ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
18 min

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica.
Culture
9 ore

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
10 ore

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
11 ore

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
Culture
11 ore

Laurea non più essenziale per posizioni da top manager

Per diverse grandi aziende come Google o Ibm i criteri principali per le assunzioni diventano ora esperienza e capacità
Musica
11 ore

L’Osi ‘Back to school’ tra gli studenti della Commercio

Nella Biblioteca cantonale di Bellinzona il secondo pomeriggio-concerto per avvicinare i giovani alla classica
Musica
12 ore

Lettere d’amore vendute all’asta, firmato Robert Zimmermann

Oltre quaranta messaggi sono stati battuti per 670mila dollari. Bob Dylan, intanto, si scusa per le firme apposte da una macchina sul suo recente libro
Scienze
12 ore

La Grande barriera corallina continua a degradarsi

Canberra chiamata a ‘fare di più’ dopo aver messo in campo sforzi ‘senza precedenti’ come evidenziato dall’Unesco
Arte
13 ore

L’opera di Alberto Giacometti trova una nuova casa a Parigi

Il Musée & École custodirà la più grande collezione al mondo, aprirà nel 2026 e sorgerà nell’edificio di Air France, situato nell’Esplanade des Invalides
Classica
14 ore

Beethoven, Mozart, Franck e Schubert con il flauto di Pahud

Il concerto del flautista Emmanuel Pahud accompagnato al pianoforte da Alexander Melnikov si svolgerà lunedì 5 dicembre, alle 20.30, al Lac di Lugano
Musica
21.08.2021 - 10:18

Marco Santilli Rossi, un lungo flashback 'All'ombra dei vigneti'

Quando c'è Rossi, il Santilli diventa pop. Anzi, 'art pop, ma non per essere snob'. Una nuova canzone che parla di sensazioni perdute, ma anche belle da ricordare.

marco-santilli-rossi-un-lungo-flashback-all-ombra-dei-vigneti
'Vieni a giocare fuori?'

Il trucco è noto, ma lo spieghiamo volentieri un’altra volta. Come un Dottor Jeckyll buono o un Clark Kent con meno muscoli, a volte Marco Santilli si trasforma in Marco Santilli Rossi e la musica cambia. Nel senso che Rossi è sinonimo di canto, di canzoni. È il Marco Santilli colto che diventa, coltamente, pop. Anzi, «art pop, ma non per essere snob», dice il protagonista di questo articolo, nel rispetto di un genere preciso, svilito per luoghi comuni e usura, e perché «anche in questa forma art pop resto musicista». Nello specifico: «Adoro cantautori come Dalla, che era un gran musicista, tra le altre cose, ma del cantautore si predilige spesso il testo impegnato, quando lo si può definire tale, e si pensa meno alla musica, intesa più come supporto».

Chiarite le basi di partenza, si può scendere nel nuovo singolo di Marco Santilli Rossi, che porta un titolo quasi dannunziano, ‘All’ombra dei vigneti’. E con la consueta invadenza nei testi altrui, chiediamo all’autore di guidarci tra i filari, lui col pallone tra i piedi, come da copertina, in quello che sembra – “Non ti ho lasciata ma, di te respiro l’aria” – un ritorno, o comunque un’aprire l’album dei ricordi. «Sì. Non so se chiamarli flashback, ma di questo si tratta». E la conferma ci apre ai significati di “Vieni fuori a giocare, come fosse ieri”, e a “Scendi in piazza a scherzare”, sempre come fosse ieri. «Un periodo favoloso, pieno di libertà, di gioco, di primi amori – “E se all’ombra dei vigneti scoprirai un po’ di me” – dove il gioco serale estivo è qualcosa che si perde con l’età adulta». Il libro dei ricordi non è solo giorni di sole. I “fiori d’ombra sbocciati altrove”, sono il nemo propheta in patria di chi si è realizzato altrove, «e fa bilanci, chiedendosi come sarebbe andata se fossi rimasto». Parla uno nato a Locarno – «Come nascevano tanti. Mi piace Locarno, ma ci sono solo nato» – realizzatosi professionalmente a Zurigo dopo l’infanzia trascorsa a Giornico, da cui ‘La Stüa’ del Santilli con un cognome solo (album del 2017 che trasuda Giornico dall’inizio alla fine) e soprattutto i vigneti della canzone di cui parliamo: «Giornico è il comune più a nord del Cantone che possiede vigneti. È qualcosa che in me genera, inevitabilmente, del romanticismo».

Team che vince non si cambia. Come in ‘Essere o umano’, poco più di un anno fa, co-produce Urs Wiesendanger nella già citata lunga e fattiva amicizia. «Come si fa oggi, più una prassi che un ‘desiderio’, pubblico singole canzoni per arrivare all’album», che uscirà in autunno e non ha ancora un titolo. «Spero e ci tengo, per tenerlo in vita il più a lungo possibile, di poterlo portare fuori dal vivo, adattandomi alle location piccole con situazioni, eventualmente, anche in trio». In tutto questo, Santilli senza Rossi sta ultimando l’album del nonetto. «Riesco a sdoppiarmi, è una forma mentis che riesco ad acquisire abbastanza rapidamente. Sono cresciuto musicalmente con tanti generi, e se il tempo me lo permettesse, credo che terrei ancora un piede anche nella classica». Per completezza d’informazione, l’ispirata e assai ben prodotta ‘All’ombra dei vigneti’ esce il 20 agosto. “In tutti gli store digitali”, come si dice in questi casi (il resto, è tutto su www.marcosantillirossi.com).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved