tra-fili-e-ombre-dai-pupi-al-piccolo-principe
Michel Poletti
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

Dove va l’informazione della rinnovata Rete Uno

Dopo le critiche, Reto Ceschi espone le sue priorità: qualità e approfondimento “ ma l’informazione deve stare su una rete che ha un pubblico forte”
Spettacoli
14 ore

Altroquando, un tranquillo week end di paura

All’insegna dell’horror di qualità, si è tenuta la prima edizione del festival dedicata al cinema di genere
Spettacoli
15 ore

Tutto in una notte. Ma che emozione con ‘Diplomazia’ al Lac

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni hanno portato a Lugano lo scontro per salvare Parigi tra il generale nazista e il console svedese
Spettacoli
17 ore

Gardi è morta, viva la Gaia!

Al Cinema Teatro di Chiasso Hanna, l’alter ego della celebre clown, è morta: applausi del pubblico tra resurrezioni, vendette e gran senso per la scena
Spettacoli
21 ore

Happy Days, Fonzie mette all’asta memorabilia serie tv

L’appuntamento è per mercoledì 8 dicembre nelle sale della casa d’aste Bonhams di Los Angeles
Spettacoli
23 ore

È morto Toni Santagata

A renderlo noto la moglie del cantante, Giovanna, tramite l’agenzia stampa italiana Ansa. Santagata, all’anagrafe Antonio Morese, aveva 85 anni
Spettacoli
1 gior

Morandi, Ranieri, Zanicchi: ok, Sanremo è giusto (più o meno)

Non si può dire che non ve ne sia per tutti i gusti: Elisa, Emma, Noemi, trapper quanto basta, ex vincitori quanto basta. E Achille Lauro, ovviamente
Musica
2 gior

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
2 gior

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
2 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
2 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
2 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
2 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
2 gior

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
3 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
3 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
3 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
Festival delle marionette
12.10.2021 - 09:410
Aggiornamento : 11:56

Tra fili e ombre, dai pupi al Piccolo Principe

La 39esima edizione dal 16 ottobre al 7 novembre al Teatro Foce: ‘Mai come oggi ripartire è importante’, dice Michel Poletti

Cominciamo dall’anno prossimo, dal 40esimo, per raccontare del festival più longevo in Europa in questo settore: «Speriamo di riportare artisti che hanno segnato le tappe più importanti, sarà una grande festa per quella che è una storia artistica, ma anche di vita». Parola di Michel Poletti, fondatore. Prima, però, c’è 39esimo Festival internazionale delle marionette, dal 16 ottobre al 7 novembre a Lugano al Teatro Foce, forte di un’appendice chiamata ‘Museo delle marionette’ nato nel luglio del 2020, passata attraverso l’emergenza con eventi forzatamente ridimensionati e adesso, finalmente, nella sua triplice funzione: di esposizione degli esemplari creati e usati in passato da Poletti, dapprima; di sede di mostre temporanee, poi; e alla fine del festival, luogo in cui ammirare la cinquantina di creazioni provenienti dalle grandi famiglie di marionettisti italiani, oggetto della collezione Zanella-Pasqualini. «Come l’Amleto di Pietro Resoniero – spiega Poletti – un esemplare del 1560 circa, perfettamente funzionante e che portammo in scena una decina di anni fa, o il Gianduia, maschera tipica di Torino creata dalla famiglia Lupi, o i pezzi di Vittorio Podrecca, veneziano che morì a Ginevra nel 1959, il primo a girare il mondo come entertainer. E anche i pupi siciliani, così che le persone li possano vedere più da vicino».


’La terribile e spietata battaglia tra Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica’, sabato 16 ottobre

Dalla Sicilia fino alle Fiandre

Perché più da lontano, i pupi, si potranno vedere nella ‘Terribile e spietata battaglia tra Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica’ di sabato 16 ottobre ad aprire un Festival nel quale «ripresentiamo la tradizione» a partire dai pupi che tornano a Lugano dopo una decina d’anni: «Sono quelli della famiglia Cuticchio, quelli palermitani che pesano una quarantina di chili, mentre a Catania sono più alti e pesano di più». I pupi dalla storia «estremamente strana, presenti in Sicilia ma ancor prima a Napoli e a Roma», due forme poi scomparse di una tecnica che si ritrova nel nord della Francia e nelle Fiandre. Pupi che da secoli raccontano «immutabilmente la saga dai cavalieri di Carlo Magno e che parlano italiano, malgrado i siciliani vadano fieri della propria lingua».

Dai pupi si passa – una stanga nella testa in meno e qualche filo in più – alle marionette a fili di, appunto, ‘Camminando sotto i fili’ di Nadia Impero (domenica 7 novembre), tradizione di grandi virtuosi russi lungo la quale si allinea l’artista sarda. Dai fili al teatro delle ombre, «dette cinesi ma che cinesi non sono perché vengono dall’Asia, India o Indonesia, e in Cina soltanto più tardi»: superati i problemi ‘doganali’ dovuti al Covid, può dunque arrivare con in ‘My shadow and me’ (Io e la mia ombra, domenica 24 ottobre) il «sagomatico» inglese Drew Colby, che alle ombre delle mani aggiunge anche quelle prodotte dal proprio corpo. Altre ombre, miste ad attorialità, sono quelle del Teatro le Giravolte in ‘Mangiafuoco, Pinocchio e…’ (domenica 7 novembre) e quelle miste a magia comica del ‘Carnevale degli animali’ di Federico Pieri.

Tra le attrattive dell’edizione 39 del Festival delle marionette («Marionette in senso generico, alla francese, termine che include tutte le tecniche e sfaccettature di quest’arte») c’è il Piccolo Principe (giovedì 4 novembre), richiesta venuta dalla Pro Grigioni italiano per far rivivere le antiche marionette del bregagliese Piero del Bondio raffiguranti i personaggi del libro (con Margherita Coldesina, Lucia Bassetti e il Teatrino dell’Es), occasione per Poletti, presosi carico della ‘missione’, per smontare e rimontare l’opera di Saint-Exupéry (più a suo gradimento). ‘Il topo di campagna e il topo di città’ del Teatro Glug, domenica 17 ottobre, inaugura gli spettacoli (non solo) per i più piccoli: ‘Le penne dell’orco’ del Teatro delle dodici lune, le ‘Storie mannare’ del Laboratorio del Mago, ‘I segreti degli gnomi’ di Lucia Osellieri, ‘Il sogno di un burattino’ del minimalista Gino Balestrino, ‘I tre porcellini’ dell’ucraina Christina Boukova, le ‘Favole di animali’ del Teatro dell’Erba Matta. Una parentesi per il ‘Cabaret dei piedi’ di Veronica Gonzales (domenica 24 ottobre), tra le poche artiste al mondo a costruire personaggi su parti del proprio corpo.


‘Il cabaret dei piedi’ di Veronica Gonzales, domenica 24 ottobre

‘Mai come oggi ripartire è importante’

Flashback. Il quasi 40enne Festival delle marionette è «diverso da quando è stato creato perché anche il contesto è diverso, cambiato». Così Poletti aveva aperto l’incontro di presentazione. «È nato nel 1979 da me e mia moglie Michelle, è partito dal Palacongressi appena aperto, che fummo tra i primi a usare in una situazione teatrale ben diversa: a Lugano c’erano ancora il Kursaal e altre sale provvisorie o fisse, che abbiamo usato tutte. Oggi, sale alternative non ce ne sono più, e nemmeno luoghi di media dimensione come il Cittadella. E c’è un numero impressionante di spettacoli all’aperto d’estate che di solito non costano nulla e rendono un po’ più difficile il nostro tentativo di attirare il pubblico su qualcosa di specifico. Per questo motivo, con l’edizione 2020 fortemente compromessa, mai come oggi questo ripartire è importante» (biglietti su www.biglietteria.ch, programma completo su www.musicateatro.net).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved