villi-hermann-ottant-anni-di-arte-del-cinema
Ospite alle Giornate di Soletta (foto moduleplus)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
3 ore

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
3 ore

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
5 ore

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
5 ore

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
11 ore

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
17 ore

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
1 gior

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
1 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
1 gior

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
1 gior

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
1 gior

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
1 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
2 gior

Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’

Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
2 gior

Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla

Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
2 gior

Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’

All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
2 gior

L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022

Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
3 gior

Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)

C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
3 gior

Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso

Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
Spettacoli
3 gior

Eurovision: al Museo della Rai, aspettando la finale

Dopo giorni e giorni di canzoni, pensieri divagatori e nostalgiche visioni da un luogo (interattivo) per audiofili e nostalgici del tubo catodico
Spettacoli
4 gior

A LuganoMusica iniziano le Nuove generazioni

Con la pianista Marie-Ange Nguci si apre la rassegna dedicata ai giovani talenti
Società
4 gior

Anche i musei bacchettano Kim Kardashian

Monta la polemica dopo la scelta dell’influencer di sfilare con lo storico abito indossato da Marilyn Monroe per fare gli auguri a Jfk
locarno75
4 gior

Locarno Kids, aperte le iscrizioni per gli Atelier du Futur

Presentata una nuova iniziativa creativa per adolescenti
Arte
4 gior

Il tempo del diluvio tra arte e scienza

Il 17 maggio al Lac un dialogo tra l’artista Stefano Cagol e lo scienziato Massimo Bernardi
Scienze
4 gior

Eclissi lunare il 16 maggio, visibile in parte anche in Svizzera

Nella notte tra 15 e 16 maggio la cosiddetta ‘Luna Rossa’ sarà visibile anche dalla Svizzera, ma solo per la prima parte: il culmine all’alba
Culture
4 gior

ChiassoLetteraria: la storia degli uomini vista dal mare

Intervista a David Abulafia, professore emerito all’Università di Cambridge e ospite, domenica, del festival di Chiasso
laR
 
08.05.2021 - 05:20

Villi Hermann, ottant’anni di arte del cinema

Il regista e produttore malcantonese si racconta in un’intervista per il suo ottantesimo compleanno (e i quarant’anni della sua Imagofilm)

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Doveva essere un’intervista sulla sua carriera di regista e produttore, ma si è trasformata in una lunga chiacchierata sul cinema e su tanto altro. Del resto, gli ottant’anni di Villi Hermann non si possono risolvere con due domande, anche perché il compleanno si sovrappone all’anniversario dei quarant’anni della sua Imagofilm, la casa di produzione di tanti suoi lavori e di film come ‘Sinestesia’ di Erik Bernasconi, ‘Tutti giù’ e ‘Atlas’ di Niccolò Castelli e ‘Cronofobia’ di Francesco Rizzi. Le Giornate cinematografiche di Soletta, che nell’ultima edizioni gli hanno dedicato la sezione Rencontre, e la Ticino film commission gli rendono omaggio con una serie di interviste – disponibili online su ticinofilmcommission.ch – e mentre la piattaforma Play Suisse aggiunge nuovi titoli diretti o prodotti da Villi Hermann, la Rsi trasmette – domenica su La1 nell’ambito di Paganini – il suo documentario ‘Dj Mafio. Positive Vibes’ e arriva il dvd del già citato ‘Cronofobia’.

E in sala? Presto dovrebbe arrivare ‘Atlas’ di Castelli, ma certo questo non è il momento migliore per il cinema. «Ma non solo per il cinema – precisa subito Villi Hermann –, anche il teatro, la musica… l’è düra. E poi andare al cinema con solo trenta o quaranta persone non è molto sociale».

Però le sale finalmente stanno riaprendo.

Il mio timore è che i film svizzeri non avranno spazi, quando arriveranno le grandi produzioni americane e poi i film dei festival, di Locarno, di Venezia, di Cannes… forse il pomeriggio alle sei troveranno uno spazio.

Abbiamo passato un anno brutto: magari adesso la situazione cambia, però le persone hanno preso l’abitudine di guardare tutto in streaming, specialmente i giovani.

Io la vedo male per i giovani cineasti: per loro il futuro non è chiaro, non sanno che cosa fare. Tutti vogliono fare le serie, ma non so quanto questo possa essere un futuro. Non so se il cinema andrà avanti come lo abbiamo conosciuto noi, con le sale e le piazze.

A proposito di serie tv: se non sbaglio è un campo che non ha mai esplorato.

Io no, mai. La Rsi, tre o quattro anni fa, ci aveva proposto di pensare alla creazione di una serie ma è morta lì, perché dicevano di non avere i mezzi. Poi c’è stato un concorso, però io la vedo male: praticamente nessuno qui ha un’esperienza nel campo e clonare quello che fanno in altre nazioni non mi sembra una soluzione. Creare qualcosa di nuovo è difficile: ci sono le webserie del mio amico Alberto Meroni, questa magari è una via percorribile, ma semplicemente copiare le grandi serie tv non credo. Costano troppo e come si dice oggi “è business”: in una serie si investe perché la si vuole anche vendere, ma la gente oggi è abbastanza “viziata” per le location, gli attori, le storie e una serie fatta in economia non ha mercato.

Per i film invece?

Per i film secondo me c’è sempre l’etichetta – forse un po’ fasulla, ma io credo anche un po’ vera – della cultura: la gente va al cinema perché cerca qualcosa d’altro, il piacere di essere stimolati. Con una serie tv credo sia molto più difficile.

Già che stiamo facendo un discorso di produzione più che di regia: perché quarant’anni fa deciso di fare il salto con la Imagofilm?

Perché faccio il produttore? Perché – magari sono un po’ troppo svizzero in questo – mi piace avere il controllo di tutto, scegliere gli attori, la troupe, decidere come e dove spendere i soldi, insieme al regista per i film che produco per altri. Come produttore io andavo anche nelle sale per controllare se la proiezione era nel formato corretto, mi ricordo che ogni tanto ho litigato con l’esercente perché spegneva il proiettore durante i titoli di coda. Santo cielo, un po’ di rispetto! Ci sono attori, tecnici, collaboratori, amici, sponsor che hanno contribuito a realizzare il film!

Prendere tutto in mano.

Il produttore deve fare anche quello. E la stessa cosa con la televisione: a me fa male quando si programma uno dei nostri film alle 11 di sera quando tutti vanno a dormire perché al mattino dopo bisogna alzarsi presto. D’altronde investono nei nostri film, qual è il senso di trasmetterlo la sera tardi?

Ma soprattutto il produttore deve decidere dove investire i soldi. Ad esempio: nel’ultimo film di Castelli, ‘Atlas’, l’attentato si poteva fare con un grosso boom e un po’ di fumo, ma ci siamo detti che no, l’esplosione era una cosa importante e bisogna investirci tempi e denaro e cerchiamo di risparmiare in altre parti della produzione.

Questo, appunto, anche per i film non suoi. 

Ho fatto il produttore prima per i miei film, poi sono arrivati Castelli, Meroni, Bernasconi, Rizzi a chiedermi se gli producevo i film. Ma più che un produttore, sono un amico che ci tiene a alla loro storia. E poi volevo aggiornarmi. Ho iniziato a lavorare con la pellicola e non sono uno di quelli che si legge i manuali tecnici: lavorando con i giovani ho fatto il mio tirocinio imparando da loro il digitale, sia il montaggio sia le riprese perché quando possibile mi piace fare io stesso l’operatore.

Gli inizi della carriera da regista, invece, come sono stati?

Io ho fatto una scuola a Londra, perché – come si dice, “figlio di operai” – non avevo la formazione universitaria necessaria per le altre scuole di cinema, mentre a Londra bisognava solo presentare un dossier, cosa che ho fatto con alcune fotografie e l’idea per un film. Dopo tre anni a Londra, ho iniziato a fare cortometraggi: costano poco, li puoi girare da solo e magari riesci anche a convincere gli amici a lavorare non dico gratis, ma diciamo a impegnarsi tanto per poco. Poi ho iniziato a pensare a lungometraggi: ‘San Gottardo’, ‘Innocenza’, ‘Matlosa’. Secondo me è importante, anche prima di iniziare a sognare di fare un lungometraggio, fare due o tre cortometraggi per fare un po’ di tirocinio, capire come lavorare con altri perché fare un film non è un lavoro solitario: il cinema si fa sempre in compagnia.

Ma che cosa l’ha spinta verso il cinema?

Io volevo fare l’artista: ho frequentato una scuola d’arte a Lucerna, poi in Germania e a Parigi. Volevo fare il pittore, ho anche fatto due o tre mostre ma a un certo momento ho capito che la tela mi limitava, mentre il cinema mi dava molta più libertà con l’immagine in movimento, il suono. Ma non ero un fanatico che da piccolo frequentava le sale cinematografiche.

Che tipo di storie deve raccontare un film? Il cinema deve riflettere sulla società?

Beh, sì: come cineasta e come produttore non ho mai fatto un film perché richiesto o perché “di moda”, ma ho sempre cercato di fare un film perché c’è qualcosa che mi sta a cuore. Magari raccontare qualcosa che è stato dimenticato o nascosto, per esempio certi documentari che ho fatto sulla Seconda guerra mondiale hanno richiamato l’attenzione su certi aspetti. Tutti i miei film sono partiti da qualcosa che sentivo il bisogno di dire.

Il film sui frontalieri, ‘Cerchiamo per subito operai, offriamo...’, ha più di quarant’anni ma vedo che la situazione è cambiata pochissimo; ‘San Gottardo’ affrontava il problema dell’immigrazione, poi ‘Bankomat’ sui giovani italiani di seconda generazione che non si sentono molto integrati in Svizzera, l’eterno problema delle nostre banche… sì, tutti i miei film hanno a che fare con la nostra vita.

Con un punto di vista personale, comunque.

Sì: la mia famiglia è molto mista. I miei nonni sono emigrati dal Malcantone in Francia e quando sono tornati hanno continuato a fare i gessatori stagionali in Svizzera interna, mia mamma come moltissime ragazze dell’epoca ha lavorato nelle filande oltregottardo e lì ha incontrato mio papà. In famiglia c’è sempre stato qualcuno che non era della stessa cultura, che non parlava la stessa lingua e questo io l’ho messo, nei miei film. Non ho inventato niente: è la Svizzera, siamo misti ma non vogliamo accettarlo.

Concluderei qui, a meno che non abbia qualcosa da aggiungere, qualche ricordo particolare…

Sì. C’è una persona che a me sta a cuore: Giovanni Orelli. Ho realizzato documentari in cui lui faceva commenti, ‘Matlosa’ è una sua novella, gli ho fatto un ritratto in Val Bedretto. È una persona che mi ha ispirato molto: ha letto più libri di chiunque altro, adorava il cinema anche se ci andava poco e mi parlava sempre dei film di Fellini…

In più, cosa che trovo bella, era sempre presente nella vista sociale, culturale e politica, era sempre in prima linea. E si sentiva sempre “il vallerano”, uno che vive in città ma che ha le radici nelle montagne e non le ha mai dimenticate: ci teneva alla sua identità da montanaro che sapeva mantenere pur vivendo a Lugano.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema villi hermann
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved