NY Rangers
PHI Flyers
01:00
 
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
77-bombay-street-su-biasca-abbiamo-un-buon-feeling
Matt Buchli (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
4 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
6 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
9 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
9 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
12 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
12 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
Spettacoli
10.08.2021 - 14:590
Aggiornamento : 15:26

77 Bombay Street: 'Su Biasca abbiamo un buon feeling'

Sono uno dei due main act di Spartyto Open Air. Il 28 agosto a Biasca, in ottobre il nuovo disco 'Start Over’. Matt, il frontman: 'Anche per noi è un nuovo inizio'.

Sono quelli di ‘Up In The Sky’, se la si vuol dire in breve. Breve come i tre minuti e mezzo di un singolo a presa rapida che parlava di evasione, cantato dall’interno di una claustrofobica scatola bianca. Sono trascorsi dieci anni dal 2011, anno di pubblicazione di un album che portava come titolo quello del singolo, ‘Up In The Sky’ appunto, vincitore di un disco d’oro e uno di platino. Ma ci vollero due singoli prima che la title-track esplodesse (’47 Millionaires’ e ‘Long Way’). Un anno dopo, i 77 Bombay Street, per quella canzone, si sarebbero portati a casa due Swiss Music Awards 2012, uno per la Miglior canzone nazionale e un altro per il miglior album pop/rock, altrettanto nazionale. Più altri premi, prima e dopo. Li si aspettava a marzo 2020, i 77 Bombay Street, ed è andata com’è andata. Oggi – prima di continuare a Lachen, Berna, Soletta, Zurigo, Basilea e altra Svizzera pronta ad ascoltarli – i fratelli Buchli passano dalla Piazza Centrale di Biasca a impreziosire la due giorni di Spartyto, open air che li vede main act della serata di sabato 28 agosto, che è anche la serata dei ticinesi MakePlain e degli altrettanto ticinesi Joe Dallas & The Monks. Il giorno prima, venerdì 27 agosto, il main act sarà rappresentato dai Sinplus, per una triplice offerta completata dal Collettivo Terry Blue di Leo Pusterla e dai Midnight lovers & the Horny Horns.

Prima della pandemia, parlando di quel singolo apriporte, Matt – frontman e chitarra di una band di fratelli che include anche Joe, Esra e Simri-Ramon Buchli – diceva di “un brano molto semplice che ha il potere di rendere di buonumore, una qualità che di questi tempi non è proprio secondaria”. Buonumore ancor più attuale oggi. «Mi sembra che sognare, sperare in un posto migliore, come quello che descriviamo in ‘Up In The Sky’ – spiega oggi Matt a laRegione – aiuti a vivere, specialmente durante questa crisi sanitaria». Il Buchli che canta si fa tramite del momento di felicità derivante dal poter tornare a suonare: «È fantastico, l’abbiamo aspettato tanto. In questo momento suoniamo molto io ed Esra, in piccole location, in una forma più flessibile che non l’intera band. Per noi è importante avere il feedback dalla gente e sentire la gioia e la felicità che genera la musica».

Tra l'Africa e Scharans

Tanto tempo è passato da quel singolo. La vita più recente dei 77 Bombay Street è viaggiata sui binari di ‘Train Home’, acustica che più acustica non si può, elementare nel migliore dei casi, chitarre e voci che si caricano un pianoforte, un basso e l’essenziale di un drum set per reggere semplici concetti come “And I remember your pretty face, the most beautiful thing in this place”, e l’intimità di prendere insieme un treno che porta a casa. «‘Train Home’ è basata in parte su di una storia vera, integrata con un’altra parte romanzata. Non mi va di dire troppo, è qualcosa di estremamente personale alla quale, affinché funzionasse non solo per me, ho pensato di aggiungere della fiction per renderla più appetibile».

La bella ‘Train Home’ è il prologo a ‘Start Over’, futuro e quarto episodio d’inediti dei quattro ‘bro’ basilesi trasferitisi ad Adelaide, Australia, al numero 77 di Bombay Street apposta per dare il nome alla band (si scherza, naturalmente. Comunque, il nome viene da lì). «L’album è stato registrato a Zurigo. Alcuni pezzi li ho scritti in Africa, dove mi trovavo per la mia tesi di scienze dell’alimentazione, altri li abbiamo scritti insieme a Scharans. È un disco molto personale e anche un po’ inusuale visto che parliamo anche d’amore, sul quale generalmente non scriviamo tanto. Ma si parla anche di natura e di tutte le cose che ci motivano. ‘Start Over’ anche perché è un nuovo inizio per noi, abbiamo avuto una lunga pausa, l’ultimo album risale a 6 anni fa».

Per finire. «Su Biasca abbiamo un bel feeling – conclude Matt – ma lo abbiamo sempre sul Ticino in generale. Sarà perché ci piacciono i climi caldi, o sarà l’approccio del pubblico ticinese, che canta sempre con noi. Amiamo la loro mentalità. Anche per questo a Biasca daremo tutto quello che abbiamo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved