ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
festival-diritti-umani-due-bei-film-per-iniziare
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Oleh Sencov, regista dal gulag

Dopo cinque anni di prigionia il dissidente ucraino è passato anche a Lugano per presentare ‘Numbers’, film distopico e profetico
Arte
14 ore

‘Tempo sospeso e facezie’, Renzo Ferrari a Lugano

Le opere 2020-2021. Inaugurazione sabato 16 ottobre alle 17 nel porticato della Biblioteca Salita dei Frati
Teatro
15 ore

Emanuele Santoro, la nuova stagione teatrale

Le novità sono Edgar Allan Poe, l’Ubu Re di Alfred Jarry e lo spettacolo ‘Stupidi-tà’. Si comincia sabato e domenica al Paravento con Dürrenmatt
Castellinaria
15 ore

Il Castello d’Onore a Milena Vukotic

Amata e apprezzata da cinema e teatro, vincitrice di un Nastro d’argento e più volte vicina al David, ha lavorato con i più grandi registi
Spettacoli
16 ore

Festival diritti umani, Nanau tra corruzione e fiducia

Il regista rumeno presenta il suo documentario ‘Colectiv’, seguendo il lavoro dei giornalisti che hanno denunciato i problemi del sistema sanitario
Netflix
17 ore

‘Squid Game’: dopo la serie, il videogioco

Dalle indiscrezioni, si tratterebbe di un videogame del genere ‘battle royale’, simile a Fortnite e Pubg, che ben si adatterebbe alla trama
Arte
21 ore

Il Banksy semidistrutto venduto a 22 milioni di euro

‘Love is in the Bin’, battuto ieri da Sotheby’s, era in origine ‘Girl with Balloon’, tagliuzzato nel 2018 tramite un meccanismo nascosto nella cornice
L'intervista
1 gior

Giacomo Poretti, storia di un infermiere

Prima di Aldo e Giovanni, Giacomo ha lavorato all’Ospedale di Legnano, 11 anni in corsia finiti in ‘Chiedimi se sono di turno’, stasera e domani al Lac
Culture
1 gior

Covid cultura, più tempo per i progetti di ristrutturazione

77 le richieste giunte al Cantone per le riconversioni delle imprese culturali. Prorogato il termine per presentare le domande
Libri
1 gior

I finalisti del Premio Chiara in dialogo a Lugano

Aspettando il verdetto di domenica a Varese, sabato 16 ottobre alle 17.30 s’incontrano alla Biblioteca cantonale
Casa della Letteratura
1 gior

Per ‘Cari Vicini’ s’incontrano Ilma Rakusa e Anna Ruchat

A Lugano il 16 ottobre alle 18.30, moderate da Jacqueline Aerne, per l’incontro in collaborazione con la Literaturhaus di Zurigo
Disney+
1 gior

‘The Beatles: Get Back’, la tre giorni di Peter Jackson

Il 25, 26 e 27 novembre su Disney+ la docuserie originale realizzata dal regista del Signore degli Anelli con filmati inediti restaurati
Spettacoli
13.10.2021 - 11:200

Festival diritti umani, due bei film per iniziare

Prima giornata con ‘La Mif’ dello svizzero Fred Baillif e ‘Fighter’ del sudcoreano Jéro Yun

Due film lontani, geograficamente e cinematograficamente, ma uniti dal raccontare la sofferenza che una società indifferente e meschina può arrecare a chi è in difficoltà: non delude, questa prima giornata dell’ottava edizione del Film festival diritti umani Lugano che oggi propone, tra le varie proiezioni, ‘La Mif’ dello svizzero Fred Baillif (alle 18.45 al Cinema Iride) e ‘Fighter’ del sudcoreano Jéro Yun che alle 20.45 al Corso segnerà l’inaugurazione ufficiale del festival.
Iniziamo quindi da quest’ultimo: protagonista del film d’apertura è Jina, una ragazza della Corea del Nord scappata in Corea del Sud. Accolta dal governo che le paga parte dell’affitto e organizza corsi per integrarla in una società così diversa, Jina si trova a dover affrontare pregiudizi e discriminazioni, svolgendo i lavori più umili sperando di riuscire a raccogliere i soldi necessari per far venire a Seul il padre, rimasto in Corea del Nord. Quando tutto sembra crollare – un uomo che ha cercato di abusare di lei la ricatta spacciando per aggressione la difesa di lei –, Jina scopre la boxe. Qui il film potrebbe sfociare nella classica storia di riscatto attraverso la nobile arte, con la già vista metafora della combattente sul ring e nella vita. Jéro Yun ci risparmia tutto questo e – seppur con una regia di buon mestiere ma tutto sommato piatta – utilizza la boxe come strumento per mettere a fuoco il passato e i sentimenti di Jina: scopriamo che ha anche una madre, fuggita anni prima in Corea del Sud abbandonando la famiglia, scopriamo la sua aggressività e la sua fragilità attraverso le quali forse riuscirà a trovare un posto in una società solo in apparenza accogliente.
Anche Fred Baillif affronta la fragilità di chi è solo apparentemente accolto, ma lo fa con un film intenso e corale, costruito con la maestria che fa di questo “cineasta autodidatta” – ed ex giocatore professionista di basket – uno tra gli autori svizzeri più interessanti. ‘La Mif’ ha vinto il Grand Prix per il miglior film nel concorso 14Plus alla Berlinale ed è stato da poco premiato allo Zurich Film Festival; la proiezione a Lugano è in collaborazione con Castellinaria.
Giusto un anno fa avevamo visto il suo divertente ‘Edelweiss Revolution’, frizzante racconto tra documentaristica e finzione di un gruppo di attivisti per l’abolizione del servizio militare in Svizzera. Con ‘La Mif’ Baillif cambia registro e propone un film duro ambientato in una struttura protetta, un foyer nel quale vengono accolti minori che per vari motivi non possono più stare in famiglia. E che in questa nuova “casa” trovano, a loro modo, una famiglia, un luogo dove sentirsi accolti nonostante tutti, nonostante gli inevitabili conflitti, spesso legati ad abusi subiti nella famiglia vera.
Baillif ha lavorato come operatore sociale in una struttura simile e anzi il film è nato in collaborazione con la direttrice dell’istituto dove, vent’anni fa, aveva fatto uno stage. È così iniziato un intenso lavoro di scrittura condivisa con alcune delle ragazze ospitate in quel centro, attrici che hanno sviluppato un proprio personaggio in quel misto tra realtà e finzione che tanto piace a Baillif. Un lungo e intenso lavoro che però rischiava di rimanere in un cassetto a causa della mancanza di finanziamenti: la determinazione di regista e attrici ha portato a fare ugualmente le riprese (e in appena due settimane); una prima versione ha convinto Rts e Ufficio federale della cultura a sostenere il progetto. Il risultato, come accennato, è un film corale, in cui spesso rivediamo la stessa scena da più punti di vista, scoprendo non solo le inquietudini delle sette ragazze protagoniste ma anche degli educatori e soprattutto della direttrice dell’istituto.
‘La Mif’ è non solo una bella riflessione su quello che significa essere parte di una comunità, di una famiglia che non si sceglie ma alla quale alla fine appartieni: il film è anche una descrizione dei limiti di come le autorità prendono a carico, o cercano di prendere a carico, queste persone in difficoltà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved