lingua-madre-il-corpo-e-di-nuovo-in-scena
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
44 min

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
56 min

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
1 ora

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
4 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
17 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
21 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
14.03.2021 - 17:12
di Valentina Grignoli Cattaneo

Lingua madre, il corpo è di nuovo in scena

Il progetto online del Lac di Lugano si è aperto con le ‘Poesie anatomiche’ di Camilla Parini e Alessio Maria Romano

È il corpo della performer, essenziale, fluido e contratto al contempo, che si muove e abita nuove forme nascoste del Lac, il protagonista di questo originale e riuscito video artistico. Stiamo parlando di ‘Poesie anatomiche’ il primo appuntamento della generosa rassegna proposta dal centro culturale luganese che prende il nome di ‘Lingua madre’ (vedi www.luganolac.ch/lingua-madre).

Un’opera, quella online sul sito del Lac da sabato 13 marzo, che vede messa in scena la parola scritta delle ‘Poesie anatomiche’ di Francesca Sangalli attraverso il solo movimento.

Le nove brevi poesie, come suggerisce il titolo, introducono all’interno dell’anatomia umana raccontando emozioni e stati d’animo attraverso le parti del corpo. E allora cute e vasi sanguigni, tendini tesi, glottide, regione ombelicale, ossa, cellule e mucose sono i diversi protagonisti di questi versi sincopati, a tratti paradossalmente evanescenti nella loro cruda concretezza, che dicono di paura e indecisione, euforia e regressione.

A leggerli, interpretarli e proporli al pubblico è la giovane artista Camilla Parini, in questa occasione diretta dal coreografo e pedagogo Alessio Maria Romano, vincitore del Leone d’Oro alla scorsa edizione della Biennale Teatro di Venezia. Lo fa muovendosi nelle diverse ‘pieghe’ del Lac – quasi fosse un gigantesco corpo lui stesso – in una danza composta dai nove movimenti dell’opera poetica. Una performance che sviluppa i versi della Sangalli in un perpetuarsi di slanci e indolenze, torsioni e aperture, che fa sentire a volte la leggerezza del corpo all’interno dell’architettura, a volte il peso della gravità che lo tiene ancorato al terreno.

Sul palco non possiamo vedere nulla oggi, e allora la camera – diretta magistralmente da Olmo Cerri (REC) – segue Camilla Parini in tutto quello che sta attorno al centro della scena, permettendo a noi spettatori di conoscere cucine, camerini, bagni, locali tecnici, scale e ascensori. Una curata estetica e il montaggio complesso, impreziosiscono e valorizzano ancora di più il lavoro di Parini e Romano. La performer in svolazzante gonna ingombrante nera e scarpe da ginnastica cammina sulle superfici più svariate e gioca con gli elementi architettonici e i materiali della struttura. Seguendo una colonna sonora quasi in crescendo, composta dai rumori che fanno respirare il Lac, sembra quasi che gli artisti – sul finale anche il coreografo è in scena – si alleggeriscano poi per tornare alla nudità del proprio corpo, ancorato alla terra, scaldando e rendendo umane così le immagini prima composte soprattutto da piastrelle, lamiere, ferro e specchi.

Le ‘Poesie anatomiche’ – video e testo poetico – sono il primo tassello di quella che si promette una ricca biblioteca virtuale, a dimostrare che il corpo può tornare alla scena e che una più che valida alternativa alla semplice ripresa video di spettacoli passati può esistere ed è una via che va continuamente esplorata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessio maria romano camilla parini lac lingua madre
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved