vent-negru-trent-anni-di-musica-popolare
Da sinistra, Mauro Garbani, Mattia Mirenda ed Esther Rietschin: il 9 ottobre a Locarno, il 16 a Bedigliora (foto: Julien Garbani)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
12 ore

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
12 ore

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
13 ore

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
15 ore

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
15 ore

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
16 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
21 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
22 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
1 gior

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
1 gior

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
1 gior

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
1 gior

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
1 gior

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
1 gior

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
1 gior

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Musica
07.10.2021 - 08:33
Aggiornamento : 11:07

Vent Negru, trent’anni di musica popolare

L’Euroradio Folk Festival, le Riflessioni musicali, l’ultimo cd ‘Serenada’ e molto altro, dal 1991. A colloquio con Mauro Garbani

di B.D.

“Conoscono le radici, coltivano giorno per giorno la loro arte presentando sulla piazza i loro frutti migliori: al pubblico non resta che assaporarli”. Rubiamo dal sito di Vent Negru tra gli apprezzamenti di trent’anni di storico sodalizio all’insegna della musica popolare. È dal 1991 che i Vent Negru sono impegnati nella ricerca, riproposta e diffusione del nostro patrimonio popolare, da interpretarsi nell’attento e costante equilibrio tra rigore stilistico e gusto personale, alla maniera dei cantastorie. In tre decenni di musica, la posizione di rilievo nel panorama della musica popolare in Svizzera, ma anche all’estero, è certificata dai molti concerti, registrazioni e presenze: in nome di queste ultime, l’invito della Ssr a rappresentare la Svizzera all’Euroradio Folk Festival di Cesky Krumlov nella Repubblica Ceca, correva l’anno 2017.

Segno distintivo dei Vent Negru è anche la rassegna ‘Riflessioni Musicali’, proposta in chiese e oratori del Cantone, ‘processione’ in musica che si tiene ormai ininterrottamente dal 1999, con l’eccezione dell’edizione 2020, ridotta nella forma per i motivi che hanno rallentato le vite di tutti, non soltanto quelle degli artisti.

Passaggio di consegne

Scorrendo nella produzione discografica, dopo le tre realizzate in formazione di terzetto con Gabriele Martini, nel gruppo dal 1992 al 1999, altre cinque se ne sono aggiunte, due delle quali prodotte in collaborazione con la Rsi: ‘Eternità d’amur’ (2004), poesie del poeta dialettale Fernando Grignola trascritte e interpretate in musica e ‘Viaggio a Betlemme’ (2008). Ora è arrivato il tempo per il nuovo lavoro ‘Serenada’, il nono cd, giunto a celebrare i trent’anni di storia e consolidare ulteriormente la nuova formazione: dal 2017, infatti, ai fondatori Mauro Garbani (voce, organetto diatonico, chitarra, piva) e Esther Rietschin (voce, sassofoni, fisarmonica, flauti, ocarina, piva e percussioni) si è aggiunto il giovane polistrumentista e cantautore Mattia Mirenda (voce, chitarra, organetto diatonico e mandolino), per quello che pare un passaggio di consegne capace di garantire continuità al lavoro svolto sino a oggi. A sancire il compleanno, l’inserimento del sito di Vent Negru nell’Archivio Web Svizzera, riconoscimento giunto in aprile dalla Biblioteca Nazionale, operante su mandato della Confederazione.

Saranno due i concerti di presentazione del cd ‘Serenada’ (ordinabile scrivendo a ventnegru@protonmail.com): quello di sabato 9 ottobre al Teatro Paravento di Locarno alle 19 e quello di sabato 16 ottobre a Bedigliora, al Teatro di Banco alle 21. Tutto il resto, attività e concerti, è su www.ventnegru.ch. E in attesa della musica, una chiacchierata attraverso il tempo con Mauro Garbani…

Mauro Garbani, trent’anni di storia quali sensazioni provocano?

La sensazione rassicurante di essere sulla strada giusta, certezza che ho sempre avuto. In trent’anni abbiamo attraversato un po’ di tutto, e ci sono stati anche dei momenti difficili. Però siamo contenti di essere arrivati sin qui senza aver mai avuto il bisogno di fare scelte “comode”, magari a scapito della qualità del lavoro svolto ma anche delle ottime relazioni che abbiamo mantenuto con tutti gli operatori del settore, gli organizzatori e le persone con le quali siamo in contatto.

Come e dove inizia questa storia?

Ho conosciuto Esther al Teatro Paravento a Locarno, eravamo stati ingaggiati per lo spettacolo ‘Dan Auta’. Venivamo da esperienze quasi opposte: lei con un percorso accademico con varie formazioni, scuola Lecoq a Parigi, scuola e compagnia Dimitri a Verscio e altre formazioni, e io falegname e all’epoca suonatore ‘empirico’ ma appassionato. Abbiamo capito subito che c’era del buono unendo capacità e talenti, e dopo 30 anni siamo qui...

Scegliendo tra i momenti più belli?

Sono molti. Non ci saremmo più se non ce ne fossero stati. Uno, il più recente, l’arrivo di Mattia Mirenda, all’inizio mio allievo di organetto diatonico, poi entrato dopo qualche tempo nel gruppo adempiendo appieno al suo compito. Dando a noi due ‘vecchi’ la grande soddisfazione di essere riusciti a dare continuità a una espressione, quella della musica popolare, che ha bisogno di essere trasmessa alle giovani generazioni per poter continuare a vivere.

Domanda d’obbligo: quale effetto ha avuto su di voi l’emergenza sanitaria?

Abbiamo potuto mantenere una buona energia e forza creativa: abbiamo approfittato della ‘magra’ per concentrarci sulla produzione del nuovo cd, registrato in casa presso la nostra sede di Locarno. Solo noi tre, con la presenza del giovane tecnico Mirko Wallimann che ci ha viziati con la sua perizia e professionalità. Abbiamo passato bellissimi momenti e non abbiamo mai avuto paura. Con questa esperienza sulle spalle possiamo continuare con rinnovato entusiasmo e siamo molto fiduciosi.

E dopo il compleanno?

Ora siamo concentrati sulla presentazione del cd, poi aggiorneremo il sito, che ha bisogno di un lifting... le idee non mancano, abbiamo in vista nuovi progetti e attività, ma siccome non ragioniamo in termini di ‘progetti’, continueremo sul nostro cammino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved