ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
1 ora

Due opere di Giacometti donate al Museo d’arte dei Grigioni

Si tratta di due ritratti: uno di ‘Giovanin de Vöja’ e uno di formato ridotto di Annetta Giacometti con il figlio Bruno
Spettacoli
2 ore

Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’

Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
3 ore

Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente

Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
Società
3 ore

Video on Demand, cala visualizzazione abbonamento o streaming

Dopo tassi di crescita superiori al 50% nel 2020 e nel 2019, la domanda si sta notevolmente affievolendo
Culture
4 ore

‘La Svizzera migliori la promozione dell’italiano’

La richiesta viene dal Consiglio d’Europa, che valuta il rispetto della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie da parte degli Stati
Pagine scelte
8 ore

Céline, un inedito che parla di ‘Guerre’

Ritrovato tra le sue carte e pubblicato, è stato un caso letterario in Francia, forte delle sue duecentomila copie vendute
L’intervista
9 ore

Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre

La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
10 ore

È morto Bruno Arena de I Fichi d’India

Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
14.10.2021 - 14:22
Aggiornamento: 14:53

Festival diritti umani, il cinema dell’assurdo di Sencov

Il regista ucraino ha diretto, dal campo di prigionia russo, un film distopico e surreale

di Ivo Silvestro
festival-diritti-umani-il-cinema-dell-assurdo-di-sencov

“Una distopia, buffa e grottesca. Dieci personaggi numerati, strani e ridicoli, bloccati in un mondo estraneo, controllato da un Dio stupido e annoiato”. A descrivere così ‘Numbers’ è lo stesso regista Oleh Sencov in una delle lettere scritte durante la prigionia in Siberia. Arrestato nel 2014 dai servizi segreti russi, il cineasta ucraino è stato condannato a vent’anni di detenzione per terrorismo e questo film è nato nel gulag dove era rinchiuso e da dove, a distanza, lo ha diretto prima della sua liberazione, nel 2019, nell’ambito di uno scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina.
Che tipo di film si può dirigere in una situazione simile? In apparenza ‘Numbers’ è imparentato alle distopie figlie di ‘1984’, con individui privati della propria personalità e controllati da un potere superiore, tra il politico e il religioso. Ma forse i riferimenti migliori per comprendere questo film è il teatro dell’assurdo: Beckett e Ionesco più di Orwell. ‘Numbers’ è del resto stato inizialmente concepito come pièce teatrale e questo è particolarmente evidente nella prima parte del film, più teatrale che cinematografica. Quello di Sencov è un cinema dell’assurdo nato dall’insensatezza della vita in un gulag, come il teatro dell’assurdo era nato dall’insensatezza della vita in guerra.
Il numero che identifica i personaggi stabilisce la loro gerarchia ma tutti, incluso il potente Primo, ubbidiscono al regolamento, alle procedure che arrivano dal Grande Zero. Ma le regole di questa sorta di divinità – che vediamo guardare e controllare tutto dall’alto, comandando due guardie armate chiamate Giudici – sono senza senso: corse e pasti con rituali prestabiliti, recinzioni che separano dispari e pari (ovvero uomini e donne). Tutto è ordinato e insensato, ma i dieci numeri si adeguano, si adattano alle regole talvolta inventandone di nuove, tanto nessuno ricorda tutte le procedure elencane nel librone che Primo stesso non legge più. Qualcuno prova a mettere in discussione le regole, a chiederne le ragioni, a proporre per una volta di correre in senso orario anziché antiorario, ma viene subito richiamato all’ordine – dai compagni e dai Giudici.
Ma 7 e 4, amanti non autorizzati, vanno oltre: dalla loro relazione clandestina nasce un figlio, 11, che sovverte tutto. La situazione degenera e i riferimenti religiosi si fanno ancora più marcati, 11 si dice “figlio del Grande Zero”, portatore di un nuovo ordine, ma i dieci capiscono che questo Grande Zero in realtà non esiste, che sono liberi di scegliersi un nome e un destino. Un epilogo amaro mostra come finirà questa libertà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved