i-settant-anni-di-baglioni-in-questa-storia-che-e-la-nostra
Claudio Baglioni (foto: Alessandro Dobici)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
3 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
6 ore

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
8 ore

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
8 ore

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
8 ore

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
10 ore

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
14 ore

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Spettacoli
1 gior

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi
Spettacoli
2 gior

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
2 gior

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
2 gior

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
2 gior

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
2 gior

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
2 gior

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
2 gior

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
2 gior

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
2 gior

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
3 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
3 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Spettacoli
3 gior

Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano

‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Scienze
3 gior

Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio

Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
3 gior

‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato

Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
4 gior

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Scienze
4 gior

Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia

Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano
Spettacoli
15.05.2021 - 12:260
Aggiornamento : 12:47

I settant'anni di Baglioni, in questa storia che è la nostra

Per Ennio Morricone, ‘Audio Bagliori’, soprannome di un cantastorie che domenica 16 maggio compie settant'anni, non necessariamente tutti d'amore

Dopo un concerto di qualche anno fa, Ennio Morricone lo aveva ribattezzato ‘Audio Bagliori’. ‘Audio’ da ‘Audio’ e ‘Bagliori’ da flash, lampi di luce. E ‘Audio Bagliori’, dalla pagina social, il giorno in cui il Maestro se n’era andato, lo aveva salutato così: “Io che ho avuto l’onore e il privilegio di conoscerti e lavorare con te, ti mando un saluto e mi firmo come ti piaceva chiamarmi”. In un libro intitolato molto semplicemente ‘Cantastorie’ (Einaudi, 2005), un Ennio Morricone vivo e vegeto dava un’altra definizione dannatamente perfetta di Claudio Baglioni, settant’anni domani: “Nelle sue canzoni sono assenti i ‘vizi’ e le ‘furberie’ di altri suoi colleghi (furberie e vizi che non critico data la ricerca finale del successo), con il risultato morale e musicale di grande purezza e dignità”.

Di tutto il concetto – oltre a quello splendido inciso sul successo, stante il fatto che in pochi scrivono scientemente qualcosa di veramente brutto – il complimento più bello è “morale”, perché nell’intera produzione di Baglioni, uno da un album ogni cinque anni (e l’ultimo, ‘In questa storia che è la mia’, dopo sette), non c’è un solo atto di dubbia moralità musicale. Semmai cose riuscite e cose meno riuscite. O anche, cose che possono piacere e altre che possono non piacere, ma nel rispetto di quella musica leggera mai troppo leggera, da scriversi al massimo delle possibilità. Evolvendo ed evolvendosi. “Certo – dice Morricone in quella prefazione – forse Claudio non pensa a un risultato ‘scientifico’ dei suoi temi, sono quasi certo (non certissimo) che tutto questo sia il risultato di una sua geniale intuizione. Ciò non toglie nulla al valore tecnico della sua tematica che credo sia assoluto”. Conclusione alla quale lo stesso Morricone giungeva dopo una canzone “di cui non ricordo il titolo”, dice, ascoltata all’Arena di Verona dopo un po’ di anni e dopo il successo di ‘Questo piccolo grande amore’: “In quella canzone – spiegava il Maestro – trovai una logica nella successione degli intervalli che nelle canzoni non esiste quasi mai. A casa l’analizzai, e scoprii che l’intuizione all’ascolto era giusta. Da allora mi diverto a scoprire la logica delle sue melodie”.

Respiro

Chissà qual era la canzone “di cui non ricordo il titolo”. Magari era una cosa semplice, uno dei grandi successi estivi di Baglioni, di quelli che Morricone arrangiava quand’era giovane. Oppure era ‘Fammi andar via’ (dall’album ‘Io sono qui’, 1995), quando il cantastorie portò musicalmente l’asticella più in alto, nel crescendo dichiaratamente operistico che accompagna il racconto di uno dei tanti dolorosi addii senza un addio, la disperata pretesa del diritto all’oblio di un non più amato (“E se andrai lontano / Fa’ che non sia troppo fuori mano / O trova un posto irraggiungibile”). Un addio dai tempi dilatati, gli stessi di ‘Tamburi lontani’ (da ‘Oltre’, 1990), un allestimento, un incedere da Cirque du Soleil per un lento, interminabile scorrere di affetti a forma d’albero; gli stessi tempi lenti di ‘A Clà’, dialogo fra sé e sé, fra l’artista e l’uomo abbandonato per lasciargli spazio (all’artista), ultima traccia da ‘Viaggiatore sulla coda del tempo’, 1999; lo stesso ampio respiro da romanza più tardi contenuto in ‘Come ti dirò’, dall’ultimo album d’inediti, il sedicesimo.

Stelle minori

‘Fammi andar via’, ‘Tamburi lontani’, ‘A Clà’, ‘Come ti dirò’. Le chiamano stelle minori, o non le chiamano affatto, perché oggi contano i singoli. Nel celebrare Claudio Baglioni l’artista riempistadi, passato in cinquant’anni di carriera dalle ragazzine urlanti, poi mamme di ragazzine urlanti che accompagnano ragazzine urlanti allo stadio, e infine nonne non più urlanti ma sempre applaudenti (e sempre allo stadio), qualcuno, parlando di lui, ancora preferisce fermarsi alle canzoni in riva al mare e alle storie che finiscono, concedendosi al massimo qualche inno generazionale senza tempo, un gancio in mezzo al cielo da ‘Strada Facendo’ o l’attimo fuggente de ‘La vita è adesso’, tralasciando piccoli lampi di poesia non necessariamente sentimentalista come ‘Gagarin’ (“Io vestito da robot / Per primo volai”), o come la guerra in ‘Ninna nanna nanna ninna’, il “gran giro di quattrini” riassunto dal Trilussa e messo dal Baglioni in musica, o tutti gli ‘Uomini persi’ dal mondo, la constatazione che “Anche quei pazzi che hanno sparato alle persone / Bucandole come biglietti da annullare” un tempo sono stati bambini, e “Hanno pensato che i morti li coprissero / Perché non prendessero freddo e il sonno fosse lieve”. Due canzoni, queste ultime, portate sul palco di Amnesty International a Torino, anno 1988, e oggetto di lapidazione da parte di un pubblico che a parlare di guerra avrebbe preferito Vasco o magari Zucchero, in versi pacifisti come “con le mani sbucci le cipolle”.

Ma Baglioni è sopravvissuto al Comunale di Torino e pur tra mille insicurezze è andato oltre. Con ‘Oltre’ (1990), pozzo senza fondo dal quale tutti hanno attinto, album dalla gestazione complicata, quello di ‘Mille giorni di te e di me’ (si chiamano ‘singoli’, fanno vendere tanti dischi, non è peccato, ci si assicura la pensione), ma anche quello di ‘Stelle di stelle’, duetto-non duetto con Mia Martini, due voci che si rincorrono sino alla fine, sfiorandosi, senza incontrarsi mai. E prima che “la musica è bella tutta”, prima che J-Ax duettasse con Al Bano, prima che tutti volessero cantare con Cristina D’Avena ma ci sono voluti trent’anni, Claudio Baglioni si metteva in gioco in un programma di culto della tv italiana, ‘Anima mia’, cantando ‘Sandokan’, ‘Pippi Calzelunghe’, ‘Ufo Robot’, ‘Buonasera dottore’. È tutto, splendidamente arrangiato insieme al chitarrista di sempre, Paolo Gianolio, in un disco che si chiama ‘Anime in gioco’ (1997). Ci sarebbe anche un Claudio Baglioni a Napoli, ‘InCanto tra pianoforte e voce’, tre ore di repertorio voce e pianoforte, suonato da sé. Ecco, la lista è finita. Era solo per confutare l’equazione Claudio Baglioni-uguale-Questo piccolo grande amore.

Gli anni più belli

Abbiamo iniziato con ‘Cantastorie’; abbiamo parlato di un cantastorie; finiamo ancora con ‘Cantastorie’. Alla prefazione del Maestro su quel libro con dentro tutti i testi, dalla esageratamente, disperatamente triste ‘Notte di Natale’ (1970) alla più ottimistica ‘Crescendo e cercando’ (2005), si univa un ulteriore scritto di Giuseppe (da Morricone amichevolmente detto ‘Peppuccio’) Tornatore, aperto da una domanda di carattere cinematografico: “Può la musica somigliare a un volto? Il protagonista di uno dei miei film ne era convinto. Credeva che a ogni essere umano corrispondesse una melodia, una soltanto, diversa da quella di tutti gli altri”. Come le impronte digitali. Un concetto “da cinematografari” che per Tornatore conduceva a quelle voci (“Rare eccezioni”) che hanno “il potere di evocare intere stagioni della nostra storia”. Chiude così, Peppuccio: “Claudio Baglioni è l’apriti sesamo di un covo segreto dove si conservano intatti i profumi, i colori e le emozioni della nostra giovinezza. E gliene siamo grati due volte, perché, ancora oggi, qualunque canzone egli canti, il miracolo torna fatalmente a ripetersi”. Come in ‘Gli anni più belli’, bella canzone di un film bruttino di poco tempo fa, gli anni ormai alle spalle, “con le ferite dei duelli e spalle di fardelli”, ma anche gli anni in cui si possono scrivere grandi album come ‘In questa storia che è la mia’, da riascoltarsi live in streaming il prossimo 2 giugno dal Teatro dell’Opera di Roma. Una storia che è la sua, ma che è anche la nostra.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved