ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica.
Culture
10 ore

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
11 ore

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
12 ore

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
Culture
12 ore

Laurea non più essenziale per posizioni da top manager

Per diverse grandi aziende come Google o Ibm i criteri principali per le assunzioni diventano ora esperienza e capacità
Musica
12 ore

L’Osi ‘Back to school’ tra gli studenti della Commercio

Nella Biblioteca cantonale di Bellinzona il secondo pomeriggio-concerto per avvicinare i giovani alla classica
Musica
12 ore

Lettere d’amore vendute all’asta, firmato Robert Zimmermann

Oltre quaranta messaggi sono stati battuti per 670mila dollari. Bob Dylan, intanto, si scusa per le firme apposte da una macchina sul suo recente libro
Scienze
13 ore

La Grande barriera corallina continua a degradarsi

Canberra chiamata a ‘fare di più’ dopo aver messo in campo sforzi ‘senza precedenti’ come evidenziato dall’Unesco
Arte
14 ore

L’opera di Alberto Giacometti trova una nuova casa a Parigi

Il Musée & École custodirà la più grande collezione al mondo, aprirà nel 2026 e sorgerà nell’edificio di Air France, situato nell’Esplanade des Invalides
Classica
15 ore

Beethoven, Mozart, Franck e Schubert con il flauto di Pahud

Il concerto del flautista Emmanuel Pahud accompagnato al pianoforte da Alexander Melnikov si svolgerà lunedì 5 dicembre, alle 20.30, al Lac di Lugano
Culture
15 ore

‘La nave dei folli’ di Brant è tornata a Friburgo

L’incunabolo di fine Quattrocento sottratto ai frati cappuccini dagli Stati Uniti è tornato alla Biblioteca universitaria cantonale, grazie all’Ambasciata
Cinema
17 ore

Castellinaria porta ‘Europa’ al PalaCinema di Locarno

Il quarto appuntamento della rassegna ‘10 Film Festival @ PalaCinema’ ospita il Festival del cinema giovane, giovedì 1° dicembre, alle 18
La recensione
17 ore

Vivian, Edward e Pretty Bryan

Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
18 ore

Il settore culturale ha sofferto il Covid, nonostante gli aiuti

I dati pubblicati dall’Ufficio di statistica rilevano come nel 2020 siano diminuiti impieghi e imprese attivi nell’ambito nella Svizzera tedesca e romanda
Conferenza
19 ore

Incontro su tabù e lo stigma per le vittime di violenza sessuale

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita la serata con ospiti Valentina Mira e Angela Andolfo Filippini, venerdì 2 dicembre, alle 18
Culture
22 ore

Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona

Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
03.09.2021 - 18:51
Aggiornamento: 19:14

Donne affaticate in Concorso a Venezia

Alla Mostra del cinema ‘Spencer’ di Pablo Larraín e ‘The Lost Daughter’ di Maggie Gyllenhaal. E il noioso 'Dune' di Villeneuve

di Ugo Brusaporco
donne-affaticate-in-concorso-a-venezia
Pablo Larraín e Kristen Stewart (Keystone)

La commedia è servita, in un Lido che trabocca di accrediti e pubblico: le proiezioni non sono sufficienti e allora tutti, per accaparrarsi gli ultimi posti, ne vanno alla ricerca anche durante le proiezioni, con conseguente ingorgo di telefonini accesi. Per rimediare, gli organizzatori si sono procurati migliaia di buste di plastica dove ognuno deve riporre il suo telefonino! Pazzesco, il Lido si è riempito di sacchettini di plastica: mentre Cannes pone tasse per la salvaguardia dell'ambiente, questa mostra veneziana non esita a inquinare, filosofie di diverse nazioni.
Per fortuna c’è il Cinema, e due film sono passati in Concorso capaci di far riflettere sull’originalità di essere donna e sul profondo divario che esiste tra i mondi femminili e maschili: ‘Spencer’ di Pablo Larraín e ‘The Lost Daughter’ di Maggie Gyllenhaal, qui alla sua opera seconda, dopo una fortunata carriera artistica condotta soprattutto in teatro.

‘Spencer’ di Larraín è un ritratto delicato e insieme puntuale di una leggenda, Lady D al secolo Diana Frances Spencer, da cui il titolo del film. Quel cognome, Spencer, imparentato nobilmente con la famiglia di Anna Bolena, la decapitata moglie del barbaro maschilista Enrico VIII: così sostiene il film che, fin dall’inizio, dichiara esplicitamente di non essere un biopic ma piuttosto una favola ispirata a una donna il cui funerale fu visto da oltre due miliardi di persone nel mondo. La Diana di Larraín è già madre. È una donna fragile, ma soprattutto inquietata dai suoi doveri istituzionali. Il regista si concentra su una festa di Natale in casa della Regina, dalla vigilia a Santo Stefano, il Boxing Day inglese. La vediamo arrivare in ritardo per il primo appuntamento regale alla guida della sua auto sportiva, incurante dei servizi di guardia e protezione, e da questo il regista la introduce nella favola strettamente privata che le ha, con delizia e malinconia, riservato. E il gioco è stupendo, anche per la bella recita di una fenomenale Kristen Stewart nel ruolo della protagonista. Non si dimentichi che Pablo Larraín è cileno, il suo sguardo in ambienti e situazioni è diverso da quello hollywoodiano o europeo, il risultato è un film che calibra bene il ruolo che nella vita della Principessa hanno avuto i luoghi e il loro peso nella sua esistenza. Larraín non si spaventa nel colorare ancor più di favola il suo narrare chiamando in scena la stessa Anna Bolena, amara consigliera, lei tradita dalla famiglia reale, e gli altri fantasmi giovanili di una appartenente alla famiglia reale che cercava solo la possibilità di mangiarsi hamburger e patatine con i propri figli. Di rilievo il lavoro ai costumi di Jacqueline Durran. Applausi meritati.
Applausi meritati anche per il coraggioso ‘The Lost Daughter’ di una Maggie Gyllenhaal, grande attrice al suo esordio come regista, a parte un episodio della serie tv ‘Homemade’. Qui offre a Olivia Colman il compito di confermarsi grande interprete portandola in un’isola greca nelle vesti di una professoressa universitaria che per la carriera ha abbandonato il marito e le due figlie. Come in ‘La Femme de nulle part’ di Delluc, la protagonista si trova a consigliare una giovane donna che vuole fuggire con il suo amante lasciando figlia e marito. È la storia di una donna che si ritrova sola in una vacanza che è solo un pretesto per piangersi addosso, ruba anche una bambola alla figlia della giovane donna, forse solo per far soffrire: “Sono cattiva”, confida a un uomo incontrato per caso. Ed è questa coscienza il baluardo che ha posto a tutte le sue giustificazioni. Infedele verso il marito, traditrice verso le sue bambine, felice di essere viva e capricciosa come una bambina che ruba la bambola all'amica per godersi da sola il dispetto. Come per Lady D è l’insoddisfazione di essere madri di fronte a un esempio di possesso maschile che ti concede solo di essere sbagliata. Il film è tratto dal romanzo ‘La figlia oscura’ di Elena Ferrante, leggendo il quale, ha dichiarato la regista, “mi sono sentita pervadere da una sensazione tanto strana e dolorosa quanto innegabilmente vera. Una parte nascosta della mia esperienza di madre, compagna e donna stava trovando voce per la prima volta. E ho pensato a come fosse entusiasmante e pericoloso dare vita a un’esperienza come quella non nella quiete e nella solitudine della lettura, ma in una stanza piena di esseri umani dotati di vita pulsante e sensazioni”.
Fuori Concorso è apparso l’attesissimo ‘Dune’ di Denis Villeneuve, una coproduzione tra Usa, Ungheria, Giordania, Emirati Arabi Uniti, Norvegia e Canada. Il film è tratto da quel ‘Dune’, primo capitolo del ciclo omonimo scritto da Frank Herbert che già aveva interessato il giovane David Lynch che ne aveva tratto un film di scarso successo economico. Denis Villeneuve ne propone una visione chiassosa, degna di un videogioco di vecchia generazione, ma soprattutto noiosa. Peccato, ma è solo la prima parte. Questo ‘Dune’ capitolo uno ci presenta la storia di Paul Atreides (l’intenso e attento Timothée Chalamet), figlio del duca Leto Atreides (Oscar Isaac) che ha accettato la gestione del pericoloso pianeta di Arrakis, noto come Dune, l'unica fonte della sostanza più preziosa dell’universo, “la spezia”. Paul giovane brillante e dotato di talento, nato per andare incontro a un destino più grande della sua immaginazione, con il padre e la madre (una bravissima Rebecca Ferguson) deve raggiungere il più pericoloso pianeta dell’universo per assicurare un futuro alla sua famiglia e al suo popolo, il padre muore, e lui e la madre affrontano il deserto e il resto succede nella seconda parte, qui ci si ferma all’incontro di Paul e sua madre con il popolo che poi comanderà. Poteva essere meglio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved