WAS Capitals
4
COL Avalanche
2
2. tempo
(2-1 : 2-1)
PIT Penguins
1
DAL Stars
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
NJ Devils
2
SEATTLE KRAKEN
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
TB Lightning
0
FLO Panthers
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
MON Canadiens
0
SJ Sharks
4
2. tempo
(0-3 : 0-1)
BUF Sabres
2
VAN Canucks
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
DETROIT RED WINGS
0
COB Jackets
0
1. tempo
(0-0)
MIN Wild
1
WIN Jets
2
1. tempo
(1-2)
EDM Oilers
ANA Ducks
03:00
 
claudio-baglioni-questo-piccolo-grande-album
“Un album fatto a mano” (foto: Alessandro Dobici)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
6 ore

Torna a vedere (per un po’) grazie a degli elettrodi

Il sistema messo a punto da un gruppo di ricercatori è stato testato su una donna non vedente spagnola
Spettacoli
7 ore

Locarno75, manifesto cercasi

Dopo il successo dello scorso anno, è aperto il concorso per l’immagine della 75ª edizione del Locarno film festival
Società
8 ore

Sotto la pelle del mondo trans

Intervista al regista romando Robin Harsch, autore di un documentario su tre giovani persone trans. Anteprima al Lux con una delle protagoniste
Musica
10 ore

Vittorio Nocenzi, la storia del Banco da Tondo a Maroggia

Venerdì 22 ottobre, il leader del Banco del Mutuo Soccorso presenta ‘Nati liberi’, volume che raccoglie l’intero percorso della storica formazione
Il ricordo
21 ore

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo
Lac
1 gior

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
1 gior

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
1 gior

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
1 gior

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
1 gior

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
1 gior

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
1 gior

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
1 gior

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
1 gior

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Spettacoli
2 gior

Altroquando festival svela il suo primo film

A Massagno il 3 e 4 dicembre, la prima edizione si aprirà con il film svedese Knocking, proposto in prima ticinese grazie a Nifff on Tour
Arte
2 gior

Arte, addio a Perilli, tra i padri nobili dell’astrattismo

Fondatore dello storico gruppo di ispirazione marxista Forma 1, Perilli aveva 94 anni
Figli delle stelle
25.12.2020 - 08:000
Aggiornamento : 28.12.2020 - 22:28

Claudio Baglioni, questo piccolo grande album

Claudio Baglioni, ‘In questa storia che è la mia’ - ★★★★★ - Potevamo stupirvi con effetti speciali, e invece è solo musica. Benedetta.

Abbiamo tempo fino a marzo per scrivere di Coma Cose, Fulminacci, Madame, Gio Evan, Aiello e Random, i nuovi ‘grandi’ della canzone italiana in base ai più recenti criteri di selezione sanremese. Nel frattempo, possiamo festeggiare il ritorno di un cantautore 69enne che ha segnato la storia di Sanremo (da direttore artistico) ma soprattutto quella della canzone italiana tutta, già in tempi in cui in classifica c’erano brani con un sacco di accordi complicati e singoli lunghi fino a sei minuti. Ecco, forse ‘Questo piccolo grande amore’ non è proprio ‘Bohemian Rhapsody’, ma il periodo era quello, anno più anno meno. E quanto agli accordi complicati, i detrattori di Claudio Baglioni non riescono, di norma, nemmeno a suonare ‘Questo piccolo grande amore’ per intero, in quanto scrittura troppo complessa. Figuriamoci i capolavori contenuti in ‘Oltre’, imprescindibile album del Baglioni di trent’anni fa che col tempo ha messo d’accordo tutti, anche gli avversi ai sentimentalismi (sui quali, tra l’altro, gli chansonnier francesi ci hanno costruito un impero).

Claudio Baglioni è tornato con un album di canzoni inedite intitolato ‘In questa storia che è la mia’, disco uscito il 4 dicembre scorso e che alla data di oggi – esauritasi l’euforia di chi è di parte ma deve scrivere recensioni super partes – resta un piccolo, addirittura inaspettato gioiello che va molto oltre il lieve smarrimento dato da ‘Con voi’ (2013). Baglioni torna e, lungi dalle strategie discografiche imperanti – mettere nell’album un paio di duetti con quelli che oggi vendono più del titolare dell'opera – si presenta da solo, con le sue canzoni. A piedi nudi (vedi in fondo alla pagina), vocalmente integro, parla alla stampa di un disco “fatto a mano e interamente suonato” e costruito “su linee melodiche e processi armonici che la musica popolare sembra offrire sempre meno”. Dichiara anche, Baglioni, che il nuovo album è figlio di ‘Oltre’ (1990, “il papà”) e di ‘Strada facendo’ (1981, “la mamma”).

Quanto alla mamma, il titolo ‘In questa storia che è la mia’ dice tutto di un album autobiografico che negli interludi di collegamento tra canzoni – che alla fine vanno a comporre la traccia 19, ‘Uomo di varie età’, ultimo singolo — riporta in vita ’51 Montesacro’, a puntate su ‘Strada facendo’, tra brano e brano, a raccontare il transito umano del Baglioni sino al 1981 (splendidamente rivisitata, coi singoli capitoli uniti in un unico brano, ’51 Montesacro’ è ascoltabile anche tutta intera nel live ‘Buon viaggio della vita’, anno 2007).

Quanto al padre, ‘Oltre’, come negare che ‘In questa storia che è la mia’ non vi siano echi di quell’album: ‘Pioggia blu’, ‘In un mondo nuovo’ (una più ottimistica ‘Noi no’) o ‘Io non sono lì’, che pesca da ‘Mille giorni di te e di me’, e se anche i protagonisti non vanno via di schiena, comunque si tratta di un “amore che appassì”, come da manuale della chanson d’amour. Per chiudere il discorso sulle parentele: se ‘Oltre’ è il padre e ‘Strada facendo’ la madre, la zia o lo zio sono ‘Io sono qui’, album del 1995 al quale questo nuovo lavoro tende per piacevolezza e immediatezza d’ascolto (plurimo). E ‘Altrove e qui’, in apertura, sembra arrivare da lì.

In un disco che vuole celebrare un’intera carriera, ad arrangiare il tutto ci sono Celso Valli e Paolo Gianolio, due dei punti di riferimento da ‘La vita è adesso’ in avanti, con Gavin Harrison alla batteria, con le figurazioni tom-rullante che sono non meno marchio di fabbrica. Anche quando i colpi sono pochi, come nella splendida romanza ‘Come ti dirò’, o nell’altrettanto lirica ‘Mal d’amore’.

Per concludere, per arrivare a ‘Finestoria’, ultima strumentale traccia. “E una canzone neanche questa potrà mai cambiar la vita", cantava il Nostro in ‘Strada facendo’. Prima che l’‘Uomo di varie età’ dica la sua, ‘Dodici note’, traccia 18, si può anche leggere come inno alla musica, che a suo modo la vita la cambia. Non a caso, ‘In questa storia che è la mia’, la storia pare anche un po’ la nostra, noi “con le ferite dei duelli e le spalle di fardelli”, noi che siamo stati “lupi e agnelli, con l’anima a brandelli”, noi che in ‘Gli anni più belli’, bellissimo tema di un non proprio bellissimo film, troviamo un altro, nostalgico, motivante gancio in mezzo al cielo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved