claudio-baglioni-questo-piccolo-grande-album
“Un album fatto a mano” (foto: Alessandro Dobici)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
7 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
7 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
8 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
10 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
13 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
13 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
14 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
14 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
2 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Figli delle stelle
25.12.2020 - 08:000
Aggiornamento : 28.12.2020 - 22:28

Claudio Baglioni, questo piccolo grande album

Claudio Baglioni, ‘In questa storia che è la mia’ - ★★★★★ - Potevamo stupirvi con effetti speciali, e invece è solo musica. Benedetta.

Abbiamo tempo fino a marzo per scrivere di Coma Cose, Fulminacci, Madame, Gio Evan, Aiello e Random, i nuovi ‘grandi’ della canzone italiana in base ai più recenti criteri di selezione sanremese. Nel frattempo, possiamo festeggiare il ritorno di un cantautore 69enne che ha segnato la storia di Sanremo (da direttore artistico) ma soprattutto quella della canzone italiana tutta, già in tempi in cui in classifica c’erano brani con un sacco di accordi complicati e singoli lunghi fino a sei minuti. Ecco, forse ‘Questo piccolo grande amore’ non è proprio ‘Bohemian Rhapsody’, ma il periodo era quello, anno più anno meno. E quanto agli accordi complicati, i detrattori di Claudio Baglioni non riescono, di norma, nemmeno a suonare ‘Questo piccolo grande amore’ per intero, in quanto scrittura troppo complessa. Figuriamoci i capolavori contenuti in ‘Oltre’, imprescindibile album del Baglioni di trent’anni fa che col tempo ha messo d’accordo tutti, anche gli avversi ai sentimentalismi (sui quali, tra l’altro, gli chansonnier francesi ci hanno costruito un impero).

Claudio Baglioni è tornato con un album di canzoni inedite intitolato ‘In questa storia che è la mia’, disco uscito il 4 dicembre scorso e che alla data di oggi – esauritasi l’euforia di chi è di parte ma deve scrivere recensioni super partes – resta un piccolo, addirittura inaspettato gioiello che va molto oltre il lieve smarrimento dato da ‘Con voi’ (2013). Baglioni torna e, lungi dalle strategie discografiche imperanti – mettere nell’album un paio di duetti con quelli che oggi vendono più del titolare dell'opera – si presenta da solo, con le sue canzoni. A piedi nudi (vedi in fondo alla pagina), vocalmente integro, parla alla stampa di un disco “fatto a mano e interamente suonato” e costruito “su linee melodiche e processi armonici che la musica popolare sembra offrire sempre meno”. Dichiara anche, Baglioni, che il nuovo album è figlio di ‘Oltre’ (1990, “il papà”) e di ‘Strada facendo’ (1981, “la mamma”).

Quanto alla mamma, il titolo ‘In questa storia che è la mia’ dice tutto di un album autobiografico che negli interludi di collegamento tra canzoni – che alla fine vanno a comporre la traccia 19, ‘Uomo di varie età’, ultimo singolo — riporta in vita ’51 Montesacro’, a puntate su ‘Strada facendo’, tra brano e brano, a raccontare il transito umano del Baglioni sino al 1981 (splendidamente rivisitata, coi singoli capitoli uniti in un unico brano, ’51 Montesacro’ è ascoltabile anche tutta intera nel live ‘Buon viaggio della vita’, anno 2007).

Quanto al padre, ‘Oltre’, come negare che ‘In questa storia che è la mia’ non vi siano echi di quell’album: ‘Pioggia blu’, ‘In un mondo nuovo’ (una più ottimistica ‘Noi no’) o ‘Io non sono lì’, che pesca da ‘Mille giorni di te e di me’, e se anche i protagonisti non vanno via di schiena, comunque si tratta di un “amore che appassì”, come da manuale della chanson d’amour. Per chiudere il discorso sulle parentele: se ‘Oltre’ è il padre e ‘Strada facendo’ la madre, la zia o lo zio sono ‘Io sono qui’, album del 1995 al quale questo nuovo lavoro tende per piacevolezza e immediatezza d’ascolto (plurimo). E ‘Altrove e qui’, in apertura, sembra arrivare da lì.

In un disco che vuole celebrare un’intera carriera, ad arrangiare il tutto ci sono Celso Valli e Paolo Gianolio, due dei punti di riferimento da ‘La vita è adesso’ in avanti, con Gavin Harrison alla batteria, con le figurazioni tom-rullante che sono non meno marchio di fabbrica. Anche quando i colpi sono pochi, come nella splendida romanza ‘Come ti dirò’, o nell’altrettanto lirica ‘Mal d’amore’.

Per concludere, per arrivare a ‘Finestoria’, ultima strumentale traccia. “E una canzone neanche questa potrà mai cambiar la vita", cantava il Nostro in ‘Strada facendo’. Prima che l’‘Uomo di varie età’ dica la sua, ‘Dodici note’, traccia 18, si può anche leggere come inno alla musica, che a suo modo la vita la cambia. Non a caso, ‘In questa storia che è la mia’, la storia pare anche un po’ la nostra, noi “con le ferite dei duelli e le spalle di fardelli”, noi che siamo stati “lupi e agnelli, con l’anima a brandelli”, noi che in ‘Gli anni più belli’, bellissimo tema di un non proprio bellissimo film, troviamo un altro, nostalgico, motivante gancio in mezzo al cielo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved