peter-zemp-vista-mare-e-la-bandella-prende-il-largo
La copertina, un quadro di Giacomo Antonini
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
9 ore

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
12 ore

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
13 ore

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
17 ore

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
1 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
1 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
1 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
1 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
1 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
1 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
1 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
2 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
2 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
2 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
2 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
2 gior

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
2 gior

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Musica
laR
 
27.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:51

Peter Zemp ‘vista mare’, e la bandella prende il largo

S'intitola 'bandella vista mare', bel progetto nato in un monolocale con vista sul mare di Lerici: a colloquio con l'autore

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il quadro di Giacomo Antonini, che del disco è copertina, è la sintesi laddove si voglia raccontare di ‘bandella vista mare’, opera di Peter Zemp con altri nove compagni di viaggio. Bastino gli scarponi sulla sabbia dei quattro davanti, o i due di spalle che, di montagna vestiti, guardano avanti dove il cielo incontra il mare. Registrato in presa diretta e mixato da Lara Persia allo Studio 2 della Rsi, ‘bandella vista mare’ è un ponte tra il Ticino e la Liguria. «Ho una certa età, sono in pensione da tre anni» spiega il 64enne Zemp, forse ignaro che Tony Bennett ha cantato sino ai 95.

«È sempre stato un mio sogno quello di trascorrere qualche mese al mare e la scelta è caduta, abbastanza casualmente, su Lerici, da semplice conoscitore della Liguria, un po’ come la conoscono tutti». Le tredici tracce dell’album vengono dunque da un monolocale vista mare sulla Riviera di Levante, abitato da Zemp per quattro mesi non qualsiasi, quelli che hanno preceduto l’esplosione della pandemia: «Sono rientrato da Lerici alla fine di febbraio, quando in Italia già c’era allarme e tanta confusione»; giusto in tempo per suonare a Zurigo con Pierino e i lupi, anche cd, all’interno di una formazione che comprendeva il milanese Paolo Botti: «Abbiamo suonato il primo di marzo, e poco dopo Paolo si è ritrovato rinchiuso in casa».

Lerici è terra di lunghe passeggiate, come quella che porta a San Terenzo, confluita in ‘Passeggiata a mare’, brano che apre l’album col rumore delle onde (ma è il fiato degli strumenti a fiato, e l’aria del mantice della fisarmonica). «Quello di Lerici è stato un periodo molto creativo, dove tutto è nato senza grande fatica». Periodo al termine del quale «mi sono detto che sarebbe stato bello dare forma a quanto scritto». I dieci di ‘bandella vista mare’, incluso Zemp (fisarmonica e composizione), sono Simone Mauri (clarinetto basso) e Santo Sgrò (percussioni e giocattoli), che arrivano da Pierino e i lupi, e tutti quelli di Chilometro Zero: Emanuele Delucchi (clarinetto), Benedetto Castelli (tromba), Stefano Piazza (corno), Daniele Giovannini (euphonium), Andrea Norghauer (basso tuba). «Con loro avevo già lavorato, per due brani scritti anni fa per l’Alpentöne Festival di Altdorf, rimanendo sorpreso positivamente dalle loro qualità». Completano la rosa il ticinese Matteo Mazza alla batteria e il sassofonista lucernese Albin Brun. «Ho fantasticato, ho chiesto la fattibilità del mettere insieme dieci persone, mi aspettavo di sentirmi dare del folle e invece l’ho fatto. L’ho dovuto fare».

È in questa formazione che ‘bandella vista mare’ ha esordito lo scorso 7 agosto a Vico Morcote, e così si presenterà il 13 novembre a Hochdorf, il 27 marzo del 2022 al Sociale di Bellinzona e il 3 aprile a Zurigo. In dieci, in barba al distanziamento. «Sì, riconosco che è una mezza pazzia».

Falso primanostrismo

Rubando al cantautore, quello di ‘bandella vista mare’ è un mare d’inverno: «Non sono il tipo da bagno sotto il sole, amo l’atmosfera tranquilla, con poca gente. Lerici d’estate è piuttosto gettonata, ma d’inverno è bella perché ha una sua vita, un cineclub, una biblioteca, il minimo indispensabile di quel che si può chiedere a una cittadina, a una comunità». Dal punto di vista musicale, quel ‘vista mare’ del titolo è l’idea di un suono che vada oltre la bandella come la conosciamo, o come preferiamo conoscerla da queste parti: «Sono cresciuto in una casa senza musica. Il papà strimpellava la fisarmonica, la nonna il pianoforte. Per me che sono nato nei pressi di Lucerna, la musica erano le bande e le bandelle, e la bandella, molto radicata in Ticino, allo stesso tempo è molto aperta. Le stesse musiche si suonano anche al nord, oltre che in Italia. Da noi è un concetto molto ‘prima i nostri’, e invece i musicisti locali sono andati a lavorare in Belgio, in Francia, tornando con musiche e ritmi ‘stranieri’». Ben vengano quindi la contaminazione e il superamento dell’idea che la bandella sia solo l’espressione di «due o tre che hanno bevuto troppo e fan baldoria. La bandella è anche quello, ma non solo. Il mio obiettivo, se ci sono riuscito non saprei, era garantire il rispetto di quel suono e di portarlo, grazie ai musicisti, al di fuori di questi confini».

‘bandella vista mare’, non a caso, è disco cosmopolita: dalla deandreiana ‘Solaro’ (piccolo villaggio sopra Lerici) a ‘Devoggio’ (piccolo villaggio sotto il Monte Generoso), dal ‘Friedberg-Jodel’ di Albin Brun (dalla collinetta di Lucerna dove ha casa il sassofonista) all’osteria milanese della bella e dispari ‘Cascina California’; dalla botta di vita di ‘Cheerab’ (appenzellese, ‘festa da ballo’) ai ricordi di Grecia in ‘Fiera’, fino a un’ultima traccia che sa di Mendrisiotto, ‘Valera’, isola verde sede dell’omonimo grotto. Per quanto possa interessare il lettore, chi scrive si è preso una mezza sbandata per ‘Tino’ (inteso come brano, traccia 11), che pare uscita da ‘Mediterraneo’ (inteso come mare, ma anche come film): «‘Tino’ è un’isoletta disabitata di fronte a Lerici, l’ho guardata a lungo dalla spiaggia. Sì, è vero, anche nel caso di Pierino e i lupi si parlò di musica da film e mi fa piacere. Trovo bello il fatto che la musica produca immagini, non importa quali, e non importa se le immagini sono diverse per tutti, anzi. È bello se a far viaggiare è la mente, ed è bello che sia una cosa più di cuore che di testa». E il cuore, in questo caso, vivamente ringrazia.


Nello Studio 2 della Rsi (foto: Micol Zardi)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bandella bandella vista mare lerici peter zemp rsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved