festival-di-zurigo-occhio-d-oro-per-fred-baillif
Keystone
Fred Baillif
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
10 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
12 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
14 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
16 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
17 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
19 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
20 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
03.10.2021 - 16:470

Festival di Zurigo, Occhio d’oro per Fred Baillif

Il regista romando è stato premiato per ‘La mif’. Riconoscimenti anche per ‘A Chiara’ di Jonas Carpignano e ‘Life of Ivanna’ di Renato Borrayo Serrano

‘La Mif’ di Fred Baillif, ‘A Chiara’ di Jonas Carpignano e ‘Life of Ivanna’ di Renato Borrayo Serrano: sono i tre film vincitori di un Occhio d’oro – rispettivamente nei concorsi Focus, Fiction e Documentari – della 17ª edizione dello Zurich film festival che si è chiusa sabato. Il festival, ha dichiarato il direttore artistico Christian Jungen, “ha attirato molte più persone di quanto sperassimo: questo dimostra che il cinema è tornato”.

Il Concorso Focus mette in evidenza i film della Svizzera, della Germania e dell’Austria e, come detto, il principale riconoscimento è andato all’ultimo lavoro del ginevrino Fred Baillif: ‘La Mif’ – premiato anche alla Berlinale e che sarà proiettato, in collaborazione con Castellinaria, anche al Film festival diritti umani di Lugano – è ambientato in una struttura protetta dove una banda di ragazze adolescenti trova una nuova famiglia. Per realizzare il film il regista ha lavorato con le vere residenti di un foyer che hanno aiutato a scrivere la sceneggiatura.

L’Occhio d’oro per la migliore fiction è invece andato al regista italiano Jonas Carpignano – ma a ritirare il premio c’era il padre e produttore Paolo – per ‘A Chiara’, dramma familiare neorealista sulla mafia: la protagonista è una ragazza di 15 anni che scopre che suo padre fa parte della ’ndrangheta calabrese. La giuria presieduta dall’attore e regista Daniel Brühl ha concordato all’unanimità che “questo film ci ha affascinato e commosso allo stesso tempo. Siamo stati travolti dall’interpretazione moderna del tradizionale neorealismo italiano, dall’uso insolito della musica e del sound design e dalle eccellenti performance di Swami Rotolo e della sua famiglia, tutti al loro debutto sul grande schermo”.

Infine, miglior documentario è ‘Life of Ivanna’ di Renato Borrayo Serrano, il ritratto di una forte donna nomade di 26 anni che vive con la sua famiglia nella tundra. La giuria è stata “convinta dalle potenti immagini e dal ritratto intimo e non giudicante di una personalità complessa e coraggiosa”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved