Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(3-2)
leo-pusterla-la-dove-tutto-e-ri-cominciato
Leo Pusterla (foto: Andrea Cosentino)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
3 ore

Premio Möbius Multimedia, annunciati i finalisti

La 25esima edizione si terrà i prossimi 15 e 16 ottobre allo Studio 2 della Rsi a Lugano-Besso
Casa della Letteratura
3 ore

Viaggio tra le scritture di Doris Femminis Luca Brunoni

A Lugano il 30 settembre, oltre le letture, attraverso sei oggetti, i due autori esporranno sguardi, paure, punti di atterraggio, ispirazioni e progetti futuri
Spettacoli
5 ore

Il Festival Internazionale del Teatro al via con ‘Fedra’

Parte con due prime assolute la 30esima edizione del Fit Festival. Primo atto, il nuovo lavoro di Leonardo Lidi, che torna a collaborare con il Lac
Spettacoli
7 ore

‘Vaccinatevi!’, ve lo chiedono gli Stones

In occasione della data di St. Louis, l’appello ai fan a recarsi allo stadio vaccinati, e se non vaccinati, almeno avendo fatto il tampone
Spettacoli
9 ore

Tony Awards, Broadway incorona ‘Moulin Rouge!’

Dieci premi per l’adattamento teatrale del film con Nicole KIdman ed Ewan McGregor, tra i quali Miglior Musica e Miglior Attore in un musical, Aaron Tveit. 
Società
15 ore

Abraham Yehoshua e la pace di uno Stato binazionale

Lo scrittore israeliano in esclusiva a ‘Naufraghi’: il progetto di una Federazione che sancisca finalmente la pace, ‘un sogno possibile’
Società
23 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
1 gior

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
1 gior

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
1 gior

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
1 gior

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
1 gior

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
1 gior

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Spettacoli
2 gior

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi
Teatro San Materno
 
26.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:26

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'

“Quindi, cosa c’è il ventotto?”, chiede Eleonora; “Mmm… il 28 luglio alle 18.30, al Teatro San Materno, Terry Blue Duo, in attesa di ritrovare tutto il Collettivo in settembre per una data che non vediamo l’ora di annunciarvi”, risponde Leo. È la pacifica chiamata alle armi su facebook del Collettivo Terry Blue per dirigere verso Ascona fan, amici e semplici conoscenti. La data l’hanno già detta Leo Pusterla, band leader, ed Eleonora Gioveni, la più recente acquisizione della formazione ticinese. «Non è un vero e proprio concerto – spiega alla ‘Regione’ il primo – nel senso che è fuori dalla programmazione del Teatro San Materno, ma che comunque ha scelto di metterci a disposizione i propri spazi». Fiducia, e garanzia.

In formato ridotto – Leo ed Eleonora – Terry Blue portano la versione elettronica di ‘Only To Be There’ (Areasonica), il ricco ultimo lavoro di Pusterla e compagni uscito lo scorso 6 aprile. «È una tappa di un piccolo tour che in modo autonomo io ed Eleonora ci siamo organizzati tra Milano e la Svizzera, poche date concesseci dopo la riapertura. E a questa teniamo particolarmente, un po’ per l’unicità del posto, un po’ perché lo scorso anno aveva ospitato il mio primo spettacolo con mio padre». Era il 4 di luglio del 2020 e in ‘Davanti alle sbarre’, padre e figlio mettevano in dialogo poesie inedite e musica sul tema del lockdown. «L’idea di tornare qui mi è piaciuta anche concettualmente: quella con mio padre fu la prima uscita dall’isolamento, che aprì a piccole cose, piccoli concerti; tornare nello stesso luogo dopo un inverno che non è stato facile per nessuno ha un significato particolare». Motivo in più per fare dell’evento «qualcosa d’indimenticabile». Dopo il San Materno, il Collettivo rimetterà piede in Ticino venerdì 27 agosto per l’open air di Spartyto, insieme a – spalmati tra venerdì 27 e sabato 28 – Sinplus, Make Plain, 77 Bombay Street e altri ancora. «Scegliamo queste poche date in Ticino in modo accorto, affinché siano posti particolari, situazioni speciali», prosegue Leo, parlando – riferito al San Materno – di un concerto diverso: «Sto cercando di applicare tutto quanto ho imparato in questi anni di Accademia del Suono a Milano, città in cui questa proposta piace, ha colpito, riceviamo ingaggi. Spero succeda la stessa cosa in Ticino». E quindi «loopstation con sintetizzatore, batteria elettronica, ma tutto suonato live. E un processore vocale con diversi effetti applicati alla voce di Eleonora per cercare di ricostruire quello che abbiamo creato nel disco, molto difficile da riproporre dal vivo. La pasta del suono è molto simile, pur senza l’impatto del gruppo».

‘Milano ti mangia’

Milano, a proposito. «Ci stanno chiamando abbastanza spesso, nei locali piccoli, perché i grandi club sono ancora chiusi e stanno organizzando la sessione invernale. Mi muovo tra lavori di mix che arrivano dalla città e da fuori, anche se a volte mi chiedo quanto durerò a Milano, che è una città di una frenesia paurosa. C’è così tanto da fare che a volte ti lasci prendere e non hai più un secondo per te. Se non stai attento, Milano ti mangia. Sto ancora prendendo le misure, mettiamola così». Comunque andrà a Milano, Leo è in piena fase di apertura al dialogo: «Sto lavorando insieme con Julie Meletta a qualcosa che prima o poi verrà alla luce, sto lavorando a distanza con Frank Salis, con gli Everything Counts e poi vorrei portare avanti il ruolo di produttore artistico, ho vari piccoli progetti di cantautorato inedito di giovani ragazzi che si stanno affidando a me per curare i propri lavori, una cosa che sentivo di voler fare anche per ottenere più elasticità possibile». Nel senso che «sarebbe un attimo ricreare il mondo Terry Blue, ma non è quello che voglio fare. Cerco di differenziare il tutto perché credo che questa varietà possa aiutare anche noi come Collettivo, a livello musicale, in un secondo tempo».

C’è un’ultima notizia: il prossimo 29 settembre – questa volta con il Collettivo al completo – showcase a ReteTre. Un ritorno, quello di Leo Pusterla alla Rsi, che la notte del 28 giugno scorso suonò dopo Francia-Svizzera (a proposito di notti indimenticabili…).


Eleonora Gioveni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved