NY Rangers
3
PHI Flyers
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
Detroit Red Wings
0
Seattle Kraken
0
1. tempo
(0-0)
TOR Leafs
3
COL Avalanche
1
1. tempo
(3-1)
OTT Senators
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
nanci-griffith-amazing-grace
Nanci Griffith, 1953-2021 (foto: Bryan Ledgard)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
6 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
7 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
10 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
10 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
13 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
13 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
2 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
2 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Musica
 
21.08.2021 - 17:540

Nanci Griffith, amazing grace

Dall'evergreen all'album del Grammy, all'addio: breve storia di una misurata stella, sospesa tra folk e il miglior country

Una delle esperienze più frustranti per gli appassionati del genere Country è stato per molti anni andare da MediaMarkt, cercare le novità nell’apposito scaffale e trovarvi soltanto Dolly Parton e Johnny Cash. Accadeva anche nei negozi di dischi che non distinguevano tra country e folk. Dolly Parton e Johnny Cash in tutte le salse, ‘Collection’, ‘Platinum Collection, ‘Greatest Hits’, ‘The Best Of’. A volte si trovavano anche Kenny Rogers e John Denver. Oggi il problema è risolto: da Mediamarkt i cd non ci sono più e i negozi di dischi hanno chiuso. Restano gli stores digitali, dove Nanci Griffith, forse perché oggi quel particolare songwriting va sotto una più generale macrocategoria chiamata ‘Americana’ (è al femminile, ma vale anche per gli uomini), è ancora catalogata come ‘pop’ (a volte), ‘country’ (altre volte), o ‘cantautori’ (raramente, ma è ciò che è), categoria quest’ultima nella quale, per la moderna e bizzarra sete di classificazione, convivono James Taylor e Jennifer Love Hewitt, la Melinda Gordon della serie ‘Ghost Whisperer’, colei che accompagnava le anime inquiete nel transito verso l’aldilà (che comunque ha una bella voce).

Eddie e Rita

Scriviamo però di Nanci Griffith, graziosa stella per nulla vistosa del folk americano, spentasi lo scorso 13 agosto a Nashville all’età di 68 anni lontana da ogni clamore, dando ordine al proprio management di annunciare la sua dipartita la settimana successiva. Cresciuta a Austin Texas, a farsi le ossa dodicenne nei club locali, invaghita di Odetta e più tardi di Loretta Lynn, poi fattivamente a fianco di Lucinda Williams e Lyle Lovett, la sua carriera scorre nelle retrovie di etichette minori sino a una di quelle canzoni che cambiano la vita. La vita di altri.

‘Love at the Five and Dime’ è una piccola gemma contenuta sull’album ‘The Last of the True Believers’, con le armonie di Lyle Lovett, il banjo di Béla Fleck e il violino di Mark O’ Connor. Come ‘Anna e Marco’ nell’omonimo affresco di provincia di Lucio Dalla, ma più come Brenda ed Eddie, i sognatori di ‘Songs from an Italian Restaurant’ di Billy Joel, con il medesimo escamotage del viaggio indietro nel tempo per poi tornare al presente, anche in ‘Love at the Five and Dime’ c’è un Eddie, aspirante chitarrista professionista e valente ballerino che lavora in un negozio ‘five and dime’, una filiale della catena di supermarket Woolworths (così dice la copertina). La storia vuole che Eddie ami la 16enne Rita e che la porti con sé nei bar dove suona, fino a tardi; la madre di Rita osteggia il rapporto, i due si sposano, superano la perdita di un figlio fino a che tutto va a gambe all’aria per quella cosa che nelle band c’è sempre qualcuno che fa il filo alla tua ragazza (‘Rosie’, Jackson Browne, in quel caso è un batterista), e la coppia scoppia: Eddie fugge con la moglie del membro della band, ma in un presunto lieto fine i due si perdonano. Il salto nel tempo conclusivo, nella disillusione tipica dei sogni di provincia finiti male, ci porta all’oggi della canzone, con Eddie che ha l’artrite e non può più suonare una sola nota e adesso vende assicurazioni, e Rita che fa la casalinga e arrotonda part-time in un negozio, guarda caso, five and dime.

Altre voci, altre stanze

Negli anni della sua massima esposizione, qualcuno chiese a Nancy Griffith come si fosse sentita quando, nello stesso anno, la collega Kathy Mattea fece il botto con ‘Love at the Five and Dime’, da lei scritta; Griffith rispose, ironicamente, che si sentiva felice del fatto che la collega l’avrebbe potuta cantare per tutta la vita, e che lei non sarebbe stata obbligata a fare altrettanto. Per la legge che uno scricciolo non può sfondare le classifiche pop, la stessa cosa sarebbe accaduta nel 1987 con ‘From a distance’, ballad acustica che avrebbe dovuto fare da traino al passaggio di Griffith al colosso discografico MCA, divenuta tre anni più tardi un classico nella versione di Bette Midler, piena di piani elettrici, effetti speciali e un video con tutti i sacri crismi di Mtv.

Essere l’artista di un’etichetta convinta che la tua voce dia fastidio non dev’essere il massimo. E nei primi anni 90 in cui il country strizza l’occhio al pop, Nanci Griffith firma per la Elektra Records e pubblica nel 1993, con titolo dall’omonimo romanzo di Truman Capote, ‘Other Voices Other Rooms’, sentito tributo solo moderatamente pop a tutte le sue fonti ispiratrici, qua e là duettanti, come Emmylou Harris, Arlo Guthrie figlio di Woody, John Prine. Ai cori, nella conclusiva ‘Wimoweh’ (tradizionale sudafricano ‘rubacchiato’ dagli americani e diventato ‘The Lion Sleeps Tonight), c’è l’amata Odetta. Nel disco, Griffith canta Gordon Lightfoot, Townes Van Zandt, Woody Guthrie (‘Do Re Mi’), lo stesso Prine (‘Speed Of The Sound Of Loneliness’) e Dylan (‘Boots Of Spanish Leather’). Ne esce un misurato capolavoro acustico che vince un Grammy nel 1994 come Best contemporary folk album. Il seguito – ‘Other Voices, Too (A Trip Back to Bountiful)’ – avrà meno successo.

Tra blocchi della scrittrice e seri guai fisici, con la scrittura transitata dall’autodefinito ‘folkabilly’ fin dalle parti dell’impegno politico (‘The Loving Kind’, 2009, e in piazza per Occupy Wall Street), l’ultimo atto discografico di Griffith è ‘Intersections’, anno 2012, 20esimo e conclusivo atto liberatorio: “Ho messo in musica tutto quello che mi provocava dolore. È uscito tutto di getto. Forse doveva andare così”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved