Salernitana
0
Atalanta
1
fine
(0-0)
Ajoie
4
Ambrì
0
fine
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
fine
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Zugo
2
Friborgo
1
fine
(1-1 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
Langnau
2
Zurigo
6
fine
(0-1 : 1-4 : 1-1)
Lakers
5
Losanna
1
fine
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
fine
(1-1 : 1-2 : 1-2)
festival-film-friburgo-post-pandemia-piu-forti-ora-il-futuro
Il direttore artistico Thierry Jobin, a sinistra, e il presidente Mathieu Fleury (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
4 ore

Pizzicannella, ‘Rito di passaggio’: niente sarà più come prima

Per i quattro protagonisti, e per l’autore del romanzo Alessio Pizzicannella, al suo esordio letterario per Baldini+Castoldi: l’intervista
Arte
12 ore

Morto lo scrittore e pittore grigionese Jacques Guidon

Nato a Zernez nel 1931, aveva lavorato come insegnante prima di intraprendere diversi viaggi di studio e di lavoro in Europa, Stati Uniti, Messico e Canada
Arte
1 gior

‘Paesaggi a confronto’ a Villa dei Cedri

Dal 18 settembre a Bellinzona, curato da Carole Haensler, l’omaggio alla pittura paesaggistica elvetica dalla seconda metà del XIX secolo alla Prima guerra mondiale
Spettacoli
1 gior

Concerto per l’infanzia, al Fevi c’è Loredana Bertè

Si aggiunge ai grandi nomi del tradizionale appuntamento locarnese. Sabato 18 settembre alle 21, tappa ticinese del ‘Figlia di... Summer Tour’
Culture
1 gior

L’Accademia di architettura secondo Walter Angonese

Il nuovo direttore, entrato in carica al posto di Riccardo Blumer, ha incontrato la stampa per parlare delle sfide che attendono l’istituzione
Culture
1 gior

Il teatro spagnolo piange Alfonso Sastre

Figura intellettuale di lunga traiettoria e caratterizzata dall’impegno politico anti-franchista e di sinistra, si è spento nei Paesi Baschi
Spettacoli
1 gior

Addio a Jane Powell, star di ‘Sette spose per sette fratelli’

Stella hollywoodiana, si è spenta nel Connecticut all’età di 92 anni. Recitò con Fred Astaire in ‘Sua altezza si sposa’
Musica
1 gior

Il Jazz Cat Club ricomincia da De Piscopo-Moroni-Zunino

’Around Pino’ è il concerto in programma lunedì 20 settembre alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona, dedicato da De Piscopo all’amico fraterno Pino Daniele
Musica
1 gior

Il tour d’addio di Elton John slitta al 2023, Zurigo inclusa

Colpa del dolore persistente all’anca dopo una caduta, per la quale è prevista l’operazione. L’appuntamento all’Hallenstadion è rimandato per il 1° e il 2 luglio 2023
Musica
1 gior

Rod Stewart torna inedito con ‘The Tears of Hercules’

Il singolo ‘One More Time’ è già pubblicato, l’album esce il 12 novembre: ‘Credo che questo sia il mio miglior album in molti anni’, scrive l’artista britannico
Rsi
1 gior

‘Kabul prima del buio’, appunti di viaggio

Tra le pieghe del documentario con Philippe Blanc, che con Roberto Antonini ha raccontato per la Rsi la capitale afghana poco prima del ritorno dei talebani
Cinema
28.07.2021 - 16:480

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022

La 35esima edizione si è chiusa domenica scorsa con la vittoria dell'ivoriano ‘La Nuit des Rois’ di Philippe Lacôte (una produzione Costa d'Avorio, Francia, Canada, Senegal), gradito bis del cinema africano, trionfatore delle ultime due edizioni. Forte dell'aver ritrovato ritmo e pubblico, sopravvissuto alla crisi di Covid-19, il Festival internazionale del film di Friburgo (Fiff) dichiara le sue future ambizioni in vista del nuovo appuntamento, atteso fra soli otto mesi. “Il Fiff è uscito più forte dalla pandemia”, ha dichiarato il suo presidente Mathieu Fleury a Keystone-Ats. “Gli ultimi 18 mesi hanno permesso di rafforzare i legami con la comunità di supporto e il mondo cinematografico. A questo stadio, rappresenta un ritorno alla normalità”. Per il direttore artistico Thierry Jobin, “quello di quest'anno è un successo umano”, quello si una squadra “consolidata e rifocalizzata”, convinzione che è anche di entrambi.

Jobin ha definito lo svolgimento in luglio “una scoperta”; gli ha fatto eco Fleury, orgoglioso di come il festival abbia “spianato la strada a una stagione sconosciuta, con nuove pratiche”, con particolare riferimento alla cerimonia d'apertura “trasformata in una creazione musicale”. Preso atto che “il pubblico non è più abituato agli incontri collettivi” – il sole non ha favorito l'offerta all'aperto – ma che “i festival avranno un ruolo centrale nel riportarlo a poco a poco”, gli occhi di presidente e direttore artistico guardano già alla 36esima edizione in programma dal 18 al 27 marzo 2022: Jobin desidera continuare a far votare il pubblico, come accaduto per il cinque classici della commedia musicale scelti da 300 votanti lo scorso autunno per l'edizione appena conclusa; e intende anche potenziare l'offerta per le famiglie, organizzare una notte di proiezione e, ancora, proporre una “incredibile serata a sorpresa”. Oltre a garantire il bilinguismo, che grazie a nuovi sostegni della Confederazione e del Canton Friburgo verrà considerato come obiettivo quasi raggiunto a partire dal 2022 con la sottotitolazione di tutti i film in tedesco. Mathieu Fleury , dal canto suo, evoca la necessità di aumentare il budget dedicato all'ospitalità. Non tutte le stelle, infatti, rinunciano ai 5 stelle di Berna per alberghi di Friburgo come quest'anno Etienne Daho, e il festival può accogliere al massimo 5-10 invitati, oltre a giuria e cineasti in competizione. Fleury ha un secondo timore: quello di un contraccolpo della pandemia nei prossimi due o tre anni, quando le sovvenzioni scompariranno.

Con il risultato dell'offerta online ancora da contabilizzare – la quindicina di film disponibili tramite il sito del festival fino al 15 agosto – la frequentazione 2021 è inferiore ai quasi 45mila spettatori del pre-pandemia. Dato comunque limitato: “Speravamo di raggiungere il 50% delle cifre del 2019 e certamente siamo ben al di sopra”, rassicura Jobin, che ora si appresta a visitare cinematograficamente Locarno, Venezia e, se possibile, Toronto, per riprendere contatti finalmente personali. Per il futuro, il festival intende offrire incontri con esponenti della cultura, come il già citato Daho o il regista messicano Guillermo del Toro, protagonista di una masterclass in collegamento da Los Angeles lo scorso 18 luglio. Forte dell'appoggio di Fleury, desideroso di supportare la “dolce follia“ del direttore artistico, Jobin ha un sogno: ospitare a Friburgo un regista del calibro di Guillermo del Toro in veste di formatore degli studenti di cinema. Perché il Fiff – dice Fleury – “non è né il festival delle prime né delle star, ma un evento dove si riflette con pancia e cuore e dove ci si riunisce per buone ragioni”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved