NY Rangers
3
PHI Flyers
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
Detroit Red Wings
0
Seattle Kraken
0
1. tempo
(0-0)
TOR Leafs
3
COL Avalanche
1
1. tempo
(3-1)
OTT Senators
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
davide-van-de-sfroos-a-lugano-tra-le-braccia-di-maader-folk
'Ci sono concetti che restano folk che tu li suoni con la filarmonica o con una motosega' (foto: © RSI/L.Daulte)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
6 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
7 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
10 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
10 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
13 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
13 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
2 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
2 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
2 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
2 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
3 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
3 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
3 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
L'intervista
 
05.10.2021 - 09:300
Aggiornamento : 10:41

Davide Van De Sfroos, a Lugano tra le braccia di Maader Folk

Di sera, nell’Auditorio Stelio Molo, regala estratti dal nuovo disco (con sorpresa). E di pomeriggio, parole preziose.

La madre del folk, o ‘Maader Folk come la chiama lui, è stata più generosa di madre natura. Lunedì umido a Lugano, ma la pioggia val bene lo showcase di Davide Van De Sfroos, che riporta all’Auditorio Stelio Molo le buone abitudini ticinesi, la musica dal vivo. In dialogo, come si dice oggi, con Gianluca Verga, il cantautore parla più di quanto canti ed è comunque musica. ‘Oh Lord, Vaarda Gio’, duetto con Zucchero, si prende una buona mezz’ora tra videoclip e collegamento Skype con il protagonista, Mauro Corona, che dalle sue montagne sfoggia una t-shirt del ‘Manicomi Tour’, i De Sfroos a Lugano un anno fa.

Poi, tra ‘Il mitico Thor’, ‘Gli spaesati’ e una ‘Agata’ che sa di Premio Tenco, il cantautore si fionda in un disco atteso sette anni consegnato a Taketo Gohara, produttore, e Mauro Ottolini, fiati, due tizi che hanno spostato più su di una tacca l’asticella del folk. Nella lunga attesa per il live al Teatro del Verme di Milano («Che adesso sarà diventato una farfalla»), quella di Lugano è un’occasione. Anche di pomeriggio, in camerino, dove appoggiato a un pianoforte, e la chitarra poco più in là, Davide ci concede un angolo di ‘privato’ di ‘Maader Folk’.

Partiamo dalla visione? L’ho letta, ma raccontata di persona dev’essere tutta un’altra cosa...

Non è romanzata, è esattamente quel che è successo. Non è la Madonna di Lourdes, non è la folgorazione sulla via di Damasco, non è nemmeno i Blues Brothers. In un momento nel quale ti ritrovi in casa il Covid-19 e tutta la famiglia lo prende, fortunatamente in forma non più forte di quella influenzale, non tutti i sogni sono belli. Forse perché hai tanto tempo per pensare, la febbre sale e tu vorresti dormire ma non ci riesci.

E finalmente qualcosa arriva, come una forma di guarigione non tanto dal Covid ma dall’altro virus, quell’ombra che ci rabbuia tutti; vedo una figura che mi sembra una madre, ma che potrebbe essere una figlia, una sorella, una moglie o una sposa; niente di sexy, una figura benevola, compassionevole, che mi fa capire che questo folk al quale mi ero aggrappato per tutta la vita doveva tornare, che non dovevo avere paura di rimettermi a giocare, a colorare i sassi come quand’ero bambino; non dovevo avere paura dei miei suoni anche se adesso ne van di moda altri.

Mi alzo, mi lavo la faccia e cerco della musica: penso a Townes Van Zandt, a Woody Guthrie, a Pete Seeger, a Dylan, e nella testa mi entra Phil Ochs…

È una visione laica o quella di un credente?

Non l’ho mai portata nel territorio del sacro. La definirei ‘simpaticamente folk’, un’esplosione del mio subconscio che aveva necessità d’invocare una figura e collegandosi forse al Superconscio mi ha fatto sognare questa madre, perché avevo bisogno di sognarla, perché la invocavo. E poi è arrivato il nome, ‘Maader Folk’, esaustivo, provvidenziale. La Bmg mi ha imposto di non toccarlo, perché il titolo è qualcosa d’importante.

Ma la cosa ancora più bella è stata chiamare Fabrizio Cestari (il fotografo, ndr) che ha lavorato sul sogno che gli avevo raccontato, ha scelto la modella, multietnica come la madre che avevo sognato, le ha costruito il vestito, e ha cercato di riprodurre il colore del mio sogno. Mi trovavo sulle Dolomiti a registrare ‘Il Mytonauta’ (Rai 2, ndr), mi sono seduto in un bar, ho guardato il telefono e l’ho vista come l’avevo sognata. E mi sono sentito tranquillo.

Dire che c’è qualcosa di onirico anche nella produzione di Taketo Gohara è un’eresia?

No. Gohara mi conosce, ha capito cosa stavo facendo. Ha preso i pezzi e li ha portati a fiorire, ma non nel suo mondo: ha portato il suo mondo nelle mie canzoni perché fiorissero. Ne ‘Gli spaesati’, che è un testo impegnativo, ci ha visto voglia, fierezza e i suoni mariachi, e così l’amarcord fatto di niente che è ‘Reverse’, canzoni di tre accordi come ai tempi dei Beach Boys o dei Ramones, lineari, cantabili anche da un bambino, per le quali si può osare. Il folk non è solo fisarmonica, armonica a bocca e violino. Ci sono concetti che restano folk che tu li suoni con la filarmonica o con una motosega. Il folk è uno status come il blues, che posso suonarlo pur non essendo della Louisiana e noi, tranne che le bande, le ninne nanne e le canzoni da osteria, non abbiamo una folk music. Ma usando la semplicità delle strutture si può crearne una nostra.

Visto che oggi Davide suona queste cose, che i Luf suonano queste altre, e i Modena City Ramblers altre ancora, i nipoti dei nostri nipoti diranno un giorno “Questo era il folk di una corrente che è esistita in Italia”, non quella degli anni prima di noi, ma di questo tempo.

È ‘osare’ anche il laghée fuso con l’emiliano e l’inglese, nel duetto con Zucchero...

Sì, un tris in tutti i sensi che alla fine diventa un poker. La canzone è vecchia di dieci anni e nemmeno doveva entrare nel disco, poi l’amico Lorenzo Vanini (l’odontoiatra, ndr) mi chiede un brano per distrarsi durante le vacanze di Natale; quando ascolto la sua versione è talmente potente che capiamo di non poterla lasciare fuori; poi scoppia il Covid, ma noi continuiamo a lavorarci sopra, la riarrangiamo, la sistemiamo con Taketo e io ci sento la voce di Zucchero anche se non c’è, e gliela propongo ma Zucchero è in giro con Sting, ma dice di aspettarlo perché ci tiene, che è nella sue corde; fa una prova, io gli dico di prendersi spazio.

Al di là del leone ruggente Zucchero, in quella canzone ci sono le strofe del bambino Adelmo che se ne va in giro, spaesato, che torna a pensare a un suo modo di rivolgersi all’infinito. Il tris arriva con Mauro Corona nel video, e il poker arriva con la maglietta di Emergency che ha indosso. È successo poco dopo la morte di Gino Strada, e mi è sembrato il giusto tributo.

‘Madeer Folk’ arriva dopo Manicomi, che allo Studio 2, un anno fa, sintetizzò il momento di follia collettiva che stavamo, o stiamo vivendo. Quanto è distante la sanità mentale?

Io sono, ahimè, un termometro vivente, perché per motivi che non ho deciso mi ritrovo a essere un reattivo chimico che comprende le tensioni, la rabbia, la sofferenza degli altri, che mi vedono come qualcuno che può capirli, perché il mio aver sofferto di certi mali dell’animo è noto e ancora mi vedono sopra un palco che continuo a cantare, e dicono che se ce la sto facendo io che li rappresento, allora possono farcela anche loro.

Dico che siamo in un punto ‘Babylon 5’ (serie tv di fantascienza, ndr), perché si sono mescolate le acque. Il Covid-19, nella mia mente psichedelica, è la frenata di un treno in corsa di chissà quanti vagoni, che ha rimescolato tutto: rabbia, paranoia, paura, politica, economia, follia da stadio che si trasforma in creatività discutibile, canzoni urticanti provocatorie pruriginose e altre intelligenti; si fondono le mode, i mondi, la sessualità, che è un bene da una parte purché non diventi tendenza; alcuni si sono accartocciati in una delusione che magari era già un serpentello ed è diventato un cobra, che era un cobra ed è diventato anaconda. Chi invece era una lucciola magari è diventato un arcangelo luminoso. Ma c’è stato anche chi si è spaccato, perché colpito da lutti o perché ha lottato contro la malattia e ora soffre.

Ci troviamo a un punto nel quale, così la vedo io, ci vorrebbe il coraggio di guardarsi indietro e dire “Oh Lord, dove devo andare ora, perché mi sembra che sono in giro da 56 anni ed è tutto un po’ confuso...”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved