PHI Flyers
VAN Canucks
01:00
 
NJ Devils
1
CHI Blackhawks
0
1. tempo
(1-0)
festival-diritti-umani-il-cinema-dell-assurdo-di-sencov
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
8 ore

‘Tempo sospeso e facezie’, Renzo Ferrari a Lugano

Le opere 2020-2021. Inaugurazione sabato 16 ottobre alle 17 nel porticato della Biblioteca Salita dei Frati
Teatro
9 ore

Emanuele Santoro, la nuova stagione teatrale

Le novità sono Edgar Allan Poe, l’Ubu Re di Alfred Jarry e lo spettacolo ‘Stupidi-tà’. Si comincia sabato e domenica al Paravento con Dürrenmatt
Castellinaria
10 ore

Il Castello d’Onore a Milena Vukotic

Amata e apprezzata da cinema e teatro, vincitrice di un Nastro d’argento e più volte vicina al David, ha lavorato con i più grandi registi
Spettacoli
10 ore

Festival diritti umani, Nanau tra corruzione e fiducia

Il regista rumeno presenta il suo documentario ‘Colectiv’, seguendo il lavoro dei giornalisti che hanno denunciato i problemi del sistema sanitario
Netflix
11 ore

‘Squid Game’: dopo la serie, il videogioco

Dalle indiscrezioni, si tratterebbe di un videogame del genere ‘battle royale’, simile a Fortnite e Pubg, che ben si adatterebbe alla trama
Arte
15 ore

Il Banksy semidistrutto venduto a 22 milioni di euro

‘Love is in the Bin’, battuto ieri da Sotheby’s, era in origine ‘Girl with Balloon’, tagliuzzato nel 2018 tramite un meccanismo nascosto nella cornice
L'intervista
19 ore

Giacomo Poretti, storia di un infermiere

Prima di Aldo e Giovanni, Giacomo ha lavorato all’Ospedale di Legnano, 11 anni in corsia finiti in ‘Chiedimi se sono di turno’, stasera e domani al Lac
Culture
1 gior

Covid cultura, più tempo per i progetti di ristrutturazione

77 le richieste giunte al Cantone per le riconversioni delle imprese culturali. Prorogato il termine per presentare le domande
Spettacoli
14.10.2021 - 14:220
Aggiornamento : 14:53

Festival diritti umani, il cinema dell’assurdo di Sencov

Il regista ucraino ha diretto, dal campo di prigionia russo, un film distopico e surreale

“Una distopia, buffa e grottesca. Dieci personaggi numerati, strani e ridicoli, bloccati in un mondo estraneo, controllato da un Dio stupido e annoiato”. A descrivere così ‘Numbers’ è lo stesso regista Oleh Sencov in una delle lettere scritte durante la prigionia in Siberia. Arrestato nel 2014 dai servizi segreti russi, il cineasta ucraino è stato condannato a vent’anni di detenzione per terrorismo e questo film è nato nel gulag dove era rinchiuso e da dove, a distanza, lo ha diretto prima della sua liberazione, nel 2019, nell’ambito di uno scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina.
Che tipo di film si può dirigere in una situazione simile? In apparenza ‘Numbers’ è imparentato alle distopie figlie di ‘1984’, con individui privati della propria personalità e controllati da un potere superiore, tra il politico e il religioso. Ma forse i riferimenti migliori per comprendere questo film è il teatro dell’assurdo: Beckett e Ionesco più di Orwell. ‘Numbers’ è del resto stato inizialmente concepito come pièce teatrale e questo è particolarmente evidente nella prima parte del film, più teatrale che cinematografica. Quello di Sencov è un cinema dell’assurdo nato dall’insensatezza della vita in un gulag, come il teatro dell’assurdo era nato dall’insensatezza della vita in guerra.
Il numero che identifica i personaggi stabilisce la loro gerarchia ma tutti, incluso il potente Primo, ubbidiscono al regolamento, alle procedure che arrivano dal Grande Zero. Ma le regole di questa sorta di divinità – che vediamo guardare e controllare tutto dall’alto, comandando due guardie armate chiamate Giudici – sono senza senso: corse e pasti con rituali prestabiliti, recinzioni che separano dispari e pari (ovvero uomini e donne). Tutto è ordinato e insensato, ma i dieci numeri si adeguano, si adattano alle regole talvolta inventandone di nuove, tanto nessuno ricorda tutte le procedure elencane nel librone che Primo stesso non legge più. Qualcuno prova a mettere in discussione le regole, a chiederne le ragioni, a proporre per una volta di correre in senso orario anziché antiorario, ma viene subito richiamato all’ordine – dai compagni e dai Giudici.
Ma 7 e 4, amanti non autorizzati, vanno oltre: dalla loro relazione clandestina nasce un figlio, 11, che sovverte tutto. La situazione degenera e i riferimenti religiosi si fanno ancora più marcati, 11 si dice “figlio del Grande Zero”, portatore di un nuovo ordine, ma i dieci capiscono che questo Grande Zero in realtà non esiste, che sono liberi di scegliersi un nome e un destino. Un epilogo amaro mostra come finirà questa libertà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved