NY Rangers
2
PHI Flyers
0
1. tempo
(2-0)
Detroit Red Wings
0
Seattle Kraken
0
1. tempo
(0-0)
TOR Leafs
2
COL Avalanche
0
1. tempo
(2-0)
OTT Senators
0
VAN Canucks
1
1. tempo
(0-1)
no-time-to-die-james-bond-piu-umano-piu-vero
Daniel Craig (Nicola Dove.© 2021 DANJAQ, LLC AND MGM)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
5 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
7 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
10 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
10 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
12 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
13 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
2 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
2 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
2 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Cinema
 
30.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 06:58

‘No Time To Die’, James Bond più umano più vero

È l’ultimo atto di Daniel Craig. Nel rispetto del #notimeforspoiler, diremo solo che l’Agente 007 s’innamora. Per tutto il resto, c’è la sala (da oggi)

Si chiama #notimeforspoiler ed è la lodevole iniziativa lanciata da Universal grazie alla quale prevenire la diffusione di quanto accade in ‘No Time To Die’, l’ultimo James Bond interpretato da Daniel Craig, nelle sale ticinesi da oggi e in quelle americane dalla prossima settimana, quando tutti avranno spoilerato tutto, anche il finale. #notimeforspoiler vale anche per la stampa alle prese con la James Bond Experience dell’anteprima, iniziata con la firma della dettagliata liberatoria contenente le pene previste in caso di spoiler e proseguita con l’impacchettamento dello smartphone dentro una busta color Aston Martin (argento) fornita da un signore vestito più o meno come Bond e che dal punto più alto della sala ha controllato che nessuno dei presenti violasse i sigilli. In nome del #notimeforspoiler, insomma, al Cinestar mancava solo James Bond con licenza di ucciderci (amici di Universal, si scherza. Alfred Hitchcock vi ringrazierebbe).

Con il fuso orario di Londra, sarà andata così anche alla Royal Albert Hall, dove l’erede al trono britannico Carlo e il primogenito William (anch’egli vestito da James Bond, ma pelato) erano attesi insieme alle rispettive dolci metà Camilla e Kate (per l’angolo del gossip: la duchessa di Cambridge indossava un prezioso abito dorato disegnato da Jenny Packham, “una delle sue stiliste più amate”. Sull’abito di Camilla, invece, nessuno dice granché; ma per i motivi di questo generale disinteresse che da sempre accompagna Camilla si rimanda alla serie ‘The Crown’).


Anche le spie pescano (Nicola Dove © 2021 DANJAQ, LLC AND MGM)

Rape-symbol

Con Hans Zimmer a sviluppare il tema musicale di Monty Norman e la Bond-girl Billie Eilish nella Bond-song che porta il titolo del film, con un inizio filo-horror e un tantino epico, tra familiari sgommate, bombe a mano, salti nel vuoto, alcuni baci e altrettanto familiari facce – Ralph Fiennes (M), Ben Wishaw (Q), Christoph Waltz (Blofeld) – e soprattutto pallottole come se piovesse (tutte sapientemente schivate), questo 25esimo James Bond più umano più vero (cit.) offre tutto quanto la comunità jamesbondiana potesse attenderesi, completando l’accenno d’introspezione iniziato in ‘Skyfall’ (2012) e ferme restando le qualità di superuomo di un agente segreto mai così in discussione come dall’avvento del #MeeToo in avanti, ora che da sex symbol è andato sempre più trasformandosi in rape-symbol.

“Era Thunderball o Goldfinger quando Bond praticamente stupra una donna?”. Dell’eroe nazionale britannico, all’Hollywood Reporter, non aveva detto troppo bene Cary Fukunaga, il regista di ‘No Time To Die’ (Emmy per ‘True Detective’). Sotto accusa, ‘Agente 007 – Thunderball’, film del 1965 in cui Sean Connery bacia con la forza Molly Peters malgrado ella si opponga, “o quando la ricatta per comprare il suo silenzio a patto che vada a letto con lui. Lei dice no, no, no! Lui dice sì, sì, sì!”. Oggi, scene così – concludeva Fukunaga – non si potrebbero girare”. Detto con parole della produttrice Barbara Broccoli, “quella roba grazie al cielo non è più accettabile. Bond è un personaggio creato nel ’52, e il primo film è del ’62”.


Léa Seidoux (Nicola Dove © 2021 DANJAQ, LLC AND MGM)

‘Come sarebbe bello se fosse un gay’

Alla produzione, o “alla famiglia”, come la chiama John Landis (che rifiutò l’offerta di girare ‘Vendetta privata’) da tempo si chiede che James Bond diventi una James Bond. La risposta (criticata) di Craig, dichiaratosi “geloso del mio successore”, è stata un ‘no’, nel rispetto dei romanzi di Ian Fleming dai cui la saga cinematografica è tratta, ma con ampia licenza d’introdurre ruoli femminili di una certa importanza. Accade anche nel film in sala, dove la relazione tra Bond e l’agente dell’MI6 Nomi (l’attrice Lashana Lynch) diverte quanto basta e forse esclude la James Bond che una parte dell’establishment caldeggia. “Come sarebbe bello se James Bond fosse un gay”, ha dichiarato Ben Wishaw alla rivista ‘Attitude’. “Costituirebbe un segnale di progresso per l’industria del cinema dove gli attori dichiaratamente omosessuali ottengono parti da protagonista con fatica, specialmente in ambiti di action movie”. Per il momento, la saga s’accontenta dell’ingresso tra gli sceneggiatori di Phoebe Waller-Bridge (voluta da Craig, si dice), penna di ‘Killing Eve’ e ‘Fleabag’.


Rami Malek (Nicola Dove © 2021 DANJAQ, LLC AND MGM)

Il cattivo è Freddie Mercury

L’atteso e più volte rimandato ‘No Time To Die’ riparte dalla fine di ‘Spectre’ (2015, diretto da Danny Boyle) e dunque da Madeleine, da Léa Seydoux che a Cannes era più o meno in tutti i film in concorso e che ora riesce a far cadere amoroso (dal francese) uno 007 che con lei, tra Matera e Gravina di Puglia, trascorre i migliori ozi amorosi. Sorvolando sui motivi, l’azione prosegue nei migliori bar di Cuba, dove l’agente segreto che ha optato per la pensione, senza più Madeleine, riceve la visita dell’amico Felix Leiter (Jeffrey Wright): l’uomo della Cia gli chiede di “salvare uno scienziato rapito, missione che si rivela molto più infida del previsto, portando Bond sulle tracce di un misterioso criminale armato di una nuova, pericolosa tecnologia” (lo scrive la Universal e noi siamo a posto con #notimeforspoiler e con la coscienza).

Perseguitato per tutte le 2 ore e 40 minuti di film da uno scagnozzo che pare Mahmood e dal cattivo di turno che pare Freddie Mercury (Rami Malek, Oscar per ‘Bohemian Rhapsody’, Lyutsifer Safin nel film), Bond torna a Londra per darsi da fare. Perché come spesso accade, in gioco c’è il futuro dell’umanità messo a rischio da qualcosa che (si dice “involontariamente”, essendo la sceneggiatura di due anni più vecchia della pandemia) ha una certa affinità con i motivi per i quali il film giunge a noi soltanto ora (fine della sinossi, inizio del divertimento. Assicurato).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved