è immaginare che il quartier generale di con Choltitz all’Hotel Maurice sia nella stanza in cui Napoleone III incontrava la sua amante, cont anto di entrata segreta utilizzata da Nordling. «Questo permette di arrivare nel cuore della tana del lupo nel momento giusto e anche di sintetizzare sia la situazione del periodo sia quella del rapporto tra un diplomatico e un militare». Il resto, prosegue De Capitani, «è tutto storico, incluso il collegamento forte con l’attentato a Hitler di cui all’inizio mostriamo alcune immagini del processo e della condanna a morte degli ufficiali coinvolti che Hitler aveva inviato a tutti gli ufficiali come monito».
Nello spettacolo anche tre ruoli minori: l’attendente Helmut Mayer (interpretato da Simon Waldvogel), Werner Ebernach, il capitano delle SS che ha coordinato il piano di esplosione di Parigi (Michele Radice) e un giovane soldato di 17 anni (Alessandro Frigerio). «Piccole figure ma fondamentali per costruire il quadro di questa notte angosciosa e di questa alba tragica» spiega De Capitani, lodando la bravura dell’autore, il giovane drammaturgo francese Cyril Gely che ha saputo inserire «personaggi secondari con brevi scene ma che sono elementi chiave dello sviluppo della vicenda».
La «qualità straordinaria della scrittura» è uno degli elementi che ha convinto De Capitani a cimentarsi con ‘Diplomazia’. «È un piccolo capolavoro contemporaneo, e dico “piccolo” perché è molto asciutto: riuscire a raccontare in un’ora e venticinque la storia di quel momento è straordinario».
Cosa altro vi ha convinto a realizzare questo spettacolo? «Il fatto storico che non conoscevamo nei dettagli e che ci ha molto affascinato, così come i due personaggi: è uno scontro etico, sui limiti del dovere. E l’agonia di un regime, la perdita di controllo, anche fisica, di Hitler».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved