se-il-festival-di-cannes-non-ci-fosse-bisognerebbe-inventarlo
Foto Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 sec

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
25 min

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
38 min

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
2 ore

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
3 ore

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
4 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
8 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
9 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
11 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
SULLA CROISETTE
18.07.2021 - 17:51

Se il Festival di Cannes non ci fosse bisognerebbe inventarlo

Un'edizione che al tempo stesso è stata grande, per l'ottimo cinema che ha saputo presentare, e dolorosa, per l'ombra della pandemia

di Ugo Brusaporco

Per comprendere cosa è stato quest'anno il Festival di Cannes, al di là del palmarès, al di là dei film in competizione, al di là di ogni giudizio, basti pensare a una delle nuove sezioni nate per dar spazio a film il cui percorso la pandemia ha cambiato. Prendiamo ad esempio la sezione denominata ‘Cannes Première’ per scoprirne i titoli: ‘Belle’ di Mamoru Hosoda, ‘Cette Musique Ne Joue Pour Personne’ di Samuel Benchetrit, ‘Cow’ di Andrea Arnold, ‘Dangsin-Eolgul-Apeseo’ di Hong Sangsoo, ‘Evolution’ di Kornél Mundruczó, ‘Jane Par Charlotte’ (Jane By Charlotte) di Charlotte Gainsbourg, ‘Jfk Revisited: Through The Looking Glass’ di Oliver Stone, ‘Marx Può Aspettare’ di Marco Bellocchio, ‘Mothering Sunday’ di Eva Husson, ‘Serre Moi Fort’ di Mathieu Amalric, ‘Tromperie’ di Arnaud Desplechin, ‘Val’ di Ting Poo e Leo Scott con Val Kilmer, ‘Vortex’ di Gaspar Noé con Dario Argento. Come si legge, da sola una selezione che avrebbe fatto da luce per ogni festival e che qui è restata in dorata ombra. È l’opulenza di un festival dove straborda la bellezza del cinema.

Spiagge buie, locali chiusi

Eppure quest'anno anche Cannes ha pagato organizzativamente il peso della pandemia. Essere a Cannes in luglio, in piena stagione turistica, non è stato facile. Mal si combinavano le esigenze festivaliere con quelle dei turisti, unica fortuna il fatto che entrambe le formazioni si sono viste ridotte. Il buio delle spiagge la notte era drammatico, le stesse ospitavano le feste più glamour ed esclusive fino al 2019, ed è stato il buio del Carlton e di molti locali chiusi, tutti vittime di questa drammaticamente strana pandemia.

Lunghissime code per i controlli sanitari

Lo stesso, senza sala stampa, con l’obbligo di rincorrere online i biglietti per le proiezioni, con l'impossibilità di incontrarsi tra operatori e giornalisti, con file incredibili per i controlli sanitari e di sicurezza. C'è stata un'unica certezza, sempre, la sala che si fa buia e lo schermo che si illumina. Altra certezza è data dai film che riesci a vedere e da quelli che non riesci a raccontare, più di cinque film al giorno è difficile e poi ti accorgi che per vederne uno devi uscire di sala del precedente dieci minuti prima.

Pur sempre col cuore in gola

Perché a Cannes hai coscienza di quanto sia formidabile il Cinema come esclusiva arte, come alta espressione umana, e si resta ancora con il cuore in gola a ripensare a film come ‘De Son Vivant’ (titolo internazionale Peaceful) di Emmanuelle Bercot. Un film sulla vita vissuta e sulla morte da vivere. Un film che racconta di un attore di teatro (un intenso Crystal Benoit Magimel) che a quarant'anni si scopre condannato a morire per un cancro letale. Un film su una madre crudele che per il bene del figlio gli ha rovinato tragicamente la vita, con una splendida Catherine Deneuve. Un film che dice di ognuno e di quello che facciamo del nostro vivere, un film che bene incarna il cammino del festival di quest'anno, grande e doloroso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bilancio cannes cinema festival ombra pandemia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved