CHI Blackhawks
3
Detroit Red Wings
6
fine
(1-1 : 1-4 : 1-1)
VEGAS Knights
0
NY Islanders
1
1. tempo
(0-1)
space-jam-new-legends-divertente-nonostante-tutto
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

Cinque giovani svizzeri tra le vene aperte dell’Argentina

Partiti alla volta del Sudamerica, hanno fondato il gruppo Campo Abierto per promuovere la diversità culturale. Parola al ticinese Alessio De Gottardi
Spettacoli
8 ore

Con l’Osi a Parigi, ‘città dell’eterna giovinezza’

Applausi interminabili per un’esecuzione che ha unito il mestiere di orchestrali di lungo corso con lo stupore di studenti di Conservatorio
Società
9 ore

Sono oltre 4,5 miliardi gli utenti dei social media nel mondo

Il totale globale cresce al ritmo di un milione di nuove registrazioni al giorno. Nel 2022 il 60% della popolazione del pianeta avrà un account social
Spettacoli
11 ore

Al Sociale data supplementare per ‘Se la va la gh’ha i röd’

Biglietti a ruba: lo spettacolo della Compagnia teatrale Flavio Sala avrà una replica in più il prossimo fine settimana
Scienze
13 ore

Mendrisio, si va su Marte col professor Domenico Giardini

L’incontro con il geofisico italiano si inserisce nel ciclo ‘Emergenza Terra. Abitare, costruire, pensare un futuro sostenibile’ promosso dalla Supsi
Pensiero
13 ore

A Chiasso ‘Frenesia di progresso fra Otto e Novecento’

La conferenza del professor Gerardo Rigozzi, proposta dal Circolo ‘Cultura insieme’, condurrà in un viaggio tra Belle Époque, Positivismo e Futurismo
Scienze
13 ore

L’impatto dell’ambiente costruito sulla salute e il benessere

All’Usi lezione per il ciclo ‘Cultura e salute’. Con l’architetto Mario Botta, il salutogenic designer Alan Dilani e l’oncologa Gillessen Sommer
L'intervista
1 gior

Nocenzi e il Banco, tutto il senso dell’essere ‘Nati liberi’

A colloquio con Vittorio Nocenzi, padre fondatore, che da Tondo a Maroggia ha presentato la biografia della band (piccola lezione di musica segue)
Spettacoli
1 gior

Le eroine della commedia di Bindu de Stoppani

‘40enni in salita’, girato in Val di Blenio, avrà un’anteprima all’Iride di Lugano e poi sarà trasmesso dalla Rsi
Scienze
2 gior

Più dolci, meno sport: tra i bimbi cresce la Covibesity

I pediatri lanciano l’allarme: in Italia quattro bambini su dieci hanno peggiorato l’alimentazione. Sette consigli per ripristinare sani stili di vita
Culture
2 gior

Morto Bernard Haitink, celebre direttore d’orchestra

Ha guidato diverse tra le più grandi orchestre del mondo. Aveva 92 anni
Culture
2 gior

Quando la cultura fa bene alla salute

Enzo Grossi ha aperto il corso che l’Università della Svizzera italiana ha attivato per i futuri medici, sette incontri aperti a tutti
Spettacoli
25.09.2021 - 13:560
Aggiornamento : 26.09.2021 - 18:21

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi

Ed eccoci al cinema per vedere ‘Space Jam: new legends’ di Malcolm D. Lee. Dopo l’introduzione con un attore che interpreta un LeBron James bambino negli anni Novanta e il riassunto della carriera del campione della pallacanestro, vediamo il vero LeBron James, star dell’Nba, recitare. Ancora deve incontrare i Looney Tunes e diventare lui stesso, almeno temporaneamente, un cartone animato e ci viene in mente uno sketch di una decina di anni fa dello show di Jimmy Kimmel. Un fantastico Gary Oldman, dopo aver sottolineato l’impegno necessario per recitare bene, afferma che “come io, Gary Oldman, non mi unirei mai a una squadra dell’Nba semplicemente perché sono famoso, io Gary Oldman gradirei molto che i giocatori di pallacanestro stessero alla larga dai film”.

Per carità: Gary Oldman e Jimmy Kimmel ce l’avevamo con Shaquille O’Neal, non con LeBron James e neanche con Michael Jordan, protagonista del primo ‘Space Jam’ uscito negli anni Novanta. Ma, ecco, neanche questo sequel si regge sulla bravura attoriale di LeBron James (e da noi almeno è doppiato da un attore vero, ma sempre su YouTube si trovano alcuni spezzoni in lingua originale). ‘Space Jam: new legends’ non si regge neanche sull’originalità della trama, un patchwork di altri film. Curiosamente, quello dal quale meno si pesca è forse il primo ‘Space Jam’: resta l’idea centrale di far giocare una star dell’Nba con i personaggi dei Looney Tunes, unendo animazione e live-action, ma il contesto cambia e l’avventura di LeBron James nel mondo dei cartoni animati – o meglio di tutte le produzioni della Warner – diventa una storia di riconciliazione familiare presa da ‘Hook - Capitan Uncino’ di Spielberg, con il cattivo che cerca di mettere padre e figlio uno contro l’altro e il protagonista che deve capire l’importanza di sapersi divertire. Come in ‘Tron’ e ‘Matrix’, LeBron e suo figlio Dom vengono intrappolati in uno spazio digitale dalla malvagia intelligenza artificiale Al-G Rhythm (il bravo Don Cheadle); come in troppi film per citarne uno specifico, i buoni stanno perdendo finché non ritrovano fiducia in sé stessi e vincono, uno dei personaggi decide di sacrificarsi eccetera eccetera.

Intendiamoci: ‘Space Jam: new legends’ non è un brutto film, anzi. Ha un buon ritmo, scene divertenti, alterna varie tecniche di animazione (notevole la parte iniziale con Lola Bunny con Wonder Woman) e affronta con la giusta ironia i propri limiti, con gli executive della Warner Bros che decidono quali film produrre partendo non dalle idee ma dalle potenzialità del mercato e lo stesso LeBron James affermare pacifico che “non è una buona idea far recitare i giocatori di basket”.

Divertente l’idea d’inserire non solo i personaggi dei Looney Tunes, ma anche, con presenze più o meno estese, tutta una serie di altre produzioni Warner come i supereroi della Dc, il Signore degli Anelli, Trono di spade, Matrix, Austin Powers, Il mago di Oz, Casablanca, Il gigante di ferro, Mad Max, King Kong e altri ancora. Agli spettatori più giovani probabilmente sfuggono molte delle citazioni, ma risultano comunque divertenti. Resta il problema che, tenendo anche conto dei tanti product placement, dopo un po’ si ha l’impressione di star guardando, più che un film, uno spot di due ore e qualcosa.

Al film ha lavorato anche l’animatore ticinese, da anni attivo a Los Angeles, Amos Sussigan: presente all’anteprima locarnese, ha raccontato il suo lavoro di ‘concept artist’, in pratica quello che inizia a immaginare le cose fino a quel momento scritte nella sceneggiatura, oltre ad alcuni aneddoti sul set “dove di solito noi animatori non andiamo, ma questo è un film metà e metà”. Non tanto su LeBron James, che ovviamente aveva i suoi spazi separati dal resto della troupe, ma sulle comparse che nonostante il caldo dovevano restare tutto il giorno nei pesanti costumi dei personaggi Warner, dai drughi di ‘Arancia meccanica’ a Pennywise di ‘It’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved