Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(4-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
se-il-festival-di-cannes-non-ci-fosse-bisognerebbe-inventarlo
Foto Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Streaming
3 min

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
1 ora

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
4 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
4 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
7 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
7 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
SULLA CROISETTE
18.07.2021 - 17:510

Se il Festival di Cannes non ci fosse bisognerebbe inventarlo

Un'edizione che al tempo stesso è stata grande, per l'ottimo cinema che ha saputo presentare, e dolorosa, per l'ombra della pandemia

Per comprendere cosa è stato quest'anno il Festival di Cannes, al di là del palmarès, al di là dei film in competizione, al di là di ogni giudizio, basti pensare a una delle nuove sezioni nate per dar spazio a film il cui percorso la pandemia ha cambiato. Prendiamo ad esempio la sezione denominata ‘Cannes Première’ per scoprirne i titoli: ‘Belle’ di Mamoru Hosoda, ‘Cette Musique Ne Joue Pour Personne’ di Samuel Benchetrit, ‘Cow’ di Andrea Arnold, ‘Dangsin-Eolgul-Apeseo’ di Hong Sangsoo, ‘Evolution’ di Kornél Mundruczó, ‘Jane Par Charlotte’ (Jane By Charlotte) di Charlotte Gainsbourg, ‘Jfk Revisited: Through The Looking Glass’ di Oliver Stone, ‘Marx Può Aspettare’ di Marco Bellocchio, ‘Mothering Sunday’ di Eva Husson, ‘Serre Moi Fort’ di Mathieu Amalric, ‘Tromperie’ di Arnaud Desplechin, ‘Val’ di Ting Poo e Leo Scott con Val Kilmer, ‘Vortex’ di Gaspar Noé con Dario Argento. Come si legge, da sola una selezione che avrebbe fatto da luce per ogni festival e che qui è restata in dorata ombra. È l’opulenza di un festival dove straborda la bellezza del cinema.

Spiagge buie, locali chiusi

Eppure quest'anno anche Cannes ha pagato organizzativamente il peso della pandemia. Essere a Cannes in luglio, in piena stagione turistica, non è stato facile. Mal si combinavano le esigenze festivaliere con quelle dei turisti, unica fortuna il fatto che entrambe le formazioni si sono viste ridotte. Il buio delle spiagge la notte era drammatico, le stesse ospitavano le feste più glamour ed esclusive fino al 2019, ed è stato il buio del Carlton e di molti locali chiusi, tutti vittime di questa drammaticamente strana pandemia.

Lunghissime code per i controlli sanitari

Lo stesso, senza sala stampa, con l’obbligo di rincorrere online i biglietti per le proiezioni, con l'impossibilità di incontrarsi tra operatori e giornalisti, con file incredibili per i controlli sanitari e di sicurezza. C'è stata un'unica certezza, sempre, la sala che si fa buia e lo schermo che si illumina. Altra certezza è data dai film che riesci a vedere e da quelli che non riesci a raccontare, più di cinque film al giorno è difficile e poi ti accorgi che per vederne uno devi uscire di sala del precedente dieci minuti prima.

Pur sempre col cuore in gola

Perché a Cannes hai coscienza di quanto sia formidabile il Cinema come esclusiva arte, come alta espressione umana, e si resta ancora con il cuore in gola a ripensare a film come ‘De Son Vivant’ (titolo internazionale Peaceful) di Emmanuelle Bercot. Un film sulla vita vissuta e sulla morte da vivere. Un film che racconta di un attore di teatro (un intenso Crystal Benoit Magimel) che a quarant'anni si scopre condannato a morire per un cancro letale. Un film su una madre crudele che per il bene del figlio gli ha rovinato tragicamente la vita, con una splendida Catherine Deneuve. Un film che dice di ognuno e di quello che facciamo del nostro vivere, un film che bene incarna il cammino del festival di quest'anno, grande e doloroso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved