WAS Capitals
COL Avalanche
01:00
 
PIT Penguins
DAL Stars
01:00
 
NJ Devils
SEATTLE KRAKEN
01:00
 
TB Lightning
FLO Panthers
01:00
 
MON Canadiens
SJ Sharks
01:00
 
BUF Sabres
VAN Canucks
01:00
 
DETROIT RED WINGS
COB Jackets
01:30
 
peter-zemp-vista-mare-e-la-bandella-prende-il-largo
La copertina, un quadro di Giacomo Antonini
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
4 ore

Torna a vedere (per un po’) grazie a degli elettrodi

Il sistema messo a punto da un gruppo di ricercatori è stato testato su una donna non vedente spagnola
Spettacoli
5 ore

Locarno75, manifesto cercasi

Dopo il successo dello scorso anno, è aperto il concorso per l’immagine della 75ª edizione del Locarno film festival
Società
6 ore

Sotto la pelle del mondo trans

Intervista al regista romando Robin Harsch, autore di un documentario su tre giovani persone trans. Anteprima al Lux con una delle protagoniste
Musica
8 ore

Vittorio Nocenzi, la storia del Banco da Tondo a Maroggia

Venerdì 22 ottobre, il leader del Banco del Mutuo Soccorso presenta ‘Nati liberi’, volume che raccoglie l’intero percorso della storica formazione
Il ricordo
19 ore

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo
Lac
1 gior

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
1 gior

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
1 gior

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
1 gior

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
1 gior

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
1 gior

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
1 gior

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
1 gior

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
1 gior

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Spettacoli
2 gior

Altroquando festival svela il suo primo film

A Massagno il 3 e 4 dicembre, la prima edizione si aprirà con il film svedese Knocking, proposto in prima ticinese grazie a Nifff on Tour
Arte
2 gior

Arte, addio a Perilli, tra i padri nobili dell’astrattismo

Fondatore dello storico gruppo di ispirazione marxista Forma 1, Perilli aveva 94 anni
Culture
2 gior

I messaggi essenziali della poesia di Giampiero Neri

Il decano della poesia in lingua italiana ha pubblicato ‘Piazza Libia’ un percorso liberamente narrativo in cui emerge la sua natura antiretorica
Musica
 
27.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:51

Peter Zemp ‘vista mare’, e la bandella prende il largo

S'intitola 'bandella vista mare', bel progetto nato in un monolocale con vista sul mare di Lerici: a colloquio con l'autore

Il quadro di Giacomo Antonini, che del disco è copertina, è la sintesi laddove si voglia raccontare di ‘bandella vista mare’, opera di Peter Zemp con altri nove compagni di viaggio. Bastino gli scarponi sulla sabbia dei quattro davanti, o i due di spalle che, di montagna vestiti, guardano avanti dove il cielo incontra il mare. Registrato in presa diretta e mixato da Lara Persia allo Studio 2 della Rsi, ‘bandella vista mare’ è un ponte tra il Ticino e la Liguria. «Ho una certa età, sono in pensione da tre anni» spiega il 64enne Zemp, forse ignaro che Tony Bennett ha cantato sino ai 95.

«È sempre stato un mio sogno quello di trascorrere qualche mese al mare e la scelta è caduta, abbastanza casualmente, su Lerici, da semplice conoscitore della Liguria, un po’ come la conoscono tutti». Le tredici tracce dell’album vengono dunque da un monolocale vista mare sulla Riviera di Levante, abitato da Zemp per quattro mesi non qualsiasi, quelli che hanno preceduto l’esplosione della pandemia: «Sono rientrato da Lerici alla fine di febbraio, quando in Italia già c’era allarme e tanta confusione»; giusto in tempo per suonare a Zurigo con Pierino e i lupi, anche cd, all’interno di una formazione che comprendeva il milanese Paolo Botti: «Abbiamo suonato il primo di marzo, e poco dopo Paolo si è ritrovato rinchiuso in casa».

Lerici è terra di lunghe passeggiate, come quella che porta a San Terenzo, confluita in ‘Passeggiata a mare’, brano che apre l’album col rumore delle onde (ma è il fiato degli strumenti a fiato, e l’aria del mantice della fisarmonica). «Quello di Lerici è stato un periodo molto creativo, dove tutto è nato senza grande fatica». Periodo al termine del quale «mi sono detto che sarebbe stato bello dare forma a quanto scritto». I dieci di ‘bandella vista mare’, incluso Zemp (fisarmonica e composizione), sono Simone Mauri (clarinetto basso) e Santo Sgrò (percussioni e giocattoli), che arrivano da Pierino e i lupi, e tutti quelli di Chilometro Zero: Emanuele Delucchi (clarinetto), Benedetto Castelli (tromba), Stefano Piazza (corno), Daniele Giovannini (euphonium), Andrea Norghauer (basso tuba). «Con loro avevo già lavorato, per due brani scritti anni fa per l’Alpentöne Festival di Altdorf, rimanendo sorpreso positivamente dalle loro qualità». Completano la rosa il ticinese Matteo Mazza alla batteria e il sassofonista lucernese Albin Brun. «Ho fantasticato, ho chiesto la fattibilità del mettere insieme dieci persone, mi aspettavo di sentirmi dare del folle e invece l’ho fatto. L’ho dovuto fare».

È in questa formazione che ‘bandella vista mare’ ha esordito lo scorso 7 agosto a Vico Morcote, e così si presenterà il 13 novembre a Hochdorf, il 27 marzo del 2022 al Sociale di Bellinzona e il 3 aprile a Zurigo. In dieci, in barba al distanziamento. «Sì, riconosco che è una mezza pazzia».

Falso primanostrismo

Rubando al cantautore, quello di ‘bandella vista mare’ è un mare d’inverno: «Non sono il tipo da bagno sotto il sole, amo l’atmosfera tranquilla, con poca gente. Lerici d’estate è piuttosto gettonata, ma d’inverno è bella perché ha una sua vita, un cineclub, una biblioteca, il minimo indispensabile di quel che si può chiedere a una cittadina, a una comunità». Dal punto di vista musicale, quel ‘vista mare’ del titolo è l’idea di un suono che vada oltre la bandella come la conosciamo, o come preferiamo conoscerla da queste parti: «Sono cresciuto in una casa senza musica. Il papà strimpellava la fisarmonica, la nonna il pianoforte. Per me che sono nato nei pressi di Lucerna, la musica erano le bande e le bandelle, e la bandella, molto radicata in Ticino, allo stesso tempo è molto aperta. Le stesse musiche si suonano anche al nord, oltre che in Italia. Da noi è un concetto molto ‘prima i nostri’, e invece i musicisti locali sono andati a lavorare in Belgio, in Francia, tornando con musiche e ritmi ‘stranieri’». Ben vengano quindi la contaminazione e il superamento dell’idea che la bandella sia solo l’espressione di «due o tre che hanno bevuto troppo e fan baldoria. La bandella è anche quello, ma non solo. Il mio obiettivo, se ci sono riuscito non saprei, era garantire il rispetto di quel suono e di portarlo, grazie ai musicisti, al di fuori di questi confini».

‘bandella vista mare’, non a caso, è disco cosmopolita: dalla deandreiana ‘Solaro’ (piccolo villaggio sopra Lerici) a ‘Devoggio’ (piccolo villaggio sotto il Monte Generoso), dal ‘Friedberg-Jodel’ di Albin Brun (dalla collinetta di Lucerna dove ha casa il sassofonista) all’osteria milanese della bella e dispari ‘Cascina California’; dalla botta di vita di ‘Cheerab’ (appenzellese, ‘festa da ballo’) ai ricordi di Grecia in ‘Fiera’, fino a un’ultima traccia che sa di Mendrisiotto, ‘Valera’, isola verde sede dell’omonimo grotto. Per quanto possa interessare il lettore, chi scrive si è preso una mezza sbandata per ‘Tino’ (inteso come brano, traccia 11), che pare uscita da ‘Mediterraneo’ (inteso come mare, ma anche come film): «‘Tino’ è un’isoletta disabitata di fronte a Lerici, l’ho guardata a lungo dalla spiaggia. Sì, è vero, anche nel caso di Pierino e i lupi si parlò di musica da film e mi fa piacere. Trovo bello il fatto che la musica produca immagini, non importa quali, e non importa se le immagini sono diverse per tutti, anzi. È bello se a far viaggiare è la mente, ed è bello che sia una cosa più di cuore che di testa». E il cuore, in questo caso, vivamente ringrazia.


Nello Studio 2 della Rsi (foto: Micol Zardi)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved