Verona
2
Bologna
1
fine
(1-1)
Bienne
2
Zurigo
3
fine
(1-0 : 0-1 : 1-1 : 0-0 : 0-1)
festival-diritti-umani-il-cinema-dell-assurdo-di-sencov
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
1 ora

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
2 ore

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
2 ore

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
3 ore

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
6 ore

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
7 ore

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
8 ore

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
11 ore

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
14.10.2021 - 14:220
Aggiornamento : 14:53

Festival diritti umani, il cinema dell’assurdo di Sencov

Il regista ucraino ha diretto, dal campo di prigionia russo, un film distopico e surreale

“Una distopia, buffa e grottesca. Dieci personaggi numerati, strani e ridicoli, bloccati in un mondo estraneo, controllato da un Dio stupido e annoiato”. A descrivere così ‘Numbers’ è lo stesso regista Oleh Sencov in una delle lettere scritte durante la prigionia in Siberia. Arrestato nel 2014 dai servizi segreti russi, il cineasta ucraino è stato condannato a vent’anni di detenzione per terrorismo e questo film è nato nel gulag dove era rinchiuso e da dove, a distanza, lo ha diretto prima della sua liberazione, nel 2019, nell’ambito di uno scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina.
Che tipo di film si può dirigere in una situazione simile? In apparenza ‘Numbers’ è imparentato alle distopie figlie di ‘1984’, con individui privati della propria personalità e controllati da un potere superiore, tra il politico e il religioso. Ma forse i riferimenti migliori per comprendere questo film è il teatro dell’assurdo: Beckett e Ionesco più di Orwell. ‘Numbers’ è del resto stato inizialmente concepito come pièce teatrale e questo è particolarmente evidente nella prima parte del film, più teatrale che cinematografica. Quello di Sencov è un cinema dell’assurdo nato dall’insensatezza della vita in un gulag, come il teatro dell’assurdo era nato dall’insensatezza della vita in guerra.
Il numero che identifica i personaggi stabilisce la loro gerarchia ma tutti, incluso il potente Primo, ubbidiscono al regolamento, alle procedure che arrivano dal Grande Zero. Ma le regole di questa sorta di divinità – che vediamo guardare e controllare tutto dall’alto, comandando due guardie armate chiamate Giudici – sono senza senso: corse e pasti con rituali prestabiliti, recinzioni che separano dispari e pari (ovvero uomini e donne). Tutto è ordinato e insensato, ma i dieci numeri si adeguano, si adattano alle regole talvolta inventandone di nuove, tanto nessuno ricorda tutte le procedure elencane nel librone che Primo stesso non legge più. Qualcuno prova a mettere in discussione le regole, a chiederne le ragioni, a proporre per una volta di correre in senso orario anziché antiorario, ma viene subito richiamato all’ordine – dai compagni e dai Giudici.
Ma 7 e 4, amanti non autorizzati, vanno oltre: dalla loro relazione clandestina nasce un figlio, 11, che sovverte tutto. La situazione degenera e i riferimenti religiosi si fanno ancora più marcati, 11 si dice “figlio del Grande Zero”, portatore di un nuovo ordine, ma i dieci capiscono che questo Grande Zero in realtà non esiste, che sono liberi di scegliersi un nome e un destino. Un epilogo amaro mostra come finirà questa libertà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved